Vai al contenuto

 

FONTE ILMITTE.COM

Corse clandestine a Berlino: in passato ce n’eravamo già occupati, in particolare riportando un caso verificatosi nel 2016 a Wedding, sulla Müllerstraße, e conclusosi con un duplice arresto. Questo tipo di episodio purtroppo non era il primo e non sarebbe stato l’unico, essendo quella delle gare d’auto all’interno della cerchia urbana una brutta abitudine più volte registrata a Berlino.

Non pensavamo, tuttavia, che in questo momento di crisi il fenomeno continuasse. Al contrario, le restrizioni dovute alla crisi del coronavirus e il parziale decremento del traffico automobilistico sembrano aver incoraggiato chi si dedica a questo discutibile e pericolosissimo “hobby”.

Da aprile, infatti, il numero di indagini sulle corse automobilistiche clandestine è aumentato in modo significativo. Lo comunica il Dipartimento di Giustizia del Senato di Berlino, precisando anche che gli imputati sono per lo più di sesso maschile e di età compresa tra i 20 e i 30 anni.

“Dobbiamo far sentire a queste  persone tutta la pressione giudiziaria del caso” ha rilanciato il senatore della giustizia Dirk Behrendt (Verdi), sottolineando come le forze dell’ordine abbiano il dovere di garantire anche la sicurezza stradale.

“Un concetto deve essere chiaro” ha dichiarato Behrendt, “Mettersi a correre in città a 150 chilometri all’ora è come mettersi a sparare con un fucile. In entrambi i casi, si mettono a rischio la vita e la salute di altre persone”.

Fonte:   Il Mulino  che ringraziamo

 

La gestione della pandemia di Covid-19 ha implicato la messa in atto di misure restrittive di lunga durata per conseguire un efficace distanziamento sociale. L’imposizione di queste misure solleva evidenti questioni di tutela dei diritti di libertà di movimento e di associazione degli individui. Non è quindi scontato se e fino a che punto queste misure siano pienamente giustificate e quali siano le ragioni affinché le persone vi si adeguino nel tempo. Le determinanti del grado di adeguamento a prescrizioni di distanziamento sociale sono infatti molteplici. Le modalità con cui le autorità comunicano le ragioni delle decisioni, in particolare, possono incidere sul grado e sulla durata del rispetto delle stesse.

...continua a leggere "Emanuela Ceva, Andrea Fracasso. Una questione di etica pubblica Giustificare il distanziamento sociale"

E' disponibile online

PdE
Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente. Anno 14, numero 50 Ottobre 2018

In questo numero

- Comportamenti prosociali: come attivarli in emergenza
di Antonio Zuliani

- Il rischio, la sua percezione e la sua accettabilità
di Wilma Dalsaso e Elisabeth Gesualdi

- Odori e Culture
di Martina Zuliani e Antonio Zuliani

LA RIVISTA