Vittime amianto Marina Militare, sentenza storica: condannati i vertici in Corte d’Appello a Venezia!

E’ una sentenza importante. La responsabilità nella valutazione e gestione dei rischi per la salute delle persone subordinate  vale anche per i dirigenti delle forze armate. Il fatto che non esistano “zone franche” potrebbe/dovrebbe cambiare in meglio le condizioni di sicurezza sul  lavoro  per i dipendenti.

Un ringraziamento per l’impegno in questa lotta a Medicina Democratica e a Fulvio Aurora.

 

medicinademocratica.org-Vittime amianto Marina Militare sentenza storica condannati i vertici in Corte dAppello a Venezia

Per scaricare il file clicca QUI 

 165 total views,  6 views today

Fake news, spionaggio, minacce e cospirazioni: una giornata normale per la lobby dell’amianto 1 

 

Fonte IBASE SEGRETARIAT  Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto 

di Laurie Kazan-Allen

Per decenni, gli interessi acquisiti dell’amianto sono collusi per creare un clima in cui le vendite dei loro prodotti tossici avrebbero prosperato. Hanno mentito ai governi; disinformazione diffusa a lavoratori e consumatori; spiato attivisti, politici e gruppi di vittime; funzionari soppressi, sindacalisti ed esperti medici; e impegnato in cospirazioni per controllare i prezzi, dividere i mercati e manipolare i dibattiti sull’amianto. Il limite di parole per questo articolo è troppo breve per avvalorare tutte queste affermazioni, quindi sceglierò alcuni esempi per dare ai lettori un assaggio del male organizzato propagato da questa lobby di distruzione di massa.

Continua a leggere “Fake news, spionaggio, minacce e cospirazioni: una giornata normale per la lobby dell’amianto 1 “

 79 total views,  1 views today

Globale: gli organismi delle Nazioni Unite confutano le affermazioni sulla sicurezza dell’amianto

Fonte Risks Tuc

Gli organismi delle Nazioni Unite responsabili per i diritti globali del lavoro e della salute hanno confutato le dichiarazioni della lobby dell’industria dell’amianto secondo cui “sostengono” l’uso continuato del crisotilo, l’ultima fibra di amianto commercializzata. Le risposte schiaccianti dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) sono arrivate dopo che l’International Chrysotile Association (ICA) ha affermato che le politiche dell’OMS e dell’ILO sono favorevoli all’amianto. L’OMS ha risposto: “L’Organizzazione Mondiale della Sanità ribadisce la sua politica, che rimane invariata, che il modo più efficace per eliminare le malattie legate all’amianto è interrompere l’uso di tutti i tipi di amianto”. L’ILO ha ribadito la sua politica di lunga data che “chiede l’eliminazione dell’uso futuro dell’amianto”.
Posizione dell’OMS sull’amianto crisotilo . Sito web dell’ACI

 98 total views

Alerte européenne sur les masques anti-amiante 3M défectueux

Fonte ETUI.ORG

La Confédération européenne des syndicats (CES) a récemment relayé auprès de tous ses affiliés à travers l’Europe une alerte initiée en France sur les défaillances du masque Proflow asbestos fabriqué par le géant américain 3M. Ce masque de protection est le plus utilisé sur les chantiers de désamiantage partout en Europe. Rien qu’en France, il est régulièrement porté par plus de 25 000 travailleurs.

Le moteur qui pulse l’air ambiant contaminé par les fibres d’amiante à travers le système de filtration de cet équipement de protection individuel présenterait des baisses de régime au cours de son utilisation. Le débit d’air de 160 litres par minute requis par la législation et nécessaire au bon fonctionnement du dispositif n’est pas assuré de façon constante et les travailleurs qui portent ce masque ne sont donc plus protégés efficacement contre l’inhalation de fibres d’amiante.

