Vai al contenuto

Foire aux questions

Quelles mesures organisationnelles mettre en place ? Comment organiser son télétravail ? Quelle protection adopter pour les personnels des commerces et de la distribution alimentaire ?... Voici des réponses aux questions les plus souvent posées en entreprise face à la pandémie de COVID-19.

Une pandémie de COVID-19 en rapport avec le virus SRAS-CoV-2 évolue depuis décembre 2019 à partir de la Chine, et en France depuis fin janvier 2020.

Face à l’épidémie de COVID-19, les ministères en charge de la santé et du travail diffusent régulièrement des messages de prévention à l’attention du public, des voyageurs, des professionnels de santé, des salariés et des chefs d’entreprise et les adaptent à la situation de l’épidémie.

En entreprise, l’employeur devra actualiser son évaluation des risques afin de décider des mesures adaptées à la continuité de l’activité, prenant en compte les consignes sanitaires propres à garantir la santé des salariés.

Lorsqu’un Plan de Continuité d’Activités (PCA) existe, et qu’il est diffusé dans l’entreprise, il peut être judicieux d’y prévoir un chapitre qui rassemblent l’ensemble des mesures adoptées pour garantir la santé et la sécurité des salariés pendant toute la période de son application.

Ce dossier a pour objectif d’aider les acteurs de l’entreprise dans cette démarche.

Après un confinement du 17 mars au 11 mai, les activités ont repris progressivement dans des conditions variables selon les secteurs mais avec toujours les mêmes préconisations de base : respect des mesures barrières et de la distanciation, privilégier le télétravail notamment pour les personnes fragiles, limitation des réunions et des déplacements non indispensables.
Des préconisations pour la reprise d’activité ont été faites par activités (Ministère du TravailHCSP).

Per leggere tutto ----> vai alla Fonte INRS

 

 

Evaluer en interne les risques psychosociaux
Le numéro 817 du magazine Travail & Sécurité vient de paraître. Le dossier du mois aborde la question de l’évaluation des risques psychosociaux. Au sommaire également une rubrique consacrée au COVID-19, un entretien avec Julie Gauthier, directrice de l’association Amicial d’intervenants à domicile ou encore un reportage en images sur la société Paprec Chantiers spécialisée dans le recyclage.
Le numéro 817 de Travail & Sécurité daté de juillet-août 2020 est en ligne.

Télécharger le PDF

Segnaliamo l'uscita del numero 816 della Rivista Travail et Sécurité dell'Istituto INRS come sempre ricca di contenuti utili e importanti per chi si occupa di sicurezza sul lavoro.

Fluidi da taglio

Il numero 816 della rivista Travail & Sécurité è stato appena pubblicato. Il dossier di questo mese è dedicato ai rischi professionali legati al taglio dei fluidi. Nel riassunto è inclusa anche una nuova sezione dedicata a COVID-19, un'intervista a Frédéric Lerais, direttore generale dell'Istituto per la ricerca economica e sociale, o un rapporto in immagini sulla società Socode specializzata nella costruzione di veicoli.

Il numero 816 di Travail & Sécurité datato, in via eccezionale, da maggio a giugno 2020 è online.

Copertina del numero 816 di Travail & Sécurité

In sintesi, questo mese troverai:

  • una nuova sezione speciale Covid-19 , che presenta, sotto forma di testimonianze, il feedback delle aziende che hanno dovuto adattarsi molto rapidamente, non appena il confinamento è stato annunciato e anche prima, alle misure sanitarie legate alla pandemia al fine di continuare la propria attività garantendo, in via prioritaria, la salute dei propri dipendenti;
  • La grande intervista , con Frédéric Lerais, direttore generale dell'Istituto per la ricerca economica e sociale, che ci parla delle conseguenze nelle società del declino senza precedenti dell'attività economica causato dalla crisi sanitaria;
  • il File dedicato al taglio di fluidi, prodotti ampiamente utilizzati per la lavorazione dei metalli che possono esporre i dipendenti a rischi chimici e biologici. La prevenzione di questi rischi comporta principalmente misure per sostituire i prodotti più pericolosi e l'istituzione di una protezione collettiva;
  • le immagini dedicate alla fabbrica Socodes che trasforma i telai ordinari in veicoli speciali per i vigili del fuoco, l'esercito e l'industria e il cui aumento di attività ha portato a cambiamenti nella sua organizzazione, in particolare limitando il lavoro in altezza.

