Vai al contenuto

il riposo del mimo

Per le vie di Berlino - Photostreet - foto di gierre 

 

di Franco DiGiangirolamo 

Non c'è dubbio che i decessi (di o da) Covid sono un argomento che si tratta malvolentieri. Se mi soffermo è perchè le conclusioni della Commissione Regionale Lombarda sul caso Trivulzio, il frasario che ha imperversato sui social e le tesi del capo della AfD,partito di destra con non pochi deputati nel Bundestag, hanno provocato un cortocircuito nei miei pochi neuroni funzionanti, al punto che "se non mi sfogo in qualche modo, scoppio“.
L'affermazione della Commissione secondo la quale il coronavirus avrebbe accelerato per alcuni pazienti processi degenerativi già in stato avanzato, ancorchè basata su una verità incontestabile, la classificherei tra le scoperte inutili che, tuttavia, se vengono strombazzate con la delicatezza di un rinoceronte, alludono ad una deresponsabilizzazione del virus nei confronti di una persona che era già incamminata verso "l'al di là.“. Non so se si voleva manifestare un intento "consolatorio“, ma sono convinto che l'affermazione, oltre che inutile, nella sua ridondanza si è manifestata, purtroppo, anche dannosa.Vorrei
annoverare questo caso, mettendolo da parte, nel quadro del modello comunicativo sulla crisi pandemica che i posteri avranno modo di valutare freddamente e che io trovo (ma guai a dirlo !!) uno dei punti più critici della gestione politica italiana della Pandemia.

...continua a leggere "Ignoranze pericolose"

 

 

Graffiti in Berlin - foto gierre 

BALLARE CON LA TIGRE.
Da Berlino poche novità sul fronte Covid-19.
L'onda dei contagi attesi con la riapertura non è ancora arrivata. I decessi dall'inizio della Pandemia restano a livello di 5,5 per 100.000 abitanti, ovvero a 208 , contro un valore nazionale di 10,6 decessi per 100.000 abitanti (8.781). Il 95% dei deceduti sono ultrasessantenni, l'86% sono ultrasettantenni, ma ci sono anche 3
casi al di sotto dei 20 anni. Alcuni casi di contagio rilevati in tre scuole, un asilo nido e un ospizio per anziani, posti in Quarantena, Studi specifici si moltiplicano, approfittando della presenza di studenti e bambini nelle scuole, dando per scontato che la parola "distanziamento" necessita di ben altra declinazione.

...continua a leggere "Cronache da Berlino – Ballare con la tigre – di Franco DiGiangirolamo 14.06.2020"

Berlin Street Foto - Luci sulla Sprea (foto gierre )

E' arrivata anche la fine di maggio, notti un poco freddine ma BERLINO SEMPRE IN GRAN SPOLVERO. E'ora del cambio di stagione e di cambiare argomenti di discussione. Perciò, per quanto mi riguarda, chiudo il Festival della Pandemia, con poche info. E' tempo di passare dalla difesa all'attacco, come suggeriscono le 40 manifestazioni autorizzate a Berlino nell'ultimo fine settimana e le 60 dimostrazioni all'aperto che sono state autorizzate dalla Polizia per questo fine settimana e alle quali dovrebbero partecipare non più di 50 persone distanziate, ma si sa che ce ne saranno almeno il quadruplo. Finalmente, dopo un tira e molla del Senato berlinese che per tre giorni aveva registrato semaforo rosso (mix di indice Rt, occupazione posti letto intensivi e numero dei contagi) e temeva una nuova ondata epidemica, finalmente arriva il semaforo verde. Il tasso di riproduzione arriva a 0,88, le nuove infezioni per 100.000 abitanti restano al 4.7, e ci sono solo 56 ricoverati in letti di terapia intensiva. Con 195 morti dall'inizio della pandemia e 6.702 guariti si può parlare di rischio accettabile o, come direbbe Conte, calcolato. Insomma, la „CONVIVENZA CON IL VIRUS“ può proseguire non essendo stata troppo terrificante. Perciò, contando sui poteri e le responsabilità che la Cancelliera Merkel lascia volentieri alle Regioni, limitandosi a fare da osservatrice, dopo un periodo di discussioni faticose sulla distribuzione dei poteri in uno stato federale, il Senato dell'area metropolitana ha deciso che si procede sulla strada intrapresa. Manifestazioni, Cinematografi, Concerti all'aperto, dal 2 giugno sono possibili per 200 persone, dal 16 giugno per 500 persone, dal 30 giugno per 999 persone (i tedeschi son precisi e l'approssimazione non è il loro forte). Fino al 31 agosto vietate le grandi manifestazioni. Celebrazioni e ricorrenze varie restano possibili fino a 50 persone. Altre aperture sono previste ma mi fermo qui ma, in sostanza, tutto è affidato, come ovvio, a distanziamento fisico, non sociale, e igiene. Resta il problema degli asili e delle scuole perché si è aperto un conflitto tra virologi (e ti pareva?!?!) sulla pericolosità dei bambini come portatori sani. Studio contro studio, come nella migliore tradizione. Personalmente la vedo come una questione difficile da risolvere, perché non è sanitaria, ma sociale. Chi ha avuto bambini sa che sono portatori instancabli di ogni tipo di infezione e non vedo perchè il corona virus, che si è trovato così bene con la specie umana, dovrebbe trascurarli. Che possano essere portatori sani di epidemia è sicuro, che non si possano usare le armi preventive della igiene e distanziamento è altrettanto sicuro. Occorre solo decidere come tenerli alla larga da soggetti con deficit immunitari e pluripatologici per ridurre i rischi e come controllare i focolai che potrebbero suscitare. Se questo rischio non si intende assumerlo, occorre dire alle mamme che dovranno restare prigioniere a casa per anni, con grande soddisfazione delle destre reazionarie che ringrazieranno la pandemia per aver rafforzato la loro concezione della donna come generatrice e allevatrice di prole nel focolare domestico.