D’après le quotidien Libération qui a révélé l’affaire au grand public, les dysfonctionnements de ces masques à ventilation assistée ont été rapportés à la direction de 3M pour la première fois en mai 2018 par une de ses salariées, elle-même alertée via les centres de maintenance des masques. Elle rapporte que « 90 des 100 équipements Proflow reçus présentent un problème de débit d’air insuffisant » et « qu’il n’y a pas d’alarme quand le débit est inférieur à 160 L/mn ». Mise à l’écart par son employeur et devant l’inaction de 3M qui affirme que ses masques sont homologués et donc parfaitement sûrs, cette lanceuse d’alertes s’est adressée à la Commission nationale Déontologie et Alertes en Santé publique et environnement (cnDAspe) qui a ouvert une enquête en décembre 2020 (voir son signalement 133).

La cnDAspe a informé la Direction Générale du Travail (DGT) – l’autorité française de surveillance compétente sur le matériel de protection des travailleurs – qui, après investigation, a publié en octobre 2021 un avis dans lequel on apprend que 3M a modifié la notice d’utilisation des masques Proflow asbestos et les a équipés depuis juillet 2020 d’un dispositif d’indication du débit d’air. L’avis stipule que l’utilisation des masques sans ce dispositif est prohibée.

Continua a leggere “Alerte européenne sur les masques anti-amiante 3M défectueux”

 92 total views,  1 views today

Brasile: Iniziativa di sensibilizzazione sull’amianto di Bahia

Il 14 maggio 2022 si è tenuto un seminario pubblico sull’amianto, organizzato dal personale dell’Istituto Federale di Bahia (IFBA), dell’Associazione brasiliana delle vittime dell’amianto (ABREA) e dell’Associazione delle vittime contaminate dall’amianto e delle famiglie esposte (AVICAFE) presso l’IFBA per prendere in considerazione misure per il monitoraggio della salute e il sostegno alle persone con malattie legate all’amianto nella regione di Bom Jesus da Serra. Le operazioni minerarie commerciali in una miniera di amianto locale e l’uso diffuso dei rifiuti di amianto negli spazi pubblici e privati ​​hanno portato a un’elevata incidenza di malattie legate all’amianto nella regione. Vedi: IFBA realiza seminário sobre os efeitos nocivos do amianto na região de Bom Jesus da Serra [IFBA tiene un seminario sugli effetti nocivi dell’amianto nella regione di Bom Jesus da Serra].

 87 total views,  1 views today

CNEL. Convegno: A 30 anni dalla messa al bando dell’amianto. Legge 257/92 

Consiglio Nazionale dell’Economia e del Lavoro (CNEL) Giornata mondiale dedicata ai morti sul lavoro . A 30 anni dalla messa al bando dell’amianto. Legge 257/92 

 

 229 total views,  2 views today

INRS. Amianto: guida alla prevenzione per i centri di manutenzione

Segnaliamo questo articolo apparso su INRS, la guida è uno strumento di lavoro importante.

Decontaminazione, manutenzione e verifica delle apparecchiature utilizzate nei siti di amianto

Questa guida alla prevenzione descrive i principi di progettazione, organizzazione e funzionamento dei centri di manutenzione per le apparecchiature utilizzate nei siti di amianto. Fornisce consigli pratici per prevenire i rischi di esposizione all’amianto durante le operazioni di decontaminazione, manutenzione e verifica delle apparecchiature. Offre un foglio di tracciabilità del modello che deve essere completato dal mittente dell’attrezzatura e dal centro di manutenzione.

I cantieri di rimozione dell’amianto richiedono un gran numero di attrezzature di lavoro, siano esse:

  • piccole attrezzature (dispositivi di protezione delle vie respiratorie, utensili elettrici, ecc.),
  • attrezzature più grandi (aspiratori d’aria, smerigliatrici, pialle, aspirapolvere, ecc.),
  • unità mobili di decontaminazione.

Tuttavia, tutte queste apparecchiature devono essere decontaminate, mantenute e controllate prima di poter essere utilizzate in un nuovo sito. Per questo, le società di rimozione dell’amianto si affidano a centri di manutenzione che svolgono tutte queste operazioni.

Questa guida alla prevenzione è destinata principalmente ai centri di manutenzione e alle aziende di rimozione dell’amianto. Può essere utile anche per fornitori e produttori di attrezzature di lavoro (per redigere capitolati autorizzativi se rilasciano autorizzazioni a centri di manutenzione per la revisione delle attrezzature).