 

Senza dimenticare la rubrica Una giornata con  un terapista occupazionale e un addetto alla prevenzione che lavora con i servizi di assistenza domiciliare di Creuse e la sezione Servizi che offre estratti dei testi ufficiali pubblicati tra il 1 marzo e il 31 marzo 2020.

I dipendenti Carrefour sono per  due terzi "  sfiniti moralmente e fisicamente  " e il 76% non crede che la società cresca, secondo un sondaggio che ha raccolto 7000 risposte, presentato venerdì dal CFDT, 2 ° sindacato del gruppo, in videoconferenza 

Il barometro intitolato "  I note my box  ", eseguito faccia a faccia da 136 delegati CFDT da gennaio a marzo, attribuisce a Carrefour un punteggio complessivo di 4,5 su 10. Secondo Sylvain Macé, rappresentante sindacale centrale di Carrefour , questa è la prima in una società in Francia. Le risposte, elaborate da una società indipendente, riguardano la salute, le condizioni di lavoro e l'organizzazione. Sono integrati da un questionario a maggio sulla crisi di Covid-19. (continua) 

L'articolo prosegue alla fonte su LA VDN 

Riflettori puntati sull'industria del vetro

Il file numero 812 della rivista Travail & Sécurité affronta il problema dei rischi professionali nell'industria del vetro. In sintesi anche una bella intervista a Catherine Cavalin, sociologa, interessata al riemergere di casi di silicosi....

Coprire 812

In sintesi, questo mese troverai:

  • la Grande Intervista a Catherine Cavalin, ricercatrice di sociologia all'Irisso ( CNRS - laboratorio Inra), che ha studiato, nell'ambito del suo lavoro, il riemergere di casi di silicosi negli ultimi anni in tutto il mondo ;
  • il File dedicato all'industria del vetro, un materiale a volte così trasparente che non lo vediamo più, ma presente ovunque nella vita di tutti i giorni e in molti settori industriali. Sia durante la sua fabbricazione a caldo, la sua trasformazione a freddo per determinati usi o semplicemente durante la sua attuazione, i dipendenti che partecipano a queste operazioni sono esposti a specifici rischi professionali;
  • in Immagini dedicate alla stazione sciistica di Gourette, nei Pirenei atlantici, che accoglie i dipendenti della stagione invernale per due giorni durante i quali gli allenatori e il responsabile della prevenzione inviano messaggi di prevenzione affinché la stagione si svolga nel migliori condizioni di sicurezza;
  • Senza dimenticare le notizie, la sezione Una giornata con un mediatore sociale che segue nei cantieri per il settore delle costruzioni e dei lavori pubblici , i rapporti En Entreprises e la sezione Servizi che offre il "Feedback su ..." dedicato agli strumenti per la valutazione rischi per le piccole imprese e una "lente d'ingrandimento" sulla ristorazione tradizionale. E infine, estratti dai testi ufficiali pubblicati tra il 1 e il 30 novembre 2019, seguiti da una "Domande e risposte" sulla destra per disconnettersi.

