Vittorie storiche per i lavoratori di Just Eat e Deliveroo in Europa

Fonte : Uniglobalunion.org

I lavoratori delle consegne di cibo presso Just Eat in Spagna e Deliveroo nei Paesi Bassi saranno ora coperti da contratti collettivi che forniscono una serie di vantaggi e diritti, grazie alle importanti vittorie degli affiliati UNI Global Union in entrambi i paesi.

Il contratto collettivo tra Just Eat Spain – la più grande piattaforma di consegna del paese con 2,5 milioni di utenti – e i sindacati spagnoli CCOO e UGT, è il primo del suo genere ed è soggetto alla nuova legge spagnola sui passeggeri che classifica i corrieri di consegna di cibo come dipendenti. L’accordo garantisce 30 giorni di ferie annuali, una giornata lavorativa massima di nove ore e tutele per la salute e sicurezza per gli addetti alle consegne in azienda.

In base all’accordo, entrato in vigore dall’inizio di gennaio 2022, gli addetti alle consegne avranno anche il diritto alla disconnessione e alla privacy dalla sorveglianza digitale.

Altrove in Europa, un giudice nei Paesi Bassi si è pronunciato a favore di una causa intentata dalla filiale olandese di UNI, FNV, contro la multinazionale di consegne di cibo, Deliveroo. Ciò significa che i fattorini di Deliveroo sono ora coperti dal contratto collettivo di trasporto di merci di FNV, che consente loro di beneficiare di una paga oraria fissa, di ferie e malattia e di un pagamento durante i tempi di attesa, nonché di altri vantaggi. La sentenza si applica retroattivamente a tutti i fattorini che attualmente o precedentemente hanno lavorato in Deliveroo, e i riders sono invitati a presentarsi a FNV per rivendicare congiuntamente un contratto di lavoro ai sensi del nuovo contratto collettivo.

Il verdetto arriva dopo che un altro caso d’appello ha stabilito che i fattorini sono dipendenti e non liberi professionisti, come affermato da Deliveroo.

Willem Dijkhuizen, manager di FNV Transport & Logistics, ha dichiarato: “Questa sentenza è di nuovo una buona notizia per gli addetti alla consegna dei pasti. Poiché ora rientrano in questo contratto collettivo di lavoro, le loro condizioni di lavoro sono regolate correttamente e hanno certezze sul loro reddito”.

 512 total views

Sindacato belga FGTB . COVID 19 e ritorno sicuro al lavoro – Guida per i delegati

Covid-19. Cosa succede negli altri paesi europei con la riapertura delle attività ? Dal sito del sindacato belga FGTB possiamo scaricare la guida generica delle parti sociali con le linee guida su cosa fare per avere un ambiente di lavoro sicuro. editor

 Sindacato belga.  COVID 19 e ritorno sicuro al lavoro – Guida per i delegati

Gli esperti dicono che dovremo convivere con il coronavirus per un po ‘. Questo è il motivo per cui, quando si avvia / riapre la propria attività, è necessario adottare diverse misure, in relazione alle quali i delegati dovrebbero essere strettamente coinvolti. Il datore di lavoro, il dialogo sociale e i servizi di prevenzione interna ed esterna svolgono un ruolo importante nell’attuazione di tali misure.

Questo elenco di accordi minimi (vedi parte 2) può essere utilizzato per valutare se è possibile un riapertura sicura in azienda. È essenziale organizzare una consultazione preventiva su tali accordi nell’ambito della CPPT o, in assenza di tale organo, con la DS. Entrambi svolgono un ruolo consultivo importante. Il coinvolgimento preventivo è essenziale per creare supporto per misure preventive e per alleviare le preoccupazioni dei lavoratori.

A questo proposito, si dovrebbe in ogni caso tenere conto degli accordi settoriali e della situazione specifica della propria azienda. Organizzare una consultazione preventiva sulle misure da adottare, seguire periodicamente e correggere la situazione ove necessario. Questo ti darà più supporto rispetto alle misure.

Per ulteriori informazioni, consultare la guida elaborata dalle parti sociali: Guida generica per la lotta contro la diffusione di COVID-19 al lavoro.

 605 total views,  4 views today

Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota

FONTE ETUI.ORG

In Belgio, lo stress e il burn-out sono responsabili di un terzo del numero totale di giorni di assenza. Inoltre, l’aumento delle malattie mentali (tra cui burn-out e depressione) rappresenta una parte importante dell’aumento del numero di disabilità. È sotto la pressione di questa preoccupante situazione economica e sanitaria, che nel gennaio 2019 l’Agenzia federale per i rischi professionali (Fedris) ha avviato un progetto pilota sul burnout.

L’obiettivo di questo progetto, per il quale è prevista una dotazione di 2,5 milioni di euro nell’arco di tre anni, è di sostenere i lavoratori che sono minacciati o colpiti in una fase iniziale dal burn-out legato all’esposizione a uno o più rischi psicosociali sul lavoro. Nell’ambito di questo progetto pilota, sono ammissibili solo i lavoratori del settore ospedaliero e il settore dei servizi finanziari, considerato particolarmente a rischio. Al termine di una procedura di iscrizione in due fasi, ai lavoratori la cui diagnosi di (pre) burnout è stata confermata, verrà offerto un “percorso di accompagnamento” individuale secondo gli approcci psico-corporali o cognitivo-emozionali, per aiutarli a rimanere nel lavoro o a riprendere il lavoro rapidamente. Continua a leggere “Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota”

 537 total views

Fermeture de salons à ongles à Bruxelles

Fonte Etui

19 ongleries installées dans une galerie du centre de Bruxelles ont fait l’objet d’un contrôle de la part de différents services d’inspection le 15 novembre 2018. Dix d’entre elles ont été fermées pour travail au noir ainsi qu’emploi de travailleurs en situation illégale en Belgique. Sur les 68 personnes contrôlées, 18 n’étaient pas déclarées et 12 étaient en séjour illégal. Deux dossiers ont été ouverts pour traite des êtres humains concernant deux jeunes âgés de 17 ans exploités par leur employeur, indique vendredi le parquet de Bruxelles.

Continua a leggere “Fermeture de salons à ongles à Bruxelles”

 382 total views,  6 views today