Principali obiettivi della guida alla prevenzione

  • Descrivere i principi di progettazione per i centri di manutenzione per soddisfare i requisiti di prevenzione del rischio “amianto” e quindi ridurre il rischio di esposizione dei lavoratori.
  • Avvisare i centri di manutenzione e le società di rimozione dell’amianto sulla definizione di regole che consentano la gestione sicura dei materiali utilizzati in un sito di rimozione dell’amianto e che potrebbero essere contaminati da fibre di amianto.
  • Aiutare i produttori di materiali e apparecchiature di sicurezza che effettuano l’autorizzazione dei centri di manutenzione a stabilire le loro specifiche di autorizzazione.

Questa guida alla prevenzione consente di:

  • descrivere il principio del ”  movimento in avanti   ” in questi centri di manutenzione per evitare di incrociare attrezzature contaminate con attrezzature decontaminate o non;
  • fornire informazioni sulle buone pratiche osservate sul campo nei centri di manutenzione;
  • specificare gli obblighi in materia di prevenzione del rischio amianto per i gestori dei centri di manutenzione;
  • garantire la tracciabilità delle operazioni eseguite sulle apparecchiature da parte di un centro di manutenzione, utilizzando un foglio di tracciabilità . Questa scheda di monitoraggio, disponibile in appendice alla presente guida (disponibile anche per il download), permette una migliore qualificazione di eventuali non conformità delle operazioni effettuate (condizione delle apparecchiature ricevute, risultati delle prove, ecc.).

Vai alla fonte per leggere l’intero articolo e le relative note di approfondimento

 155 total views,  6 views today

Un vaccino per l’amianto? Un appello di ricercatori, epidemiologi, igienisti e medici del lavoro, ingegneri, Tecnici della Prevenzione e scienziati.

 

Un vaccino per l'amianto_con firme

Per scaricare il testo pdf dell’appello clicca QUI 

Diario Prevenzione condivide gli obiettivi di questo Appello . Gino Rubini, editor di diario-prevenzione.it

 222 total views,  1 views today

La guerra di Putin all’Ucraina sminuisce la posizione della Russia negli affari mondiali

Fonte : Segreteria Internazionale per la messa al bando dell’amianto

Autrice:

Laurie Kazan Allen che ringraziamo

N.B. L’articolo è stato tradotto in italiano con google translator. Per ogni riferimento vale l’articolo alla fonte in lingua inglese 

 

19 aprile 2022

Ieri (18 aprile 2022), ci siamo svegliati con la notizia dell’ennesimo bombardamento russo delle città ucraine la scorsa notte; più morti tra i civili, più distruzione sfrenata. Un cambiamento di paradigma nella nostra percezione e nel rapporto con la Russia è ormai diventato saldamente radicato. 1 Non si tratta, come ha detto al Parlamento il Cancelliere tedesco Olaf Scholtz il 27 febbraio 2022, non più una questione di distensione e impegno, ma di deterrenza e ripudio. 2 Il business as usual, o come è stato dalla fine della seconda guerra mondiale, non è più possibile.

L’Assemblea Generale delle Nazioni Unite lo ha riconosciuto il 3 marzo 2022 quando ha approvato una risoluzione che chiedeva alla Russia: “ritirare immediatamente, completamente e incondizionatamente tutte le sue forze militari dal territorio dell’Ucraina entro i suoi confini internazionalmente riconosciuti”. 3 Il 24 marzo, una risoluzione che chiedeva la fine immediata dell’invasione russa è stata appoggiata dalla maggioranza dell’Assemblea Generale. 4

Solo quindici giorni dopo, l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che chiedeva la sospensione della Russia dal Consiglio per i diritti umani (UNHCR) “in risposta all’invasione di Mosca e alle presunte violazioni dei diritti in Ucraina”. 5

Il compito dell’UNHCR è promuovere e garantire i diritti umani nella sua qualità di organismo intergovernativo che opera all’interno del sistema delle Nazioni Unite. Per proteggere gli esseri umani e l’ambiente dalle esposizioni tossiche alle sostanze chimiche, altri due organismi – l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e il Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UENP) – hanno sviluppato negli anni ’80 un programma che in seguito è diventato il programma multilaterale trattato che è la Convenzione di Rotterdam sulla procedura di previo consenso informato per determinati prodotti chimici pericolosi e pesticidi nel commercio internazionale (RC).

