ETUI.Il lavoro  nell’era dell’intelligenza artificiale: perché è necessaria una regolamentazione per proteggere i lavoratori

FONTE ETUI 
Autrice Aída Ponce Del Castillo

Le grandi potenze del mondo, molti stati e aziende stanno combattendo per vincere la corsa all’intelligenza artificiale (AI). L’intelligenza artificiale è di importanza strategica per l’Unione Europea, con la Commissione Europea che ha recentemente dichiarato che “l’intelligenza artificiale è un obiettivo che può fare dell’Europa un leader tecnologico globale”.

Per raggiungere questo obiettivo, l’UE deve creare un quadro etico e giuridico appropriato. Questa Outlook Note sostiene che tale quadro deve essere solidamente basato sulla regolamentazione – può essere raggiunto aggiornando la legislazione esistente – e che deve prestare particolare attenzione alla protezione dei lavoratori. I lavoratori sono in una posizione di subordinazione ai loro datori di lavoro e, nella fretta dell’Europa di vincere la corsa all’IA, i loro diritti rischiano di essere trascurati. Questo è il motivo per cui deve essere sviluppato un quadro giuridico protettivo e applicabile, con la partecipazione delle parti sociali.

DOWNLOAD EBOOK 

Les applications de traçage des contacts pour le COVID-19 : comment éviter que la vie privée ne devienne la prochaine victime rendra possible le traçage des contacts »

 

ETUI Policy Brief N°5/2020
Politiques économiques, sociales et de l’emploi en Europe

Les applications de traçage des contacts pour le COVID-19 : comment éviter que la vie privée ne devienne la prochaine
victime rendra possible le traçage des contacts ». Le 21 avril, le Premier ministre néerlandais Mark Rutte a déclaré que le développementes applications de traçage du COVID-19 se poursuivrait, en dépit  du fait que sept de ces applications ont été testées et qu’aucune d’entre elles n’a réussi à répondre aux exigences en matière de sécurité, de respect de la vie privée et de fiabilité.
Aída Ponce Del Castillo

IL DOCUMENTO

Il futuro ruolo dei big data e dell’apprendimento automatico nell’efficienza delle ispezioni nel settore della salute e della sicurezza

FONTE EUOSHA

Il futuro ruolo dei big data e dell’apprendimento automatico nell’efficienza delle ispezioni nel settore della salute e della sicurezza

Questo articolo valuta in che modo gli ispettorati del lavoro potrebbero utilizzare i big data per selezionare in maniera efficace gli obiettivi delle ispezioni nel settore della salute e della sicurezza. Illustra come oggi le autorità selezionano gli intenti delle ispezioni e si avvalgono degli sviluppi digitali per individuare le imprese ad alto rischio.

Nell’articolo sono riportati alcuni esempi di tecnologie utili nella pratica, compreso uno strumento, sviluppato dall’ispettorato del lavoro norvegese, che pare possa essere utilizzato per le imprese ad alto rischio con un considerevole grado di precisione.

L’articolo individua inoltre alcuni nodi problematici, giungendo alla conclusione che una combinazione di intelligenza artificiale e intelligenza umana è probabilmente la soluzione ideale per un intervento mirato basato sul rischio.

Downloadin:EN

Il volto umano dell’algoritmo: perché il futuro avrà bisogno di più arti e discipline umanistiche

 

FONTE EQUALTIME 

Nel dibattito sul futuro del lavoro, ci sono molti che considerano le arti e le scienze umane come reliquie del passato, una specie esotica sull’orlo dell’estinzione.

(Maria José Carmona)

Queste discipline hanno sempre lottato contro i pregiudizi che li tassano come inutili, ma oggi, agli albori della rivoluzione robotica che sta arrivando, sembrano ancora più obsoleti che mai. Sono tutti studenti che oggi si sporcano le mani con l’argilla, che rivedono le declinazioni latine o studiano le cronache di Erodoto che sostengono, contro ogni previsione, questa spericolata idea di voler vivere.

Nel fervore del dibattito sul futuro del lavoro , molte persone considerano già gli studi di arte, letteratura e umanità come reliquie del passato, un esemplare esotico che è sull’orlo dell’estinzione. È il caso del Giappone, ad esempio, in cui il governo ha raccomandato che le sue università eliminino questi studi e si concentrino su una formazione ” più pratica “.

” Nella maggior parte dei paesi del mondo, le arti, la letteratura e gli studi umanistici, che molti vedono come inutili oggetti decorativi, vengono rimossi ” , ha avvertito Martha Nussbaum, un filosofo statunitense , nel 2016. Suonava principalmente l’allarme sulla situazione negli Stati Uniti dove, guidati dal fervore tecnologico, queste discipline avevano perso quasi il 10% dei laureati.

” Dal 1960, la storia delle discipline delle Arti, Lettere e Scienze umane attraverso diverse crisi ,” riconosce Jordi Ibáñez Fanes, autore di ” El Dizionario de la historia: apuntes sobre las Humanidades in tiempos de crisi ” ( o “Il rovescio della storia: note sulle scienze umane in tempi di crisi”). ” Oggi vengono rimproverati per qualcos’altro, comunque. Sono accusati di essere improduttivi e superflui . E questa immagine è stata rafforzata a causa di un’altra crisi: la crisi economica. Continua a leggere “Il volto umano dell’algoritmo: perché il futuro avrà bisogno di più arti e discipline umanistiche”