Vai al contenuto

FONTE RASSEGNA.IT CHE RINGRAZIAMO 
28 maggio 2019 ore 15.48

 

Sono i numeri a rappresentare la spia di un fenomeno preoccupante: 21 suicidi solo in questi primi cinque mesi del 2019 tra gli appartenenti alle forze di polizia. La comunità di poliziotti fiorentina è ancora sconvolta per la morte del collega Nazareno Giusti che, esattamente un mese fa, a soli 29 anni, si è tolto la vita al Magnifico con la pistola di ordinanza". A dirlo è Daniele Tissone, segretario generale del Silp Cgil, partecipando oggi (martedì 28 maggio) a Firenze al convegno organizzato dal sindacato di polizia e dalla Cgil dal titolo "La voce del silenzio: analisi e proposte sul fenomeno suicidario tra gli appartenenti alle forze di polizia". Al convegno hanno preso parte anche il direttore centrale di Sanità della polizia di Stato Fabrizio Ciprani e il questore di Firenze Armando Nanei.

"Le cause che concorrono a generare l'aumento dei suicidi tra le forze dell'ordine sono numerose", spiega Tissone: "Una è data dalla sindrome di burn-out, determinata anche dai turni pesanti e dall'impegno crescente degli agenti di fronte alle nuove esigenze della sicurezza collettiva. Si opera del resto con organici sempre più ridotti: il ministro Salvini lo scorso novembre ha annunciato l'arrivo di 36 nuovi poliziotti nella provincia di Firenze nei primi mesi del 2019. Peccato che sia andato in pensione un numero maggiore di operatori rispetto ai 36 che sono arrivati".

Il Silp Cgil chiede "che ci sia maggior ascolto, che da subito siano implementati i corsi per la gestione dello stress oggi previsti, ma non sufficienti, durante i periodi di formazione e aggiornamento degli operatori, che vi sia una valorizzazione degli psicologi della polizia, una ripresa del progetto dei 'pari' e una reale valutazione dello stress lavoro-correlato in tutti i reparti e uffici. Soprattutto, che siano valutate opportune modifiche al regolamento di disciplina che oggi è troppo penalizzante per chi, vestendo una divisa, decide di segnalare un proprio disagio. Bisogna contemperare le esigenze personali con quelle dell'amministrazione della pubblica sicurezza, occorre mettere i poliziotti nelle condizioni di lavorare al meglio e chi oggi ha responsabilità politiche e di governo deve fare concretamente la sua parte".

FONTE ETUI

Sede dell'OMS

Riunito a Ginevra dal 20 al 27 maggio 2019 per la sua 72ª sessione, l'Assemblea mondiale della sanità ha preso una decisione fondamentale. Sulla base dei risultati di esperti della salute, ha appena dichiarato il burnout un "fenomeno legato al lavoro", aprendo così la strada alla Classificazione internazionale delle malattie dell'Organizzazione mondiale della sanità ( OMS). In questa nomenclatura di riferimento, con il nome in codice "QD85", il burnout è incluso nella sezione "Problemi associati all'occupazione o alla disoccupazione".

L'OMS specifica che il burnout (o burnout) "si riferisce specificamente a fenomeni legati al contesto professionale e non dovrebbe essere usato per descrivere esperienze in altri ambiti della vita".

La nuova classificazione internazionale delle malattie (ICD-11) entrano in vigore il 1 °gennaio 2022.

Identificato sin dagli inizi degli anni '70, la patologia del burn-out fino ad allora era stata elencata in una qualsiasi delle classificazioni di riferimento internazionali (cioè quella dell'OMS e quella della American Psychiatric Association).

L'agenzia specializzata delle Nazioni Unite aveva inizialmente annunciato che il burn-out era entrato nella classificazione, che funge da base per stabilire tendenze e statistiche sanitarie, ma il giorno successivo un portavoce del L'OMS ha apportato una correzione importante: il burnout infatti passa da "influenza dello stato di salute" a "lavoro correlato", ma senza entrare nella lista delle "malattie". ".

"L'inclusione in questo capitolo significa esattamente che il burnout non è concettualizzato come una condizione medica, ma piuttosto come un fenomeno legato al lavoro", ha affermato in una nota. 

