Vai al contenuto

 

FONTE ETUC.ORG

La CES accoglie con favore l'annuncio oggi che l'UE farà un altro passo per proteggere i lavoratori dal cancro correlato al lavoro. L'annuncio oggi interesserà 3,6 milioni di lavoratori nell'UE e preverrà almeno 6 000 morti all'anno per cancro al polmone.

Commentando l'annuncio, il segretario confederale di Esther Lynch ha dichiarato: "Oggi l'UE sta prendendo provvedimenti decisivi per limitare l'esposizione dei lavoratori agli scarichi diesel. Viene in risposta a una maggiore consapevolezza e allo sforzo di pressione da parte dei lavoratori e dei loro sindacati.

"L'esposizione allo scarico diesel è un killer significativo sul posto di lavoro. Sfortunatamente molti datori di lavoro considerano l'esposizione al diesel come qualcosa di cui non possono fare nulla. Questo non è il caso e i sindacati lavoreranno con i datori di lavoro per garantire che questi limiti legalmente vincolanti siano rispettati. "

Il compromesso annunciato oggi  riguarda il "secondo lotto" per la revisione della direttiva sugli agenti cancerogeni e mutageni (CMD). Il Consiglio dell'Unione europea ha adottato una proposta che rispecchia sostanzialmente gli emendamenti del Parlamento europeo sull'emissione dei gas di scarico dei motori diesel (DEEE).

DEEE entrerà nell'ambito di applicazione del CMD. Un limite di esposizione professionale vincolante (BOEL) sarà fissato a 0,05 mg / m³ per ridurre gli attuali livelli di esposizione. Il BOEL sarà calcolato sulla base del carbonio elementare. Un periodo di transizione di due anni si applicherà a tutti i settori con ulteriori cinque anni per l'estrazione sotterranea e la costruzione di gallerie.

Esther Lynch, segretario confederale della CES che guida il lavoro sulla salute e la sicurezza sul lavoro, ha aggiunto che " il compromesso è una vittoria per il movimento sindacale europeo. È un passo avanti nella nostra battaglia di lunga data e in corso per l'eliminazione dei tumori legati al lavoro, ma la legislazione UE esistente ha ancora bisogno di molti miglioramenti. Una delle sfide più importanti è includere le sostanze reprotossiche. Esortiamo la Commissione a proporre un'iniziativa legislativa nel 2019 ".

Per maggiori informazioni https://www.etui.org/Publications2/Working-Papers/Eliminating-occupational-cancer-in-Europe-and-globally

 

FONTE ETUI 

La Fondation européenne pour l'amélioration des conditions de vie et de travail (Eurofound) a publié en septembre dernier un rapport qui passe en revue les politiques et réglementations adoptées en Europe pour lutter contre le burnout au travail.

Dans l'UE, le burnout n'est actuellement reconnu comme maladie professionnelle que dans deux pays. En Italie, l’Institut national d'assurance contre les accidents du travail (Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro, INAIL) inclut le burnout dans sa liste des maladies professionnelles. L'INAIL a recensé 128 cas d'épuisement professionnel entre 2012 et 2016, sur un total de 1 555 cas signalés au cours de la même période.

En Lettonie, l'épuisement professionnel a été reconnu comme une maladie professionnelle sur la base de la loi de 1997 sur l'assurance sociale obligatoire.

En France, la reconnaissance de l'épuisement professionnel comme une forme de stress lié au travail a fait l'objet de nombreux débats ces dernières années. En février 2017, l'Assemblée nationale a adopté le rapport de la mission parlementaire chargée d'examiner la problématique du burnout et d’étudier sa définition et un cadre pour sa reconnaissance comme maladie liée au travail. Toutefois, cette proposition législative, ainsi qu'une nouvelle proposition de texte visant à faire reconnaître comme maladies professionnelles les problèmes de santé mentale liés à la surcharge de travail, ont finalement été rejetées en 2018.

Dans plusieurs autres pays, comme la Belgique, les Pays-Bas et la Bulgarie (uniquement dans certains secteurs spécifiques tels que la santé et l'éducation), des discussions concrètes ont eu lieu afin de déterminer si cette maladie doit être considérée comme une "maladie liée au travail".

Le rapport d'Eurofound examine également dans quelle mesure les autorités nationales ont mis en place des stratégies de prévention de l'épuisement professionnel. Ce phénomène est abordé dans le cadre d'un large éventail de politiques.

La question du burnout est traitée généralement par le biais des politiques de réduction du stress lié au travail, ce qui donne à penser que l'épuisement professionnel est considéré comme la conséquence d’une exposition prolongée à des facteurs de stress chroniques au travail. Dans de nombreux pays, il est fait référence à l'"accord-cadre autonome européen sur le stress lié au travail", adopté par les partenaires sociaux européens en 2004, et aux rapports nationaux de mise en œuvre de celui-ci.

