Vai al contenuto

FONTE WHO

Scarica

Inglese 

2020, viii + 49 pagine
ISBN 978 92 890 5464 5
Questa pubblicazione è disponibile solo online.

Questa guida tecnica delinea le prove attuali, le conoscenze e le migliori pratiche relative alle incidenze di violenza e lesioni tra rifugiati e migranti nella Regione Europea dell'OMS. Evidenzia i principi chiave, sintetizza le azioni e le sfide prioritarie, mappa gli impegni e i quadri internazionali esistenti e fornisce considerazioni politiche pratiche per prevenire e rispondere a tali sfide. Le aree specifiche di intervento includono la garanzia di un passaggio sicuro per la migrazione; affrontare le cause di violenza e lesioni nei paesi di transito e di destinazione, compreso il cambiamento di norme e valori; identificazione delle vittime e assistenza e protezione; indagare e perseguire gli autori; e rafforzare la base di conoscenze. Mentre i destinatari principali di questa serie di orientamenti tecnici sono i responsabili politici di tutti i settori a livello locale,

UN MONDO A RISCHIO
Rapporto annuale sulla preparazione globale alle emergenze sanitarie

Il rapporto 2019
Questo primo Rapporto elaborato da un
organo indipendente di monitoraggio, il Global Preparedness Monitoring Board (di seguito denominato come il Board o GPMB)  sollecita iniziative politiche per preparare e mitigare gli effetti delle emergenze sanitarie globali. Promosso e  convocato a maggio 2018 dal Gruppo della Banca mondiale e dall'Organizzazione mondiale della sanità, il Board si basa sul lavoro di Task force e panel di crisi sanitarie globali, creati dal segretario generale delle Nazioni Unite sulla scia dell' epidemia di Ebola 2016. Il Board lavora indipendentemente da tutte le parti, compresi i suoi promotori, per fornire valutazioni e raccomandazioni le più oggettive possibili.
Nel primo Rapporto viene denunciata la impreparazione degli stati membri anche sviluppati ad affrontare una pandemia con crisi respiratorie a causa del definanziamento dei SSN e delle strutture di protezione civile. Purtroppo questo Rapporto è stato profetico.

IL RAPPORTO GPMB

"Un nuovo virus che si diffonde in tutto il mondo e contro il quale la maggioranza degli uomini non ha difese immunitarie". Ora l'Oms potrà emanare direttive e inviare équipe nelle nazioni più colpite come fatto in Cina, Italia e Iran

fonte Repubblica.it

Il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità: «Non cambia la valutazione sulla minaccia rappresentata da questo virus, non cambia ciò che i Paesi dovrebbero fare»

fonte Corriere.it

 

IL DIRITTO ALLA SALUTE AI TEMPI DEL CORONAVIRUS
di Gino Rubini

1) Memoria storica degli scenari in cui il paese ha fronteggiato epidemie, pandemie e quasi pandemie
2) Le differenze con gli episodi epidemici precedenti
3) La salute al tempo della globalizzazione - Servizio sanitario nazionale, modelli organizzativi decisionali a fronte di eventi emergenziali
4) Le vere criticità del SSN rispetto all’epidemia di coronavirus;
5) La discussione sulla “riforma” del SSN regionalizzato. Un tema del dopo emergenza
6) Come contenere gli sconvolgimenti economici e sociali
7) La comunicazione al tempo del Coronavirus

L'ARTICOLO ( formato .pdf )

Fonte Epicentro.iss.it

Le parole contano. Lo ribadisce una volta di più l’OMS che, in collaborazione con IFRC (International Federation of Red Cross e Red Crescent Societies) e Unesco, ha redatto una vera e propria guida, rivolta alle istituzioni governative, ai media e alle organizzazioni che lavorano nel campo della nuova malattia da coronavirus, per prevenire e affrontare lo stigma sociale. Sul sito dell’ISS il documento tradotto in italiano. Leggi il Primo Piano ISS.

IL DOCUMENTO

 

Per gli aggiornamenti sul Coronavirus  (Covid-19)  invitiamo i lettori ad attingere le informazioni da fonti certificate. Diario Prevenzione suggerisce, a coloro che sono interessati,  di  visitare il sito Epicentro dell’Istituto superiore di Sanità che ha predisposto una pagina con l’indice delle notizie aggiornate sul tema.