Credito fotografico: WHO / P. Virot

referenze:

Verso il riconoscimento del burnout come una malattia? , in: The World, 28/05/2019

La nuova classificazione WHO è disponibile on line: https://icd.who.int/browse11/lm/en#/http://id.who.int/icd/entity/129180281

23 aprile 2019

FONTE  ETUC.ORG

 

carte des suicides au travail

Si stima che il 3,8% della popolazione francese occupata abbia preso in considerazione il suicidio nel corso degli ultimi dodici mesi.

Uno studio pubblicato nel Bulletin épidémiologique hebdomadaire (BEH) - un bollettino epidemiologico settimanale - dell'agenzia francese per la salute pubblica ci aiuta a valutare meglio l'impatto delle condizioni di lavoro sui pensieri di suicidio. Nel 2017, il 3,8% della popolazione francese occupata ha dichiarato di aver preso in considerazione il suicidio nel corso degli ultimi dodici mesi (il 4,5% della popolazione femminile e il 3,1% della popolazione maschile).

In più di un terzo dei casi, le condizioni di lavoro e di lavoro sono state dichiarate come causa. Il fattore più importante era la paura di perdere il lavoro, seguito da minacce verbali, umiliazioni e intimidazioni sul lavoro.

L'indagine ha riguardato oltre 14.000 persone di età compresa tra i 18 ei 75 anni. I lavoratori autonomi erano più propensi (4,32%) a considerare il suicidio rispetto ai dipendenti (2,85%). Tra le donne, i colletti blu erano più probabili (5,13%) ad avere tali pensieri rispetto ai colletti bianchi (4,84%). La percentuale è scesa al 3,91% tra le donne manager. Passando alla coorte maschile, la percentuale più alta è stata trovata tra abili artigiani, commercianti e imprenditori (3,56%), seguita da agricoltori (3,49%) e operai (3,01%). La percentuale più bassa applicata ai gestori (2,62%).

Per quanto riguarda i settori, il settore Horeca (Hotel , Ristorazione, Catering ndr)  è in cima alla lista al 6,8% sia per le donne che per gli uomini, seguito dalle arti (performing), dall'insegnamento, dall'assistenza sanitaria e dal lavoro sociale.

C'era anche una forte correlazione con il proprio posto nella scala sociale: i dipendenti che guadagnavano meno di € 1500 al mese avevano più del doppio delle probabilità di considerare il suicidio rispetto a quelli con un reddito più elevato.

Altri eventi ci ricordano che a volte i pensieri suicidi possono portare all'azione. Il 22 aprile, un titolo di Le Monde ha evidenziato il tasso di suicidi nelle forze di polizia, riferendosi a uno "stato di emergenza". L'articolo riportava 28 suicidi nelle forze di polizia dall'inizio dell'anno. Dati recenti indicano un marcato deterioramento della situazione. Secondo il ricercatore Sébastien Roché  (CNRS), le autorità non hanno condotto alcuna indagine sistematica sulle cause di questa impennata: "Sembra che ci sia poca volontà di capire", è stato il modo in cui lo ha definito. Un'ipotesi potrebbe essere l'aumento delle tensioni nei confronti della popolazione in generale rispetto al ruolo svolto dalla polizia nella gestione del movimento Yellow Vests (Gilets Jaunes).

Da parte sua, il sindacato Solidaires ha lanciato una campagna in aprile, una delle cui caratteristiche sarà la compilazione di una mappa geografica dei suicidi legati al lavoro in Francia. Sarà stabilito da attivisti sindacali che denunciano casi di suicidio.

  • P. Delèzire, V. Gigonzac et al., Pensées suicides in the population active occupée en France en 2017 , BEH, n ° 3-4, 5 février 2019
  • Le Monde, Suicides in the police: l'état d'urgence , 22-23 aprile 2019 
  • SUD-Solidaires

Suicides au travail, l'action syndicale di Union Syndicale SOLIDAIRES su Vimeo .

FONTE ETUI.ORG

In Belgio, lo stress e il burn-out sono responsabili di un terzo del numero totale di giorni di assenza. Inoltre, l'aumento delle malattie mentali (tra cui burn-out e depressione) rappresenta una parte importante dell'aumento del numero di disabilità. È sotto la pressione di questa preoccupante situazione economica e sanitaria, che nel gennaio 2019 l'Agenzia federale per i rischi professionali (Fedris) ha avviato un progetto pilota sul burnout.

