Vai al contenuto

 

In questa puntata parliamo di :

  • Il dramma del Coronavirus. La battaglia contro il virus e la lotta contro le notizie false . In questi frangenti devono essere pubblicate solo le notizie provenienti da Istituti  di ricerca certificati e dalle Autorità competenti.
  • Primo documento di consenso sulla sorveglianza sanitaria  ( vedi l’articolo )
  • Contrastare disomogeneità e diseguaglianze : la grande sfida del sistema di prevenzione  ( vedi l’articolo)
  • Il sito del Sistema Informativo per i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza ( vedi l’articolo)
  • La newsletter medico-legale dell’Inca sugli inserimenti dei lavoratori dopo infortuni o malattie professionali ( vedi l’articolo )
  • La segnalazione degli articoli dalle Riviste specialistiche
  • Rivista Hesamag #20 ( vedi articolo)

Errata corrige: nella presentazione audio ci siamo sbagliati:  “oggi è il 6 febbraio e non … gennaio”   🙂

Buon ascolto !!

 

Segnaliamo l'ultimo numero della Rivista di ETUI  HesaMag #20 di grande interesse per il tema trattato. La Rivista è disponibile on line in Lingua inglese e francese. Per facilitare i lettori abbiamo postato l'indice tradotto in automatico da google translator. (editor)


 

Data di pubblicazione: 2019

Numero di pagine: 58

Pubblicato da:

Laurent Vogel e Mehmet Koksal

HesaMag20 Plus : consulta i nostri esclusivi report fotografici online

Oltre ventidue milioni di migranti legalmente residenti e un numero più difficile da determinare di migranti privi di documenti vivono in Europa con uno status precario che limita i loro diritti in molte aree.
In questo dossier, la redazione di HesaMag ha voluto presentare alcune situazioni concrete in diversi paesi europei. Questi esempi hanno in comune evocare l'idea di una tenaglia che comprime e talvolta schiaccia le vite umane. Una delle cause è lo status di straniero nei diversi paesi dell'Unione Europea e la limitazione dei diritti che questa condizione impone. A volte con situazioni drammatiche come la privazione dei diritti sociali o le espulsioni verso paesi in cui prevale la violenza o l'arbitrio. L'altro ramo di tenaglie è l'ascesa della xenofobia, alimentata da partiti di estrema destra e accolta con un po 'di compiacimento da uno spettro molto più ampio di partiti politici.
Contro una fortezza Europa barricata di fronte al resto del mondo, sorgono molte iniziative. Emanano tanto dai migranti che si raggruppano e combattono per i loro diritti quanto dai movimenti che esprimono solidarietà e volontà di costruire un futuro egualitario. Anche i sindacati si stanno muovendo per supportare questa dinamica. Nel corso della loro storia, hanno continuato a confrontarsi con ciò che i lavoratori indeboliti hanno dovuto affrontare con divisione e odio.

Il HesaMag viene inviata gratuitamente per posta a una copia per ogni utente. Per ricevere più di una copia della rivista allo stesso indirizzo, esistono piani di abbonamento di gruppo.

Editoriale

Notizie europee

Notizie dall'Unione

Notizie internazionali

Libri

Rapporto speciale - Lavoro migrante nella fortezza Europa

Fonte Etui

19 ongleries installées dans une galerie du centre de Bruxelles ont fait l’objet d’un contrôle de la part de différents services d’inspection le 15 novembre 2018. Dix d’entre elles ont été fermées pour travail au noir ainsi qu’emploi de travailleurs en situation illégale en Belgique. Sur les 68 personnes contrôlées, 18 n’étaient pas déclarées et 12 étaient en séjour illégal. Deux dossiers ont été ouverts pour traite des êtres humains concernant deux jeunes âgés de 17 ans exploités par leur employeur, indique vendredi le parquet de Bruxelles.

...continua a leggere "Fermeture de salons à ongles à Bruxelles"

29 novembre 2018

Il nuovo numero di HesaMag solleva il coperchio sul cancro correlato al lavoro

Copertura HesaMag 18

 

Il cancro uccide ogni anno 1,3 milioni di persone nell'Unione europea, ma 100.000 di queste morti potrebbero essere causate da agenti cancerogeni sul posto di lavoro, secondo l'Organizzazione internazionale del lavoro (OIL). L'impatto del cancro sui lavoratori è al centro dell'analisi nell'ultimo numero di HesaMag, la rivista ETUI per i professionisti della salute e della sicurezza.

Le cifre dell'ILO indicano che l'8% di tutti i decessi per cancro sono legati al lavoro, tuttavia tali rischi professionali raramente attirano l'attenzione dei media. Ancor più sorprendentemente, le campagne lanciate da istituzioni pubbliche o organizzazioni private dedicate alla lotta contro il cancro non citano spesso fattori di lavoro come cause. Una ragione potrebbe essere che i tumori occupazionali colpiscono principalmente gli operai nei settori a basso profilo, come la pulizia, la manutenzione e il riciclaggio delle acque reflue. Questi lavoratori "silenziosi" hanno meno probabilità di essere in grado di esercitare pressioni per condizioni di lavoro migliori e più sicure.

Ma anche se i sindacati hanno promosso con successo leggi più severe per proteggere la salute dei lavoratori, in troppe aziende le norme di base in materia di salute e sicurezza continuano a venir meno e le violazioni della legge restano spesso impunite. Il numero contiene resoconti sulle lotte dei vignaioli francesi, impiegati nella centrale di carbone più inquinante d'Europa, un'infermiera colpita dal cancro mentre cercava di curarla, un arboricoltore vittima di pesticidi e lavoratori tessili che si occupavano di tinture pericolose. Altre relazioni rivelano dettagli su come l'IT può essere utilizzato per esaminare l'esposizione professionale agli agenti cancerogeni e mostrare come i gruppi di sostegno possono aiutare le vittime di malattie sul luogo di lavoro.

L'impatto del cancro sulle donne in particolare è anche il tema di una grande conferenza ETUI su "Donne, lavoro e cancro" dal 4 al 5 dicembre a Bruxelles. Clicca qui per maggiori dettagli.

...continua a leggere "Il nuovo numero di HesaMag solleva il coperchio sul cancro correlato al lavoro"