Riflettori puntati sul cantiere Grand Paris Express . Il numero 809 della rivista Work & Safety è stato appena pubblicato. Il dossier del mese è dedicato alle questioni di salute sul lavoro sollevate dal progetto titanico del Grand Paris Express.

couv 809
In sintesi, questo mese troverai:
  • La grande intervista , con Pascal Ughetto, sociologo e professore all'università Paris-Est-Marne-la-Vallée, che ha condotto molte ricerche sulle trasformazioni del lavoro. Cita un recente fenomeno di esortazione all'autonomia che ritiene abbia conseguenze gravi per l'azienda, in particolare per quanto riguarda il ruolo dei dirigenti.
  • Il dossier dedicato al Grand Paris Express che dà vita a super lavori programmati per durare dieci anni per il raddoppio della rete di trasporto pubblico di Parigi e che mobilita già oltre 2 000 aziende e diverse migliaia di dipendenti. La natura dei siti, il loro ambiente, il gigantismo del progetto e le scadenze a volte abbreviate, impongono un controllo rigoroso dei rischi professionali dalla progettazione, quindi durante tutte le operazioni.
  • Molti articoli interessanti

Travail et Sécurité n° 809 - ottobre 2019 

Numero 157 della rivista References in Occupational Health
Revisione trimestrale per le parti interessate dei servizi di medicina del lavoro
Il lavoro notturno, che colpisce il 20% della popolazione mondiale, è sospettato di promuovere il cancro al seno nelle donne. Ma cosa dicono gli studi su questo argomento? Trova in questa edizione una rassegna di letteratura dedicata a questo problema. Inoltre, un inventario delle pratiche riguardanti il ​​monitoraggio biologico delle esposizioni professionali agli agenti chimici.

INRS. REFERENCES IN OCCUPATIONAL HEALTH N 157

Fonte INRS

Un articolo nella revisione delle referenze in medicina del lavoro
INRS ha appena pubblicato un aggiornamento sulle benzodiazepine e sul lavoro, una delle famiglie di farmaci psicotropi più utilizzate in Francia. Nella brochure sono presentati i dati sull'uso e l'impatto delle molecole ansiolitiche e ipnotiche. Vengono quindi fornite varie raccomandazioni affinché i servizi di medicina del lavoro possano proporre misure preventive, sia collettivamente che individualmente.

L'ARTICOLO

 

L'Istituto francese INRS ha pubblicato una brochure scaricabile dal sito sul tema degli Incidenti Stradali in Itinere. E' uno strumento di lavoro progettato per le imprese francesi e per il contesto normativo francese tuttavia molte prescrizioni e suggerimenti per una gestione corretta della mobilità dei dipendenti sono condivisibili anche in Italia.
Molti lavoratori dipendenti trascorrono una parte significativa della giornata alla guida di un veicolo come parte delle missioni che svolgono per la propria azienda. Sono quindi esposti al rischio di incidenti sulla strada. In Italia gli incidenti stradali mortali correlati ad attività lavorative ( incidenti in itinere ) rappresentano la metà di tutti gli incidenti mortali sul lavoro. Questo libro aiuta le aziende a valutare questo rischio professionale e ad adottare misure di sicurezza stradale adeguate.

LA BROCHURE INRS: LE RISQUE ROUTIER EN MISSION

( 36 pagine - formato PDF )

In questo numero, scopri un file sulla catena logistica: per un'efficace prevenzione dei rischi professionali, il coordinamento di ciascun collegamento è essenziale.

TS cover del novembre 2018

In sintesi, questo mese, troverai:

  • The Great Interview, con Sandrine Caroly, professore di ergonomia all'Università di Grenoble . Ha preso parte allo studio europeo Sesame sulla percezione dei rischi e la loro prevenzione nelle aziende con meno di 50 dipendenti e redige un inventario delle misure di prevenzione svolte nel VSE - SME francese.
  • Il file dedicato alla supply chain , una vera punta di diamante di alcune organizzazioni, per le quali è spesso un elemento essenziale della performance. Il buon coordinamento delle aziende in questa catena è un vettore perfetto per prevenire i rischi professionali.
  • Il rapporto nella sezione En Images, dedicato almacello di Limoges, la più grande istituzione del suo genere in Francia , in cui la prevenzione dei rischi professionali ha beneficiato negli ultimi anni di lavori sostanziali da migliorare.

LA RIVISTA IN FORMATO PDF