Ultimi Aggiornamenti sul Coronavirus  su Epicentro 

Ministero della Salute su Coronavirus - COVID-19

Aggiornamenti COVID - 19  dal Centro Controllo Malattie AgenziaEuropea

Fonti di informazioni aggiornate su COVID-19 nell'UE / SEE e nel Regno Unito

Vedi inoltre le ultime notizie che si possono leggere  nella  colonna a destra provenienti dal Ministero della Salute italiano e da ECDC , Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. In ragione della serietà e complessità del governo preventivo e sanitario del Covid-19 suggeriamo di fare riferimento solo  alle informazioni provenienti  dalle autorità  istituzionali e sanitarie locali , regionali e nazionali.

 

 

FONTE : DISEGUAGLIANZE DI SALUTE

Il primo Rapporto europeo sull’equità nella salute (Health Equity Status Report- HESR), rivela che le disuguaglianze di salute in molti dei 53 paesi d’Europa, sono rimaste le stesse o sono peggiorate nonostante i tentativi da parte di governi di affrontarle. Il Rapporto inoltre identifica 5 fattori chiave che impediscono a molti bambini, giovani, uomini e donne di conseguire un buono stato di salute e di condurre esistenze sicure e dignitose.

“Per la prima volta HESR fornisce ai governi dati e strumenti per fronteggiare le disuguaglianze di salute e ottenere risultati tangibili in periodi di tempo relativamente brevi, anche nell’ambito di una legislatura di 4 anni” sostiene Dr Zsuzsanna Jakab, Direttore regionale di OMS Europa.

Le politiche indicate nel Rapporto stimolano sviluppo sostenibile e crescita economica. Secondo il Rapporto ridurre le disuguaglianze di salute del 50% produrrebbe benefici finanziari ai paesi convolti, che variano dal 0,3% al 4,3 % del prodotto interno lordo.

 

...continua a leggere "OMS Europa: i progressi sull’equità nella salute sono in stallo"

FONTE ETUI

Sede dell'OMS

Riunito a Ginevra dal 20 al 27 maggio 2019 per la sua 72ª sessione, l'Assemblea mondiale della sanità ha preso una decisione fondamentale. Sulla base dei risultati di esperti della salute, ha appena dichiarato il burnout un "fenomeno legato al lavoro", aprendo così la strada alla Classificazione internazionale delle malattie dell'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS). In questa nomenclatura di riferimento, con il nome in codice "QD85", il burnout è incluso nella sezione "Problemi associati all'occupazione o alla disoccupazione".

L'OMS specifica che il burnout (o burnout) "si riferisce specificamente a fenomeni legati al contesto professionale e non dovrebbe essere usato per descrivere esperienze in altri ambiti della vita".

La nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD-11) entrano in vigore il 1 °gennaio 2022.

Identificato sin dagli inizi degli anni '70, la patologia del burn-out fino ad allora era stata elencata in una qualsiasi delle classificazioni di riferimento internazionali (cioè quella dell'OMS e quella della American Psychiatric Association).

L'agenzia specializzata delle Nazioni Unite aveva inizialmente annunciato che il burn-out era entrato nella classificazione, che funge da base per stabilire tendenze e statistiche sanitarie, ma il giorno successivo un portavoce del L'OMS ha apportato una correzione importante: il burnout infatti passa da "influenza dello stato di salute" a "lavoro correlato", ma senza entrare nella lista delle "malattie". ".

"L'inclusione in questo capitolo significa esattamente che il burnout non è concettualizzato come una condizione medica, ma piuttosto come un fenomeno legato al lavoro", ha affermato in una nota. 

Credito fotografico: WHO / P. Virot

referenze:

Verso il riconoscimento del burnout come una malattia? , in: The World, 28/05/2019

La nuova classificazione WHO è disponibile on line: https://icd.who.int/browse11/lm/en#/http://id.who.int/icd/entity/129180281

FONTE MINISTEROSALUTE 

Si apre oggi a Ginevra la 72ma Assemblea Mondiale della Salute, il principale organo decisionale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che riunirà al Palazzo delle Nazioni Unite, fino al prossimo 28 maggio, le delegazioni dei 194 Stati membri dell’organizzazione.

L’Italia si è fatta promotrice di una proposta di risoluzione dell’Assemblea Mondiale della Salute sulla trasparenza delle contrattazioni dei medicinali, dei vaccini e delle altre tecnologie della salute e, in tale contesto, co-organizza con la Repubblica di Corea un side-event ufficiale sullo stesso tema.