Continua a leggere “La guerra di Putin all’Ucraina sminuisce la posizione della Russia negli affari mondiali”

 203 total views,  1 views today

ISS- Ministero Salute – Amianto e Salute in Italia: priorità e prospettive nel trentennale del bando in Italia

Fonte Istituto Superiore Sanità

24 marzo 2022 – in diretta streaming- ore 9:30-13:30

organizzato da ISS – Ministero della salute

Le relazioni ed il video dell’evento sul sito del Ministero della Salute: “Amianto: il punto nel trentennale della legge che lo mise al bando in Italia“.

Continua a leggere “ISS- Ministero Salute – Amianto e Salute in Italia: priorità e prospettive nel trentennale del bando in Italia”

 152 total views

PROCESSO ETERNIT BIS Schmidheiny condannato anche a Napoli: 3 anni e 6 mesi per omicidio colposo Il miliardario svizzero è stato ritenuto colpevole di un solo decesso per amianto.

di  Claudio Carrer

Fonte: Areaonline

 

Il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny è stato condannato ieri, mercoledì 6 aprile, dalla Corte di Assise di Napoli a tre anni e sei mesi di carcere per omicidio colposo in relazione alla morte per amianto di un ex operaio della Eternit di Bagnoli. La pubblica accusa sosteneva la tesi dell’omicidio intenzionale. Per altri 6 casi al centro di questo filone dell’Eternit bis, a seguito della riqualificazione del reato, i giudici hanno sancito l’avvenuta prescrizione. E per uno è stato assolto perché il fatto non sussiste.

Per l’ex patron dell’Eternit, si tratta indubbiamente di un bello “sconto di pena”, ritenuto che i sostituti procuratori di Napoli Anna Frasca e Giuliana Giuliano avevano chiesto una pena di 23 anni e 11 mesi di reclusione, sostenendo la piena consapevolezza dell’imputato circa i rischi per la salute legati all’esposizione all’amianto e la sua accettazione della morte delle vittime. Ma si tratta pur sempre di una condanna per omicidio e non di un’assoluzione che invocavano i suoi legali.

Continua a leggere “PROCESSO ETERNIT BIS Schmidheiny condannato anche a Napoli: 3 anni e 6 mesi per omicidio colposo Il miliardario svizzero è stato ritenuto colpevole di un solo decesso per amianto.”

 185 total views,  1 views today

Russia: sostegno del governo all’industria dell’amianto

Fonte IBAS

A seguito delle sanzioni economiche alla Russia per l’invasione dell’Ucraina, le esportazioni russe di amianto sono state bloccate. Poiché la Russia è il più grande produttore ed esportatore di fibra di amianto, le difficoltà che questo settore sta attraversando sono di interesse nazionale. Secondo un notiziario del 31 marzo, Orenburg Minerals – il più grande conglomerato russo di amianto – ha segnalato “problemi anche con la consegna di prodotti in Cina [che possono essere inviati per ferrovia]. I problemi di pagamento sono stati risolti solo con India e Cina; si stanno risolvendo con la Turchia e l’Iran”. Vedi: Субсидиии в 200 млн рублей на процентную ставку выделили оренбургским предпринимателям [Sussidi di 200 milioni di rubli di interesse per gli imprenditori di Amburgo].

 131 total views,  1 views today

Russia – Amianto. Uralasbest sul piede di guerra

Notizie dal Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto.