Vivendo in un Comune dove l'età media della popolazione è di 38 anni che, pur essendo molto rispettosa delle norme di prevenzione, non è per niente allarmata dai dati sull'epidemia, prevedere come va a finire la disputa scientifica non è molto difficile: o si riapre abbastanza prestino o le manifestazioni di protesta diverranno irrefrenabili e nervosette.

C'è anche da dire che il panorama nazionale è molto articolato non solo per differenze oggettive, ma anche perchè la pandemia non è distribuita uniformemente e le sensibilità sono molto diverse, come è noto.

Personalmente, per es. non ho trovato all'oggi, in due mesi e mezzo, una sola persona che „conosca“ un deceduto o un ricoverato in terapia intensiva ed è difficile paragonare questa sensazione con quelle dei bavaresi e metterla giù dura con provvedimenti draconiani.

C'è ancora da attendere una quindicina di giorni, forse la fine di giugno, per capire bene come è andata complessivamente l'apertura, ma a Berlino, nonostante la mancanza di turismo e l'azzeramento della vita culturale e artistica, la vita è ripresa, a scartamento ridotto, in forme nuove, ma direi appieno e con moderata preoccupazione per lo tsunami di infezioni che dovrebbe arrivare. L'onda di ritorno non si è registrata e il rischio calcolato, pare si possa dire che è stato, finora „ben calcolato“. Ciò che rassicura, dice un mio amico che gestisce un piccolo bar, è che sia lui che il suo dipendente, hanno ricevuto dallo Stato, pochi giorni dopo il relativo decreto, soldi molto sufficienti sia per vivere stando a casa, sia per ristrutturare il locale ai fini del distanziamento. Uno dei miei figli, invece, che è in CIG in Italia non ha visto un ghello dopo tre mesi e mezzo e non si sa quando lo vedrà e se perderà il lavoro A proposito di capacità di spesa e di rinascita economica. Lui non è molto sereno e se se ne dovesse fregare della pandemia (non è così, per fortuna) , potrei comprenderlo perchè le mie ragioni di persona a rischio e di garantito dalla pensione non sono certamente le sue.

Ci sentiamo tra una settimana se non diverrò preda della grande giustiziera.

Fonte  Associazione Ambiente  Lavoro

Rete Sostenibilità e Salute apre una discussione su alcune misure (divieto o limitazione dell’esercizio fisico all’aperto e chiusura dei parchi) assunte in questo periodo di emergenza in un clima generale di insicurezza e paura.

Il documento "Iniziamo a ragionare su esercizio fisico, attività all’aperto e coronavirus" non propone un allentamento delle misure valide di contenimento ma, al contrario, un aumento di protezione della comunità.

Vi sono, infatti, fortissime prove scientifiche che l’attività motoria dia benefici per la salute (inclusa la salute mentale) e nella prevenzione della mortalità generale e da malattie infettive. Non si tratta solo dell’esercizio fisico (jogging, bicicletta, etc.), ma anche di una camminata più o meno veloce di mezz’ora al giorno, alla portata di quasi tutti gli anziani. La ricerca scientifica indica inoltre che anche trascorrere tempo all’aperto nella natura dia importanti benefici per la salute.

In sintesi le proposte di Rete Sostenibilità e Salute:
– Fermo restando la forte raccomandazione di svolgere anche attività motoria a casa, si può cominciare a discutere se riaprire i parchi e permettere in tutta Italia, nel rispetto delle distanze di sicurezza, di svolgere attività motoria all’aperto (per ciò si intende anche una passeggiata, per i bambini il giocare all’aperto con i soli membri del proprio nucleo famigliare, coltivare un orto, etc.). Volendo essere più cauti, si potrebbe all’inizio adottare il modello francese, che permette “passeggiate e attività fisica, purché da soli o con il proprio nucleo familiare, per un’ora al giorno, nel raggio di un chilometro” dall’abitazione”. Ciò eviterebbe anche l’affollamento che si potrebbe verificare in alcune aree verdi. Per chi fa jogging, a qualunque età, le distanze di sicurezza potrebbero aumentare: rispetto a #iorestoacasa, un hashtag più mirato potrebbe essere #iostoatremetri, aggiungendo il consiglio di non fare jogging nella scia di altri.
– Dovrebbe passare il messaggio che chi fa attività motoria non va guardato con riprovazione. Al contrario, si tratta di persone che attuano comportamenti meritori, tutelando la salute propria, proteggendosi meglio anche dalle infezioni, e alleggerendo il carico assistenziale per la società: così le risorse sanitarie potranno essere meglio riservate a chi ne ha più bisogno.
– La tutela della salute e un efficace contenimento dell’epidemia non si possono attuare con decisioni autoritarie poco trasparenti, ma attraverso l’empowerment delle persone: la possibilità per i cittadini di fare scelte informate, partecipate, attraverso strumenti chiari, coordinati e condivisi. Una gestione trasparente dell’emergenza faciliterebbe l’adesione alle regole necessarie al contenimento dell’epidemia.