Un ulteriore side-event intitolato “Nutrition4Health”, questa volta co-organizzato con il Bangladesh, affronterà il legame tra nutrizione, salute e malattie non trasmissibili, sottolineando l’importanza delle diete tradizionali, salutari e sostenibili, come la dieta mediterranea.

L’Assemblea Mondiale della Salute costituisce un forum unico e privilegiato di confronto, a livello internazionale, sui principali temi relativi alla salute globale. L’agenda include temi di assoluta attualità: oltre alle questioni inerenti al bilancio dell’OMS ed alla riforma della sua governance, legati al 13° Programma Generale di Lavoro promosso dal Direttore Generale Tedros Adhanom Ghebreyesus, le delegazioni nazionali saranno chiamate a discutere, tra gli altri temi, di accesso ai medicinali, dei programmi sanitari di emergenza (come quello volto a fronteggiare l’epidemia di ebola), di malattie non trasmissibili e dei preparativi per l’evento di alto livello dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sulla copertura sanitaria universale.

 

Scaricare

Inglese 

2018, xii + 99 pagine
ISBN 978 92 890 5384 6
Questa pubblicazione è disponibile solo online.

Quasi una persona su 10 nella regione europea dell'OMS è attualmente un migrante internazionale. Trovare lavoro è una delle ragioni principali per cui le persone migrano a livello internazionale, anche se la violenza, i conflitti, i disastri naturali e le violazioni dei diritti umani sono anche dei contributi. Le migrazioni e gli sfollamenti sono fattori sociali determinanti per la salute che influiscono sulla salute di rifugiati e migranti. L'Ufficio regionale per l'Europa dell'OMS ha assunto un ruolo guida nell'assistere gli Stati membri nella promozione della salute dei rifugiati e dei migranti e nell'affrontare gli aspetti sanitari della loro salute. L'ufficio regionale ha istituito il programma Migrazione e salute appositamente per questo scopo. Ottenere una visione generale dello stato di salute dei rifugiati e dei migranti e la risposta del sistema sanitario è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile e assicurare una copertura sanitaria universale,

Questo rapporto, il primo del suo genere, crea una base di prove con l'obiettivo di catalizzare i progressi verso lo sviluppo e la promozione di sistemi sanitari sensibili ai migranti nei 53 Stati membri della Regione europea dell'OMS e oltre. Questo rapporto cerca di illuminare le cause, le conseguenze e le risposte ai bisogni di salute e alle sfide affrontate dai rifugiati e dai migranti nella regione, fornendo anche un'istantanea dei progressi compiuti in tutta la regione. Inoltre, il rapporto cerca di identificare lacune che richiedono ulteriori azioni attraverso la collaborazione, per migliorare la raccolta e la disponibilità di dati di alta qualità e per stimolare iniziative politiche. La relazione rappresenta un impulso tanto necessario per gli Stati membri e le altre parti interessate per garantire un'assistenza sanitaria di alta qualità per tutti.

29 novembre 2018

Comunicato stampa

( Traduzione assistita con Google Translator )

Casi di morbillo segnalati sono aumentati nel 2017, in quanto diversi paesi hanno subito epidemie gravi e protratte della malattia. Questo è secondo un nuovo rapporto pubblicato oggi dalle principali organizzazioni sanitarie.

A causa delle lacune nella copertura vaccinale, i focolai di morbillo si sono verificati in tutte le regioni, mentre sono stati stimati 110 000 decessi correlati alla malattia.

Utilizzando i dati aggiornati sulla modellizzazione della malattia, il rapporto fornisce le stime più esaurienti dell'andamento del morbillo negli ultimi 17 anni. Mostra che dal 2000 sono state salvate oltre 21 milioni di vite tramite vaccinazioni contro il morbillo. Tuttavia, i casi segnalati sono aumentati di oltre il 30 percento in tutto il mondo a partire dal 2016.

Le Americhe, la regione del Mediterraneo orientale e l'Europa hanno registrato i maggiori aumenti nei casi nel 2017, con il Pacifico occidentale l'unica regione dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) in cui l'incidenza del morbillo è diminuita. ...continua a leggere "I casi di morbillo aumentano a livello globale a causa di lacune nella copertura vaccinale"