Covid-19 come indicatore della situazione di salute e sicurezza sul lavoro

Fonte. ETUI 

Autrice Marian Schaapman

La pandemia Covid-19 è stata una prova di stress per la sicurezza e la salute sul lavoro (SSL) nell’UE e purtroppo ha rivelato una serie di carenze strutturali nell’applicazione pratica del sistema normativo europeo per SST. Questo è il messaggio chiave del capitolo sulla SSL di “Benchmarking Working Europe 2020” (1), una delle pubblicazioni annuali dell’Istituto sindacale europeo (ETUI).

Esempi di problemi di SSL in tre settori

Gli operatori sanitari , gli infermieri in particolare, ma anche i tecnici di laboratorio, i farmacisti e gli addetti alle pulizie, tra gli altri, sono esposti a prodotti medici pericolosi, compresi i farmaci citostatici. Queste situazioni esistono ormai da decenni e le misure preventive spesso non soddisfano gli standard necessari per proteggere adeguatamente i lavoratori.. Quelli più a rischio hanno, ad esempio, un rischio maggiore dell’87% di cancro al seno, un rischio maggiore del 64% di cancro ematopoietico e un rischio maggiore di aborto spontaneo del 46%. (2) Inoltre, nel corso degli anni, gli operatori sanitari hanno visto aumentare il loro carico di lavoro, a causa della crescente carenza di personale, causata dalla riduzione della spesa pubblica a partire dalla crisi finanziaria del 2008 e che ha colpito particolarmente il settore sanitario. Questi lavoratori sono quindi esposti a gravi rischi psicosociali.

Continua a leggere “Covid-19 come indicatore della situazione di salute e sicurezza sul lavoro”

L’eredità dell’amianto del Quebec: una nuova realtà

 

L’articolo che riproduciamo, tradotto con google translator, proviene dal Blog della Presidente del Segretariato internazionale per l’abolizione dell’amianto  Laurie Kazan-Allen. Fonte LKA Blog

Le conseguenze negative di oltre cento anni di estrazione dell’amianto in Quebec sono state inizialmente ignorate, più recentemente negate e solo di recente riconosciute. Secondo il dottor Jim Brophy, ex direttore della clinica di salute sul lavoro per i lavoratori dell’Ontario di Sarnia e attualmente professore a contratto presso l’Università di Windsor, la pubblicazione della scorsa settimana dei risultati dell’Ufficio indipendente delle audizioni pubbliche sull’ambiente (BAPE) della provincia del Quebec L’eredità dell’amianto – compresi i rischi posti dalla contaminazione ambientale e dall’amianto all’interno delle infrastrutture del Quebec 1 – ha rappresentato “un’importante e storica vittoria per tutti coloro che hanno combattuto per così tanto tempo e così duramente per prevenire le malattie legate all’amianto qui (Canada) e all’estero. ” 2In linea con la valutazione del Dr. Brophy, Kathleen Ruff, attivista canadese per il divieto dell’amianto, ha definito la pubblicazione “un punto di riferimento”. 3

Continua a leggere “L’eredità dell’amianto del Quebec: una nuova realtà”

Podcast Diario Prevenzione – 29 agosto 2019 – vol. n° 62

 

In questa puntata parliamo di

Riqualificazione professionale, una soluzione per il lavoro (umano) di domani?
Conferenza: il futuro della salute e della sicurezza in Europa3 dicembre – 4 dicembre 2019, International Trade Union House (ITUH), Bd du Roi Albert II, 5; 1210 Bruxelles
Negli Stati Uniti, la difficile sopravvivenza dei “click workers”
Scarsa sicurezza e condizioni di lavoro sotto gli standard: fermate 3 navi in porto a Ravenna
– Fritto misto

 

(30 MINUTI)

 

 

The future of the (e)retail sector from an occupational safety and health point of view

Fonte Osha.eu

Some of the possible occupational health implications for the e-retail workforce of the future are discussed in a recently published OSHwiki article.

In order to meet the challenging demands of customers, e-retailers are increasingly automating, using a ‘gig economy’ workforce and minimising costs throughout their businesses. The drive for efficiency can arguably compromise the working conditions of the workforce. Numerous mainstream media articles have exposed challenging working conditions associated with e-retail, including high picking rates and long walking distances in distribution centres; extended working hours; and compromises to worker health and wellbeing.

Read the full OSHwiki article: The future of the (e)retail sector from an occupational safety and health point of view 

Gli addetti alle pulizie di hotel in tutto il mondo sottolineano la loro lotta per i diritti nella Settimana d’azione globale dell’IUF

6 novembre 2018  Notizie

Gli addetti alle pulizie degli alberghi di tutto il mondo si sono attivati ​​per evidenziare la loro lotta per i diritti e il riconoscimento durante la 5a Settimana d’Azione Globale IUF dall’8 al 14 ottobre.

Attraverso i loro sindacati, i governanti chiedono paghe decenti, posti di lavoro sicuri, luoghi di lavoro sicuri e negoziati sulle misure per prevenire le molestie sessuali che affliggono i lavoratori nel settore alberghiero. Quest’anno, i sindacati di molti paesi si sono concentrati a trasmettere le loro richieste alle più grandi società alberghiere globali. I membri IUF di tutto il mondo hanno anche usato la settimana delle azioni per mostrare solidarietà ai membri straordinari di UNITE HERE negli hotel Marriott negli Stati Uniti.

Nel corso della settimana, i sindacati hanno organizzato dimostrazioni pubbliche e altre azioni per sensibilizzare alla situazione delle donne delle pulizie e hanno organizzato incontri e workshop con membri tra gli altri paesi …

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE SU IUF

Turchia. Torna lo sciopero nel cantiere del nuovo aeroporto di Istanbul

FONTE ALENCONTRE.ORG

Postato da Alencontre il 19 ottobre 2018

Di Uraz Aydin

Atatürk o Abdülhamit? Come si chiamerà il nuovo e gigantesco aeroporto di Istanbul, quello del fondatore della Repubblica o del Sultano ottomano? Ecco come i termini dell’unico dibattito pubblico riguardante il terzo aeroporto in cui ciascuno scelse il proprio campo in base alla propria posizione nel contesto della polarizzazione politica e culturale che regnava nella società turca. Fino al giorno in cui decine di migliaia di lavoratori hanno espresso la loro rabbia nei confronti di condizioni insopportabili nel grande cantiere, fermando il lavoro, imponendo così la propria agenda che sconvolge la confortevole situazione dell’attuale dibattito.

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE ALENCONTRE.ORG