L'obiettivo di questo progetto, per il quale è prevista una dotazione di 2,5 milioni di euro nell'arco di tre anni, è di sostenere i lavoratori che sono minacciati o colpiti in una fase iniziale dal burn-out legato all'esposizione a uno o più rischi psicosociali sul lavoro. Nell'ambito di questo progetto pilota, sono ammissibili solo i lavoratori del settore ospedaliero e il settore dei servizi finanziari, considerato particolarmente a rischio. Al termine di una procedura di iscrizione in due fasi, ai lavoratori la cui diagnosi di (pre) burnout è stata confermata, verrà offerto un "percorso di accompagnamento" individuale secondo gli approcci psico-corporali o cognitivo-emozionali, per aiutarli a rimanere nel lavoro o a riprendere il lavoro rapidamente. ...continua a leggere "Burn-out: di fronte all’epidemia, il Belgio lancia un progetto pilota"

 

FONTE IWH 

Traduzione Translator Goggle r

L'Istituto canadese IWH ( Istituto per il Lavoro  e la Salute )  presta le competenze di sviluppo degli strumenti di valutazione dello stress, un nuovo strumento di misura degli ambienti di lavoro ad elevato rischio di stress (psicotossici)

Essere ridicolizzati  e sminuiti, pettegolezzi e pugnalate alle spalle, aspettative di lavoro poco chiare, trattamento ingiusto, richieste di lavoro inarrestabili: la ricerca dimostra che le persone che vivono queste e altre condizioni psicosociali simili sono a rischio di sviluppare lesioni da stress. Sono anche a maggior rischio di una serie di esiti negativi sulla salute. Conseguenze per il posto di lavoro in sé includono scarsa morale e impegno, elevato assenteismo e un elevato ricambio di personale.

Poiché lo stress mentale cronico viene riconosciuto come un danno compensativo correlato al lavoro da un numero crescente di sistemi di compensazione in tutto il Canada, i luoghi di lavoro hanno più che mai motivo di affrontare gli ambienti di lavoro psicotossici  ( TdR ) come qualsiasi altro rischio per la sicurezza.

Per sostenere gli sforzi dei luoghi di lavoro per affrontare i rischi psicosociali, le cliniche di medicina del lavoro dell'Ontario Workers (OHCOW) e il Centro canadese per la salute e sicurezza sul lavoro (CCOHS) hanno rilasciato uno strumento chiamato StressAssess all'inizio di quest'anno. Lo strumento di indagine online gratuito, convalidato con analisi statistiche dall'Istituto per il lavoro e la salute (IWH), può essere utilizzato dai luoghi di lavoro per raccogliere in modo anonimo, collettivo e confidenziale informazioni sulle attuali condizioni di lavoro e rischi psicosociali.

VAI ALL'ARTICOLO ALLA FONTE IWH 

FONTE ETUI 

La Fondation européenne pour l'amélioration des conditions de vie et de travail (Eurofound) a publié en septembre dernier un rapport qui passe en revue les politiques et réglementations adoptées en Europe pour lutter contre le burnout au travail.

Dans l'UE, le burnout n'est actuellement reconnu comme maladie professionnelle que dans deux pays. En Italie, l’Institut national d'assurance contre les accidents du travail (Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, INAIL) inclut le burnout dans sa liste des maladies professionnelles. L'INAIL a recensé 128 cas d'épuisement professionnel entre 2012 et 2016, sur un total de 1 555 cas signalés au cours de la même période.

En Lettonie, l'épuisement professionnel a été reconnu comme une maladie professionnelle sur la base de la loi de 1997 sur l'assurance sociale obligatoire.

En France, la reconnaissance de l'épuisement professionnel comme une forme de stress lié au travail a fait l'objet de nombreux débats ces dernières années. En février 2017, l'Assemblée nationale a adopté le rapport de la mission parlementaire chargée d'examiner la problématique du burnout et d’étudier sa définition et un cadre pour sa reconnaissance comme maladie liée au travail. Toutefois, cette proposition législative, ainsi qu'une nouvelle proposition de texte visant à faire reconnaître comme maladies professionnelles les problèmes de santé mentale liés à la surcharge de travail, ont finalement été rejetées en 2018.

