Vai al contenuto

 

Nella foto : Gail Cartmail (Unite il segretario generale aggiunto dell'Unione e copresidente della Rete dei rappresentanti di sicurezza dell'Unione globale BWI) e Kim Kyung Shin (Federazione coreana dei sindacati dell'industria edile e presidente della commissione per le donne della regione Asia-Pacifico della BWI) posano le corone in onore di Marianka Heumann, un backpacker tedesco morto in un cantiere di Perth

Fonte : BWI Building and Wood Workers 'International  che ringraziamo

Una conferenza globale di rappresentanti della salute e della sicurezza delle affiliate della BWI, tenutasi a Perth, nell'Australia occidentale, ha sottolineato l'importanza dei sindacati come condizione necessaria per un lavoro sicuro. La conferenza, che è stata ospitata dalla divisione Edilizia e Generale del CFMEU, ha offerto ai partecipanti l'opportunità di condividere le buone pratiche su una serie di questioni, tra cui la manipolazione manuale, la salute mentale, l'amianto e altre malattie legate al cancro e il ruolo di rappresentanti della salute e della sicurezza, ispezioni e comitati. ( il grassetto e'nostro, ndr )

"Vi è stato un ampio consenso tra i partecipanti sul fatto che mentre il governo può svolgere un ruolo cruciale nel rafforzamento della sicurezza sul posto di lavoro, la cosa più importante per mantenere i lavoratori al sicuro sul posto di lavoro è la formazione di rappresentanti dei lavoratori abilitati ad agire sulla sicurezza", ha affermato Gail Cartmail, Assistente generale Segretario di Unite the Union e Vice Presidente di BWI. Cartmail, che è copresidente della BWI Global Union Safety Representatives Network, ha presieduto il procedimento.

Un seminario sulla salute mentale ha rilevato che il settore delle costruzioni ha uno dei più alti tassi di suicidio e problemi di salute mentale, sostenendo che la prevenzione doveva adottare un approccio olistico osservando tutte le condizioni di lavoro, compresi i giorni e / o le ore di lavoro, i salari e altre condizioni. Jorgen Gullestrup, CEO di MATES in Construction Queensland, ha descritto come avevano sviluppato un modello che mirava a identificare e assistere i lavoratori attraverso un programma integrato di formazione e supporto.

Un altro seminario guidato da Sugio Furuya dell'Asian Ban Network asiatico ha identificato la regione Asia-Pacifico, in particolare l'Indonesia e il Vietnam, come paesi target per l'industria per scaricare l'amianto rimanente, con sforzi di lobbying in questi paesi. Allo stesso tempo, è stato concordato che, laddove i divieti nazionali sono stati difficili, i divieti regionali o municipali sono un modo efficace per continuare a creare slancio nella campagna.

Il secondo giorno della conferenza i partecipanti hanno visitato una serie di cantieri per osservare le buone pratiche in atto, tra cui il progetto Forrestfield Airport Link sotto Salini Impregilio e un centro commerciale.

Un momento saliente della conferenza è stata la possibilità di unirsi a una picchettatrice CFMEU per condannare una società di costruzioni australiana che ha permesso a un backpacker tedesco senza formazione di lavorare in un cantiere di grattacieli. Tragicamente la 26enne Marianka Heumann è caduta a 13 piani alla sua morte nel 2016, eppure la società di costruzioni Hanssen è stata sanzionata con oltre $ 100.000 di multe per essersi rifiutata di autorizzare il sindacato in loco. Le corone sono state deposte all'esterno dell'edificio in sua memoria.

La conferenza si è conclusa con una visita e un tour di un centro di formazione CFMEU, offrendo ai partecipanti una buona opportunità per capire come il sindacato prepara i lavoratori edili a intraprendere un lavoro sicuro. Inoltre, i partecipanti hanno riflettuto su come le pratiche osservate nelle visite in cantiere differivano da quelle nei paesi di origine dei partecipanti. Hanno osservato il netto contrasto nell'identificazione dei pericoli tra i siti con buone relazioni industriali in cui il sindacato era rispettato e quelli senza.