Fonte ibasesecretariat.org

 

23 marzo 2022

Nonostante un sostanziale aumento dei profitti per l’anno finanziario 2021, Uralasbest, il secondo conglomerato di amianto più grande della Russia, ha annunciato questa settimana che non avrebbe pagato dividendi. Il 22 aprile 2022, in occasione dell’Assemblea Generale Annuale della società, verrà comunicato agli azionisti: “Si è deciso di non distribuire utili a causa dell’aggravarsi della situazione economica esterna. È meglio non spendere questi fondi ora, in modo che in seguito ci sarà l’opportunità di sostenere la produzione se non c’è abbastanza capitale circolante”. Vedi: Свердловский производитель асбеста отказался платить дивиденды [Il produttore di amianto di Sverdlovsk ha rifiutato di pagare i dividendi].

 410 total views,  8 views today

ISS. Amianto e Salute in Italia: priorità e prospettive nel trentennale del bando in Italia – 24 marzo 2022

Incontro organizzato da

 ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ
MINISTERO DELLA SALUTE

Programma_Amianto e Salute in Italia_24 marzo 2022

Per scaricare il file pdf  clicca QUI 

 787 total views,  4 views today

Genocidio e oppressione visti attraverso un filtro dall’amianto

Fonte :  Blog LKA 

di  Laurie Kazan Allen

3 marzo 2022

Mentre guardavamo l’attacco del 2001 al World Trade Center svolgersi davanti ai nostri occhi in TV, il mondo tratteneva il respiro e aspettava. 1 Come tutti gli altri, ero paralizzato dalla paura per il destino di tutti coloro che si trovavano negli aerei dirottati e negli edifici attaccati. In attesa di notizie, non ho ritenuto opportuno diffondere informazioni sulla presenza di amianto negli edifici. I voraci imputati dell’industria dell’amianto, tuttavia, non ebbero tale rimorso e iniziarono a far circolare notizie spazzatura sul disastro quasi immediatamente.

Oggi mi siedo davanti allo schermo del mio computer e alla TV, ancora una volta paralizzato da ciò che vedo svolgersi davanti ai miei occhi. Ero ben consapevole della guerra commerciale che gli interessi dell’amianto dell’Europa orientale avevano dichiarato all’Ucraina e della loro feroce determinazione a impedire all’Ucraina di vietare l’amianto in preparazione all’adesione all’Unione europea, ma non avevo idea di come sarebbero andate a finire queste e altre questioni.

Continua a leggere “Genocidio e oppressione visti attraverso un filtro dall’amianto”

 368 total views

ISOCHIMICA AVELLINO-AMIANTO: Tribunale di Avellino Condanna a 10 anni di reclusione 4 imputati – (2 resp. sicurezza di Isochimica e 2 funzionari FF.SS)

Fonte AFevA Emilia Romagna 

Bologna, 1 febbraio 2022

Il Tribunale di Avellino, il 28 gennaio 2022, ha emesso quattro condanne per disastro doloso, omicidio colposo, lesioni personali e rimozione od omissione dolosa di cautele contro gli infortuni sul lavoro nella vicenda AMIANTO all’ ISOCHIMICA di Avellino.

I condannati in primo grado di giudizio sono: i responsabili della sicurezza di ISOCHIMICA Vincenzo Izzo e il suo vice Pasquale De Luca, i funzionari delle Ferrovie dello Stato Aldo Serio e Giovanni Notarangelo.

Continua a leggere “ISOCHIMICA AVELLINO-AMIANTO: Tribunale di Avellino Condanna a 10 anni di reclusione 4 imputati – (2 resp. sicurezza di Isochimica e 2 funzionari FF.SS)”

 371 total views

Divieto di amianto in Ucraina: aggiornamento 2022  

Fonte IBASECRETARIAT

di Laurie Kazan-Allen

Anche se le truppe russe hanno continuato la loro formazione militare al confine con l’Ucraina lo scorso anno (2021), all’interno del paese la battaglia per l’amianto crisotilo (bianco), una sostanza cancerogena che la Verkhovna Rada [Parlamento ucraino] si è impegnata a vietare in linea con requisiti per entrare a far parte dell’Unione Europea – ha continuato a imperversare. 1 Sotto l’immensa pressione delle parti interessate all’amianto, nazionali ed estere, 2 un dibattito sulla bozza di divieti sull’amianto programmato dalla Commissione parlamentare per la salute il 15 dicembre 2021 è stato annullato senza preavviso; la mattina del previsto dibattito l’argomento è stato escluso dall’ordine del giorno che è stato caricato sul sito web della commissione.

