Il rapporto RSPH ha rilevato che il 74% degli adulti ritiene che nella propria zona non ci siano abbastanza bagni pubblici. Tuttavia, Unite riconosce che questo è anche un importante problema sul posto di lavoro in quanto molti lavoratori tra cui conducenti di autobus, spazzini, autisti di camion, conducenti di spedizioni, tassisti e spazzini si affidano spesso all'utilizzo di servizi igienici pubblici quando devono liberarsi durante la giornata lavorativa.

La mancanza di accesso ai servizi igienici costringe spesso i lavoratori a ridurre ciò che bevono o "tengono duro", entrambi i quali possono avere gravi conseguenze per la salute. Anche le condizioni di salute specifiche, la gravidanza e la dignità del periodo devono essere riconosciute.

L'assistente del segretario generale Diana Holland ha detto: "Il rapporto RSPH evidenzia ancora una volta l'effetto che la mancanza di servizi igienici pubblici ha sul pubblico in generale, ma dobbiamo riconoscere che questo è anche un importante problema sul posto di lavoro.

"I consigli stanno chiudendo i bagni pubblici senza prendere in considerazione il modo in cui influisce sui lavoratori che fanno affidamento su di essi - chiediamo anche ai datori di lavoro di garantire che le strutture siano protette. Questa è una questione vitale di salute, dignità e uguaglianza. I requisiti di base di nessun lavoratore come essere umano dovrebbero essere ignorati o trascurati in questo modo.

"In alcuni casi questo ha portato i lavoratori con condizioni mediche a essere costretti a lasciare il lavoro.

"Sperare che i lavoratori possano invece utilizzare un negozio o un supermercato locale è del tutto inadeguato.

"È essenziale che i datori di lavoro si assicurino che vengano forniti provvedimenti adeguati per i loro lavoratori, quelli che non devono essere tenuti in considerazione".

Unite ha lanciato una campagna per la dignità del gabinetto per garantire che i lavoratori abbiano accesso a servizi igienici decenti e non abbiano piccole restrizioni a sfruttarli.