Dans plusieurs autres pays, comme la Belgique, les Pays-Bas et la Bulgarie (uniquement dans certains secteurs spécifiques tels que la santé et l'éducation), des discussions concrètes ont eu lieu afin de déterminer si cette maladie doit être considérée comme une "maladie liée au travail".

Le rapport d'Eurofound examine également dans quelle mesure les autorités nationales ont mis en place des stratégies de prévention de l'épuisement professionnel. Ce phénomène est abordé dans le cadre d'un large éventail de politiques.

La question du burnout est traitée généralement par le biais des politiques de réduction du stress lié au travail, ce qui donne à penser que l'épuisement professionnel est considéré comme la conséquence d’une exposition prolongée à des facteurs de stress chroniques au travail. Dans de nombreux pays, il est fait référence à l'"accord-cadre autonome européen sur le stress lié au travail", adopté par les partenaires sociaux européens en 2004, et aux rapports nationaux de mise en œuvre de celui-ci.

En Belgique, la prévention de l'épuisement professionnel est assurée par la loi de 1996 sur le bien-être au travail. En 2014, cette législation a été mise à jour afin de renforcer la prévention des risques psychosociaux sur le lieu de travail, et notamment de la violence et du harcèlement.

L'Allemagne inclut également les risques psychologiques dans sa stratégie nationale de sécurité et de santé au travail (Gemeinsame Deutsche Arbeitsschutzstrategie) et a introduit une loi en 2015 sur la prévention qui couvre également les risques psychologiques.

En France, l'accent est mis sur la prévention plutôt que sur la reconnaissance comme maladie professionnelle. À cette fin, un ensemble d'actions sur la santé au travail spécifiquement destinées aux petites et moyennes entreprises a été mis en place à la suite de négociations collectives entre les partenaires sociaux et les autres acteurs de terrain.

FONTE  NUPGE.CA

"Se parli con qualcuno in prima linea, ti diranno che vedono l'impatto del burnout ogni giorno - lo hanno sperimentato da soli o lo hanno visto nei loro colleghi". - Michelle Gawronsky, Presidente del MGEU

Winnipeg (21 agosto 2018) - Un recente studio conferma ciò che il governo Manitoba e l'Unione dei dipendenti generali (MGEU / NUPGE) ha affermato a nome degli assistenti sanitari da anni: nonostante una forte convinzione delle loro capacità professionali e soddisfazione nel loro lavoro , sono ad alto rischio di burnout.

Lo studio, condotto da Carole A. Estabrooks e Stephanie A. Chamberlain e  pubblicato sull'International Journal of Nursing Studies , ha esaminato circa 1.200 assistenti sanitari di 30 case di cura personale nel Canada occidentale. Scoprirono che gli assistenti sanitari, nonostante trovassero un senso nel loro lavoro e credevano fortemente nelle loro capacità professionali, erano ad alto rischio di esaurimento emotivo.

"Nel nostro studio, abbiamo riscontrato che gli assistenti sanitari lavorano in modo efficiente, a volte in condizioni difficili e con la forte sensazione che ciò che fanno è significativo - ma il rischio di esaurimento è grande."

Studio focalizzato esclusivamente sul lavoro di assistenti sanitari

Come sottolinea correttamente Estabrooks e Chamberlain, il ruolo degli assistenti sanitari è fondamentale per la qualità dell'assistenza negli ospedali e per la qualità della vita dei residenti nelle case di cura. Tuttavia, fino a poco tempo fa, il problema non ha ricevuto l'attenzione che merita perché quando viene studiata la forza sanitaria, in genere assistenti sanitari e infermiere registrate vengono raggruppati insieme dai ricercatori. Quando si concentra uno studio specifico sugli assistenti sanitari, si scopre che il burnout in Canada è dilagante, "affermano Estabrooks e Chamberlain.

"Raccomando i ricercatori per aver esaminato questo importante problema", afferma Michelle Gawronsky, Presidente di MGEU. "Se parli con qualcuno in prima linea, ti diranno che vedono l'impatto del burnout ogni giorno - lo hanno sperimentato da soli o lo hanno visto nei loro colleghi di lavoro". ...continua a leggere "Canada: recenti studi hanno rilevato che gli/le assistenti sanitari/e sono ad alto rischio di burnout"