Continua a leggere “Divieto di amianto in Ucraina: aggiornamento 2022  “

 656 total views,  6 views today

Il paesaggio dell’amianto in Australia 2021  

Fonte Ibasecretariat.org

di Laurie Kazan-Allen

La frequenza degli allarmi in Australia sulle importazioni illegali di amianto continua senza sosta con segnalazioni di prodotti per l’edilizia contenenti amianto, 1 traghetti, 2 parti di automobili 3 e giocattoli 4 che si fanno ripetutamente strada nei media. Solo poche settimane fa, un sindacalista attento a Brisbane ha lanciato l’allarme su un prodotto che si ritiene contenga amianto nel sito di sviluppo di Queen’s Wharf; i lavoratori hanno abbandonato il cantiere fino a quando non è stato dato il via libera. 5Mentre l’incidente di Brisbane è stato un falso allarme, altri incidenti simili a Perth, Sydney e Melbourne purtroppo non lo sono stati. Secondo una dichiarazione del produttore e fornitore di materiali da costruzione USG Boral, è stato riscontrato che campioni di materiale ignifugo in cartongesso importato dalla Cina contengono “livelli molto bassi di amianto”. L’azienda ha consigliato ai lavoratori “di astenersi dall’installare, distribuire o fornire i prodotti”. 6 Continua a leggere “Il paesaggio dell’amianto in Australia 2021  “

 704 total views

L’industria dell’amianto 2021: smentita, screditata e defunta 

 

Fonte Ibasesecretariat.org 

di Laurie Kazan-Allen

Gli occhi del mondo sono stati puntati sull’esito delle discussioni di questo mese alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Glasgow. 1 Questo evento ha attirato l’attenzione delle parti interessate dell’industria dell’amianto? Immagino di no. Perchè no? Perché la loro prima direttiva è sempre stata la generazione di profitti indipendentemente dall’impatto delle loro operazioni sugli esseri umani o sull’ambiente.

Sebbene sia palesemente ovvio, va detto che la miopia commerciale dell’industria dell’amianto è più fuorviante ora di quanto non lo sia mai stata. Il 2021 non è il 2001 e le azioni che risultano dalla mentalità normale degli interessi acquisiti dall’amianto costituiscono un assalto alla vita umana e all’ambiente. I produttori di amianto, come i fornitori di carbone, petrolio e gas naturale, sono venditori ambulanti di sostanze che stanno distruggendo il nostro pianeta e le persone che ci vivono.

Continua a leggere “L’industria dell’amianto 2021: smentita, screditata e defunta “

 487 total views

Il numero di ottobre della Rivista Lavoro e Salute ottobre 2021

E’ disponibile online il numero di ottobre 2021 di Lavoro e Salute .
In questo numero molti articoli importanti.

Per scaricare il file pdf della Rivista clicca QUI 

 452 total views,  2 views today

Sviluppi  sull’ amianto a Bruxelles 

Fonte : International Ban Asbestos Secretariat

di Laurie Kazan-Allen

 

Attraverso la persuasione e la punizione le istituzioni europee stanno cercando di migliorare le protezioni ambientali e occupazionali nei confronti dell’amianto. Negli elenchi mensili delle decisioni di infrazione della Commissione europea pubblicati il ​​23 settembre 2021, è stato notato che erano stati inviati pareri motivati ​​a Slovenia e Spagna che avevano segnato il tempo. Qualora questi due Stati membri non recepissero nel diritto nazionale la direttiva 2014/52/UE del Parlamento europeo sulla valutazione dell’impatto ambientale di progetti pubblici e privati ​​entro due mesi, potrebbe seguire un’azione legale dinanzi alla Corte di giustizia dell’Unione europea. 1Se gli imputati dovessero essere giudicati colpevoli, le sanzioni pecuniarie sono una possibilità concreta. Il testo sul sito web della Commissione UE su questo sviluppo conteneva pochi dettagli sulle particolarità delle infrazioni commesse, tranne per dire che:

Continua a leggere “Sviluppi  sull’ amianto a Bruxelles “

 233 total views

Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara 

 

Foto di un tetto d’amianto, wikipedia

di Laurie Kazan-Allen 

Fonte : Segreteria internazionale per la messa al bando dell’amianto 

Il 13 settembre 2021 un evento sismico in un tribunale italiano è passato in gran parte inosservato. L’Italia è l’unico Paese al mondo che ha cercato con costanza e coscienza di rendere conto dei responsabili dell’epidemia nazionale di malattie legate all’amianto che ha tolto la vita a un numero imprecisato di cittadini. 1 Per i loro reati sono stati processati individualmente e congiuntamente i titolari di conglomerati di amianto, i dirigenti dei singoli stabilimenti e gli altri che sovrintendevano alla produzione e alla commercializzazione di materiale cancerogeno. L’imputato ha affrontato una serie di accuse tra cui omicidio colposo, omicidio volontario e reati ambientali.

Questa settimana alla Corte d’Assise di Novara, la Procura della Repubblica ha iniziato a presentare il caso – noto come Eternit bis – contro il miliardario svizzero Stephan Schmidheiny, accusato, in questo caso, di omicidio volontario per la morte tra il 1992 e il 2016 di 63 lavoratori e 320 persone del pubblico che hanno respirato le fibre di amianto liberate dalle operazioni dello stabilimento Eternit di Casale Monferrato. Negli ultimi dieci anni Schmidheiny è stato accusato in diverse giurisdizioni italiane di omicidio, omicidio colposo, omicidio colposo aggravato, danni permanenti all’ambiente e mancato rispetto delle norme di sicurezza. 2Schmidheiny non è mai apparso di persona in nessuno dei processi italiani e ha affermato che le azioni legali contro di lui equivalevano a “tortura di stato” da parte di uno “stato fallito”. Essere il bersaglio di questa prolungata vendetta legale, ha detto, ha danneggiato la sua salute mentale e lo ha costretto a trovare conforto nella meditazione per affrontare “il suo odio per gli italiani”.

Continua a leggere “Aggiornamenti dal Processo Eternit di Novara “

 287 total views,  2 views today

L’offensiva autunnale dell’amianto in Russia 

 

Welcome sign at the entrance to Asbest, saying “Asbest is my town and destiny”. Fonte file Commons Licence, Wikipedia .

 

Fonte : Questo articolo è stato pubblicato in lingua inglese sul sito del Segretariato internazionale per la messa al bando dell’amianto. La Traduzione è stata effettuata con google translator, il testo di riferimento è quello publicato sul sito del  Segretariato. editor

di Laurie Kazan-Allen

Il 1° settembre, il giorno in cui tradizionalmente i bambini russi tornano a scuola dopo la pausa estiva, è celebrato come Giornata annuale della conoscenza. Gli alunni entrano nelle aule addobbate a festa vestiti con abiti nuovi e con in mano mazzi di fiori per celebrare l’importanza della giornata. Mercoledì la scorsa settimana (1 settembre 2021), il governatore di Sverdlovsk Yevgeny Kuyvashev ha visitato le classi di tre scuole superiori, inclusa una nella città mineraria di amianto di Asbest (Amianto). 1 Secondo un notiziario, “offrì agli studenti opzioni per le loro future professioni”. Indipendentemente dal fatto che abbia evidenziato o meno le possibilità di carriera nella miniera di amianto crisotilo della città, non lo sappiamo con certezza, ma dal momento che il suo proprietario Uralasbest è uno dei maggiori datori di lavoro della zona, sembra molto probabile. 2Ciò che il Governatore non avrebbe menzionato era l’elevato rischio per i lavoratori Uralasbest di morte prematura e/o malattie debilitanti derivanti dall’esposizione professionale all’amianto, un noto cancerogeno.

Continua a leggere “L’offensiva autunnale dell’amianto in Russia “

 683 total views,  6 views today