La giornata si è conclusa in modo positivo quando il segretario nazionale CFMEU C&G, Dave Noonan, ha annunciato che il disegno di legge sull'assicurazione dell'integrità sindacale non è riuscito a passare il Senato australiano, lasciando ai sindacati un po 'di respiro per continuare a fare il loro lavoro per garantire il posto di lavoro sicurezza.

Riportiamo dal sito ACTU ( Australian Council of Trade Union ) questo articolo sull'uso continuato dell'amianto in Asia e sulle iniziative del sindacato australiano su scala regionale per contrastare e metterne al bando l'uso. La traduzione è assistita da Google translator....  Il testo originale in inglese è su ACTU

L'Australia deve svolgere un ruolo nel porre fine alla produzione e all'uso dell'amianto in Asia, dove l'esposizione uccide e stima 60.000 persone ogni anno.

C'è ancora un'enorme quantità di lavoro da fare per garantire che i luoghi di lavoro australiani siano al sicuro dalla contaminazione da amianto, ma il governo Morrison deve anche prendere provvedimenti immediati per affrontare questa enorme crisi di salute pubblica nella nostra regione:

  • Garantire che nessun denaro per lo sviluppo australiano o internazionale stia finanziando l'amianto in Asia attraverso la Banca asiatica di sviluppo.
  • Condurre la riforma della Convenzione delle Nazioni Unite di Rotterdam che regola il commercio di sostanze chimiche pericolose che è attualmente dirottato dai paesi produttori di amianto.
  • Supporto e risorse per aiutare a sconfiggere le bugie e la disinformazione della lobby dell'industria dell'amianto attraverso un'iniziativa regionale.

Citazioni di  Phillip Hazelton, coordinatore della campagna in Asia per l'eliminazione delle malattie correlate all'amianto negli aiuti all'Unione all'estero - APHEDA:

“L'amianto è ancora ampiamente utilizzato in Asia e milioni di persone sono esposte a questa sostanza mortale. Si stima che ogni anno siano 220.000 i decessi per malattie legate all'amianto, di cui 60.000 in Asia. Il bilancio delle vittime asiatico dovrebbe salire alle stelle nei prossimi decenni. La stragrande maggioranza delle persone che soffrono non sa che cosa sta causando il loro cancro e in molti luoghi non c'è spesso alcun trattamento o compensazione ”, ha detto.

“L'Australia comprende fin troppo bene la tragica eredità dell'amianto e abbiamo il dovere di mostrare una forte leadership internazionale per porre fine all'uso dell'amianto. In quanto organizzazione del movimento dell'Unione australiana, siamo orgogliosi dell'eredità delle battaglie combattute per vincere un divieto di amianto in Australia e solo un risarcimento per quelli con malattie di amianto.

“L'Indonesia è il secondo più grande importatore di amianto grezzo al mondo. L'amianto viene utilizzato nella costruzione, produzione e una gamma di prodotti e processi.

“Medici, sindacati, attivisti, persone che soffrono di malattie legate all'amianto, lavoratori e membri della comunità in Asia stanno lavorando per porre fine all'uso dell'amianto. La lobby dell'amianto sta usando bugie e disinformazioni sull'uso sicuro dell'amianto per mantenere viva la sua industria al costo di centinaia di migliaia di vite.

"L'Agenzia per la sicurezza e l'eradicazione dell'amianto in Australia svolge un lavoro vitale nella gestione del rischio residuo di amianto e nella riduzione delle esposizioni in Australia e siamo orgogliosi di lavorare con loro per aiutare a raggiungere il loro obiettivo di leadership e cooperazione internazionale nella lotta contro i rischi di esposizione all'amianto e spingendo per un divieto globale.

“Mentre l'amianto viene estratto, commercializzato e prodotto in tutto il mondo, continueremo a vederlo importato illegalmente in Australia. L'unico modo per impedire l'ingresso di nuovi prodotti in amianto nei nostri luoghi di lavoro e nelle nostre comunità è un divieto globale ".

Citazioni dell'Assistente Segretario ACTU Liam O'Brien:

“L'Australia ha una storia orribile con l'amianto, ogni anno 5000 australiani muoiono per malattie legate all'amianto.

“Stiamo venendo meno ai nostri obblighi nei confronti della nostra regione se non agiamo per porre fine all'uso di questo materiale incredibilmente mortale.