In questa puntata parliamo di:

- Rispetto al perdurante ripetersi di incidenti sul lavoro gravi e mortali è utile ed efficace la richiesta ai Servizi istituzionali preposti di un maggiore numero di controlli improvvisi, non programmati da parte di lavoratori e sindacalisti ?  ( vedi articolo

- 385 MILIONI DI € ALLE REGIONI PER TOGLIERE L’AMIANTO DA SCUOLE E OSPEDALI – Decreto ministro ambiente Costa

-Federazione Russa: le condizioni di lavoro per i lavoratori esposti ad amianto

- Spazi confinati: gli infortuni, le criticità e la futura norma UNI ( riflessioni sulla intervista apparsa su Punto Sicuro) (vedi articolo)

- Stili di vita: Tatuarsi in sicurezza

La pratica del tatuaggio come forma di arredamento estetico del corpo è molto diffusa. ( vademecum su Epicentro)

La pratica del tatuaggio come forma di arredamento estetico del corpo è molto diffusa.

Riteniamo opportuno come Diario Prevenzione offrire ai lettori e alle lettrici alcuni riferimenti rispetto ai rischi che queste pratiche comportano qualora gli studi ove si effetuano i tatuaggi non siano gestiti correttamente dal punto di vista del rischio biologico ( infezioni ) e rischio chimico ( qualità dei pigmenti e degli inchiostri ) .
Per questi motivi invitiamo a leggere il Dossier pubblicato dal sito Epicentro.

Tatuaggi . Rischi infettivi e complicanze

Tatuarsi in sicurezza

(fonte Epicentro)

Lo studioso del comportamento il futurologo William Higham, con un gruppo di esperti in ergonomia salute e benessere sul lavoro, ha condotto la ricerca e redatto il Rapporto dal titolo “Il collega di lavoro del futuro – Una relazione sulla salute a lungo termine degli impiegati d’ufficio”. Il team ha poi progettato e realizzato Emma, un manichino con caratteristiche fisiche che presentano le criticità che emergono dall’indagine. Un Rapporto la cui lettura è di grande utilità.

Per leggere il Rapporto vai al sito REPERTORIO SALUTE

Autore : Lorenzo De Min

Fonte : SaluteInternazionale

 

Philip Morris International (PMI), multinazionale leader mondiale nel settore del tabacco, ha di recente dato vita ad una fondazione il cui obiettivo dichiarato è quello di “costruire un mondo senza fumo”. Tale fondazione si dichiara indipendente e non influenzabile dall’industria del tabacco, sebbene sia direttamente finanziata proprio da PMI. La nuova strategia della multinazionale per “ripulire” la propria immagine ed influenzare l’Organizzazione Mondiale della Sanità.


L’impegno globale per la lotta al tabagismo

Il fumo uccide oltre 7 milioni di persone al mondo, ogni anno. Più di AIDS, malaria e tubercolosi messe insieme[1]. Secondo dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), circa 890 000 di questi decessi avvengono in non-fumatori, per effetto dell’esposizione cronica al fumo passivo[2]. Questi i numeri di un’epidemia che vede contrapporsi agli sforzi dell’OMS quelli delle multinazionali del tabacco, impegnate a mantenere elevati i propri profitti.
Nonostante il fumo sia una delle principali cause prevenibili di mortalità, il numero di fumatori nel mondo continua a superare il miliardo. L’80% di essi vive in paesi a basso e medio reddito.

...continua a leggere "Fumo negli occhi. La fondazione Smoke-free world non è credibile"

Il 7 novembre 2017 si è svolto a Firenze il Workshop " I sistemi di sorveglianza sugli stili di vita a supporto delle politiche sanitarie in Toscana " organizzato dall'Agenzia Regionale di Sanità.
All’interessante iniziativa il Dipartimento della Prevenzione della USL Toscana  Centro ha contribuito con tre presentazioni:
    - Evidence based prevention a supporto della programmazione delle azioni sugli  stili di vita , Alberto Baldasseroni - CeRIMP Usl Toscana Centro
    - Giovani ed anziani seguono la Piramide Alimentare Toscana? I dati sui consumi alimentari, Francesco Cipriani - UFC Epidemiologia Usl Toscana Centro
    - Attività fisica e mobilità attiva, Giorgio Garofalo - UFC Igiene e Sanità Pubblica  Usl Toscana Centro