En Belgique, la prévention de l'épuisement professionnel est assurée par la loi de 1996 sur le bien-être au travail. En 2014, cette législation a été mise à jour afin de renforcer la prévention des risques psychosociaux sur le lieu de travail, et notamment de la violence et du harcèlement.

L'Allemagne inclut également les risques psychologiques dans sa stratégie nationale de sécurité et de santé au travail (Gemeinsame Deutsche Arbeitsschutzstrategie) et a introduit une loi en 2015 sur la prévention qui couvre également les risques psychologiques.

En France, l'accent est mis sur la prévention plutôt que sur la reconnaissance comme maladie professionnelle. À cette fin, un ensemble d'actions sur la santé au travail spécifiquement destinées aux petites et moyennes entreprises a été mis en place à la suite de négociations collectives entre les partenaires sociaux et les autres acteurs de terrain.

FONTE ETUC

 

Il 28 aprile è la giornata annuale di commemorazione e azione per i lavoratori uccisi, disabili e feriti dal loro lavoro. Serve come promemoria puntuale ai lavoratori di tutto il mondo a ricordare che non sono soli, che altri hanno sofferto sul lavoro e sono stati impegnati in una lunga lotta per migliorare le condizioni sul posto di lavoro. È anche il momento di riflettere su quanto ancora dobbiamo fare e quali siano i passi da compiere per proteggere la vita delle future generazioni di lavoratori.

Quest'anno la CES si sta concentrando su come "I sindacati rendono i luoghi di lavoro più sicuri". Il modo migliore per garantire la salute, la sicurezza e il benessere di tutti i lavoratori è quello di avere un comitato dedicato alla salute e alla sicurezza dei lavoratori sostenuto da rappresentanti della sicurezza pienamente formati e pienamente coinvolti nominati dai sindacati indipendenti.

La necessità di ulteriori rappresentanti della sicurezza sindacale è evidenziata dal fatto che nell'UE più di 3.700 lavoratori muoiono ogni anno in incidenti sul lavoro e ci sono oltre 200.000 morti in conseguenza di malattie legate al lavoro. [1] Dietro ciascuna di queste statistiche c'è una vita tagliata, una famiglia in lutto.

Rendere sicuri tutti i luoghi di lavoro dell'UE richiede che i lavoratori siano informati, consultati e autorizzati a prendere parte alle discussioni su tutte le questioni relative alla salute e alla sicurezza sul lavoro. Ma sappiamo che laddove il coinvolgimento dei lavoratori avviene in luoghi di lavoro non sindacalizzati, è molto più probabile che segua l'agenda dei datori di lavoro, mentre i rappresentanti della sicurezza sindacalizzati hanno maggiori probabilità di avere il potere di stabilire l'agenda sulla sicurezza e sfidare i datori di lavoro quando mettono a rischio i lavoratori per qualsiasi motivo. [2]

I rappresentanti della sicurezza dell'Unione conoscono le realtà del posto di lavoro. Sono meglio informati e più consapevoli di ciò che accade realmente giorno per giorno e identificano i rischi molto prima della direzione. Ci sono stati molti esempi di questo, dall'evidenziare i rischi di sostanze pericolose, le preoccupazioni su stress, violenza e molestie sul posto di lavoro, disturbi muscolo scheletrici da movimenti ripetitivi e da movimentazione carichi , e gli effetti del fumo passivo. I rappresentanti della sicurezza dell'Unione possono anche fungere da canale per i singoli lavoratori per sollevare le loro preoccupazioni. Non solo i lavoratori diventano più consapevoli dei problemi di sicurezza, ma la presenza di rappresentanti della sicurezza sindacale dà anche ai lavoratori la sicurezza di parlare e sollevare preoccupazioni per la salute e la sicurezza.

Tuttavia, questo ruolo fondamentale che svolgiamo continua a essere trascurato sia dai politici che dai datori di lavoro. È chiaro che abbiamo bisogno di più strumenti a nostra disposizione per rendere i luoghi di lavoro più sicuri che possano essere. In occasione della Giornata commemorativa internazionale dei lavoratori 2018, la CES sottolinea che i sindacati e i rappresentanti della sicurezza sindacale rendono davvero più sicuri i posti di lavoro. E chiediamo all'UE di migliorare il riconoscimento del ruolo di rappresentanza  di cui  i rappresentanti della sicurezza sindacale hanno il diritto e di rinnovare l'impegno a conferire loro un'autentica capacità di agire in modo decisivo su tutti i luoghi di lavoro.

Oggi ricordiamo quelli uccisi dal lavoro e rinnoviamo con forza l'impegno a combattere per luoghi di lavoro più sicuri.

In solidarietà

Esther Lynch

Watch our #IWMD18 video: https://youtu.be/WemYfY2OD_U

[1] https://osha.europa.eu/en/themes/work-related-diseases

[2] E.g. Fidderman, McDonnell, Worker involvement in health and safety: what works?, HSE, 2010.

24.04.2018