“Ogni settimana vengono rilevati materiali contenenti amianto ai nostri confini che vengono importati in Australia dalla nostra regione. La messa in atto di divieti globali efficaci non protegge solo i lavoratori delle nostre regioni, ma anche australiani.

"Chiediamo al governo Morrison di agire per proteggere la salute dei lavoratori in tutta l'Asia, anche in Australia, intraprendendo azioni immediate a casa e conducendo riforme a livello internazionale".

Nota di Editor. Pubblichiamo, dal sito del Sindacato australiano, questo comunicato sulle iniziative dei Riders australiani, i fattorini che consegnano cibo ed altro in bicicletta o in moto,  "assunti" dalla compagnia Deliveroo. Ci scusiamo per qualche imperfezione della traduzione assistita da Google Translator.

TESTO ORIGINALE ALLA FONTE >>>  TWU.COM.AU 

1 novembre 2019

Oggi i riders ciclisti che consegnano cibo hanno inviato lettere a Deliveroo chiedendo che la società si attenga alle rigide leggi sulla salute e sicurezza sul lavoro per aiutare a fronteggiare i rischi pericolosi che devono affrontare, tra cui collisioni con automobili, cadute letali dalle loro biciclette e stress termico.

L'azione arriva quando quattro fattorini della consegna di cibo sono morti mentre lavoravano.

Deliveroo ha solo 14 giorni per conformarsi alla legge sulla salute e la sicurezza sul lavoro (2011) che consentirà ai lavoratori di istituire gruppi di lavoro e di eleggere rappresentanti per la salute e la sicurezza, che avranno ampi poteri per far rispettare gli obblighi di sicurezza, incluso il divieto del lavoro non sicuro.

A differenza del Fair Work Act, Deliveroo non sarà in grado di negare la sua responsabilità poiché la legge copre tutti i lavoratori, non solo i dipendenti, e pone l'accusa non su un datore di lavoro diretto tradizionale ma su chiunque "conduca un'attività o un'impresa" in relazione al lavoro .

“Oggi i ciclisti hanno fatto un passo coraggioso verso Deliveroo la loro sicurezza sul lavoro sia presa in considerazione. Questa azienda ignora la sicurezza. Oggi i ciclisti affermano che la sicurezza è importante e che desiderano che Deliveroo rispetti la legge, dia loro l'attenzione sulla sicurezza che desiderano e consentano loro di eleggere i propri rappresentanti della sicurezza. Il problema della sicurezza per i riders mostra la necessità di una regolamentazione generale su tutti gli aspetti del lavoro. Il governo federale ha scelto di non regolamentare la gigs economy e quindi i lavoratori vengono feriti, messi a rischio, negati i salari minimi, negato il congedo per malattia e non hanno il diritto di contestare licenziamenti ingiusti. I ciclisti sono di nuovo costretti ad adottare un approccio frammentario e ad affrontare queste aziende una per una e ad ogni singolo problema ”, ha dichiarato il segretario nazionale della TWU Michael Kaine.

I ciclisti ricevono istruzioni minime e nessuna formazione quando assumono il lavoro, non dispongono di adeguati dispositivi di protezione e, a causa del sistema di classificazione per ottenere turni, devono intraprendere il lavoro anche se sono malati o se le condizioni sono pericolose, come durante i temporali e calore estremo.

Deliveroo ha recentemente annunciato di aver intrapreso iniziative con lavoratori scelti dall'azienda. Le leggi WHS richiederebbero all'azienda di andare molto oltre e garantire che i rappresentanti della sicurezza siano scelti dai lavoratori, non dall'azienda.

Il passaggio alla sicurezza arriva quando la TWU ha chiesto che i lavoratori della gig economy entrino automaticamente in un sindacato, per garantire che abbiano protezioni e supporto contro lo sfruttamento e i rischi per la sicurezza.

“Da quando è arrivato in Australia, Deliveroo ha privato i lavoratori dei loro diritti: non ci sono tariffe orarie garantite, le distanze di consegna sono aumentate causando un calo del 30-40% della retribuzione e la società ha licenziato i lavoratori senza preavviso o la possibilità di presentare ricorso. Mentre le nostre leggi industriali stanno facilitando la rimozione dei diritti, le leggi sulla salute e la sicurezza sul lavoro sono solide e ci aspettiamo che Deliveroo sia ritenuto responsabile della sicurezza ", ha aggiunto.

I rider dicono che il lavoro è pericoloso e che i ciclisti hanno bisogno di protezione.

“Siamo in viaggio in condizioni pericolose, maltempo, traffico nelle ore di punta e di notte. Non abbiamo protezioni o diritti come congedi per malattia o indennità quando qualcosa va storto. Siamo persino spinti a continuare anche se ciò rappresenta un rischio per la nostra sicurezza, altrimenti potremmo avere difficoltà a trovare lavoro in futuro. I motociclisti vengono spesso feriti e alcuni sono persino stati uccisi sul posto di lavoro. Chiediamo a Deliveroo di intensificare i suoi obblighi legali per proteggere i lavoratori in modo da poter tornare a casa sani e salvi alla fine di ogni turno ”, ha dichiarato Marcello.

L'Unione dei lavoratori dei trasporti e i ciclisti delle consegne hanno esposto lo sfruttamento negli ultimi due anni, formando un gruppo chiamato Delivery Riders Alliance.

Un sondaggio tra i ciclisti che consegna cibo mostra che tre su quattro sono pagati al di sotto delle tariffe minime. Quasi il 50% dei ciclisti era stato ferito sul posto di lavoro o conosceva qualcuno che aveva subito incidenti.

FONTE NEWS.YAHOO.AU

[ traduzione google translator ] 

Più di 500 lavoratori in un consiglio comunale  di Sydney hanno abbandonato il lavoro dopo che il management si è presumibilmente rifiutato di prestare attenzione alle loro preoccupazioni sull'uso del diserbante basato su glifosato Roundup, che è stato collegato al cancro.

Lo staff esterno del Blacktown City Council lo scorso mese ha rifiutato di continuare a usare gli spray al glifosato, esortando la direzione a seguire la guida di altri consigli locali che hanno vietato il prodotto e hanno iniziato a sperimentare alternative più sicure, ha detto la United Services Union. ...continua a leggere "Sydney council workers protest Roundup use"

Fonte: Australian Council of Trade Unions (ACTU)

”Un'inchiesta del Senato sull'efficacia del divieto sull'importazione di amianto ha raccomandato 26 cambiamenti di ampia portata per mantenere gli australiani al sicuro e ritenere responsabili gli importatori, ma il governo di Turnbull non è riuscito ad adottarne la maggior parte.

L'inchiesta raccomanda sanzioni più severe per gli importatori; richiami obbligatori di prodotti trovati contenenti amianto; e la creazione di un'unità specialistica all'interno della Forza di frontiera incentrata sulla cessazione delle importazioni illegali di amianto.

L'inchiesta raccomanda anche una revisione dell'Accordo di libero scambio Cina-Australia per affrontare la grande quantità di materiale contaminato da amianto e amianto importato dalla Cina.

Il governo di Turnbull non è riuscito ad agire su 20 delle 26 raccomandazioni. Questo lascia scappatoie che significano che gli importatori di amianto possono restare impuniti e lavorare e il pubblico è lasciato vulnerabile all'esposizione a questa sostanza mortale.

Affermazioni del segretario assistente dell'ACTU ( il sindacato australiano) Michael Borowick:

"Il governo di Turnbull dovrebbe sostenere le grandi imprese e adottare questi cambiamenti che aiuteranno a fermare le inondazioni di amianto in Australia.

"L'incapacità del governo di adottare queste 20 raccomandazioni è tristemente debole. È un'occasione mancata di riforma legislativa per affrontare adeguatamente l'importazione illegale di amianto.

"Le regole sono rotte. Quando gli importatori portano in Australia amianto o prodotti contaminati mettono a rischio la gente che lavora e il pubblico. Abbiamo visto prodotti contaminati finire nell'ospedale pediatrico di Perth, nei pastelli e nei quad. "

"L'applicazione del divieto di amianto sta fallendo, dobbiamo cambiare le regole in modo che gli importatori che portano in Australia l'amianto oi prodotti contaminati siano adeguatamente perseguiti.

"Il governo di Turnbull deve fare tutto quanto è in suo potere per assicurarsi che il nostro sistema doganale e gli accordi commerciali non espongano gli australiani a potenziali danni potenzialmente letali."