Vai al contenuto

 

FONTE EQUALTIMES.ORG CHE RINGRAZIAMO 

[ TRADUZIONE ASSISTITA DA GOOGLE TRANSLATOR ]

Belgrade Waterfront Residences, completato nel luglio 2018, appare in primo piano, mentre la costruzione continua negli appartamenti Belgrade Waterfront Vista proprio alle loro spalle. Foto scattata il 19 ottobre 2018.

(Nick Ashdown)

Il megaprogetto della costruzione di Belgrado Waterfront nel centro di Belgrado ha suscitato nuove polemiche a metà settembre, quando due lavoratori sono morti cadendo dal 22 ° piano di un edificio in costruzione.

Gli operai giacevano a terra, immobili ... [...] Le ossa della coscia di uno di loro gli avevano trafitto i pantaloni, mentre l'altro aveva le gambe piegate verso l'esterno ", spiega un lavoratore che si trovava sul sito al momento dell'incidente e che preferiva rimanere anonimo per paura di essere licenziato.

All'improvviso fu un panico generale. Gli uomini che lavoravano illegalmente venivano rimossi dai loro capi e datori di lavoro perché non avevano i documenti necessari. "

Mentre esprimeva le sue condoglianze cinque giorni dopo, il presidente serbo Aleksandar Vučić - uno dei principali campioni del megaprogetto Belgrado Waterfront da quando lo ha annunciato nel 2012 - ha suggerito che negli Stati Uniti, un lavavetri muore ogni dieci secondi. Uno dei suoi assistenti aveva ovviamente portato alla luce queste stravaganti informazioni sul sito di informazioni satiriche The Onion.

Tuttavia, gli esperti non trovano la situazione ridicola e affermano che le condizioni dei cantieri in Serbia, compreso il progetto " Waterfront ", sono spesso pessime.

Ovviamente, non sono state attuate alcune misure di sicurezza, che ha provocato la morte di questi lavoratori ", ha detto Saša Torlaković, presidente dell'Unione indipendente dei lavoratori edili e di costruzione. Egli indica che a questa altezza, i lavoratori devono indossare sempre una cintura di sicurezza.

Il lavoratore che ha parlato con Equal Times ha detto che le condizioni sul luogo di lavoro in cui lavora sono pessime e che le misure di sicurezza sono spesso ignorate: " In una parola, le condizioni sono catastrofiche. " ...continua a leggere "Dietro la facciata scintillante del progetto di Belgrado Waterfront: la morte di lavoratori, le demolizioni illegali e la corruzione"

FONTE ALENCONTRE.ORG

Postato da Alencontre il 19 ottobre 2018

Di Uraz Aydin

Atatürk o Abdülhamit? Come si chiamerà il nuovo e gigantesco aeroporto di Istanbul, quello del fondatore della Repubblica o del Sultano ottomano? Ecco come i termini dell'unico dibattito pubblico riguardante il terzo aeroporto in cui ciascuno scelse il proprio campo in base alla propria posizione nel contesto della polarizzazione politica e culturale che regnava nella società turca. Fino al giorno in cui decine di migliaia di lavoratori hanno espresso la loro rabbia nei confronti di condizioni insopportabili nel grande cantiere, fermando il lavoro, imponendo così la propria agenda che sconvolge la confortevole situazione dell'attuale dibattito.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE ALENCONTRE.ORG

FONTE: BIANET

[ traduzione assistita da google ]

Altri sei lavoratori, che hanno chiesto la sospensione degli omicidi sul lavoro e il miglioramento delle cattive condizioni di lavoro nella costruzione del terzo aeroporto di Istanbul, sono stati arrestati.

Il numero di lavoratori aeroportuali arrestati è aumentato a 33.

L'Unione dei Lavoratori edili (İnşaat-İş) ha reso una dichiarazione ieri (4 ottobre) e ha annunciato che un gruppo di lavoratori è stato preso in custodia nei raid condotti nei loro dormitori e sei dei lavoratori sono stati arrestati:

"Altri sei nostri amici operai, che sono stati chiamati in tribunale con la richiesta di arresto, sono stati arrestati, non possiamo ancora apprendere i loro cognomi, ma i loro nomi sono Bilal, Diyar, İbrahim, Mehmet Nuri, Mustafa e Yusuf."

I lavoratori del 3 ° aeroporto hanno iniziato la loro resistenza il 14 settembre sulla scia di un incidente con un veicolo di servizio, verificatosi il 12 settembre e ferito 17 lavoratori.

Il presidente dell'Unione Karabulut è stato arrestato

Anche il presidente della Progressive Construction Workers Union (Dev-Yapı-İş) Özgür Karabulut è stato preso in custodia di fronte all'Ufficio centrale della Confederazione dei Sindacati Progressi della Turchia (DİSK).

Il sindacato ha annunciato che Karabulut comparirà oggi davanti al giudice nel tribunale di Gaziosmanpaşa.

Quello che è successo?

Il 12 settembre 2018, nella costruzione del 3 ° Aeroporto di Istanbul, dove lavorano quasi 36 mila lavoratori, un veicolo navetta ha avuto un incidente, provocando 17 feriti.

Sulla scia di questo incidente, i lavoratori hanno smesso di lavorare nella costruzione a causa di cattive condizioni di lavoro e omicidi sul lavoro.

Il 14 settembre, 401 lavoratori sono stati presi in custodia. 275 di questi lavoratori sono stati rilasciati il ​​16 settembre. Anche 83 lavoratori sono stati gradualmente rilasciati. 28 dei restanti 43 lavoratori sono stati deferiti in tribunale con una richiesta di arresto. 33 lavoratori sono stati arrestati finora.

Le richieste dei lavoratori sono:

-I lavoratori che hanno aderito alla protesta non saranno licenziati.

-Queste persone che sono state licenziate senza essere informate verranno reintegrate.

-Il problema di navetta verrà risolto.

-Il salario completo sarà messo in conto bancario, non sarà pagato di persona.

-I lavoratori e capisquadra mangeranno nella stessa sala da pranzo.

-I funzionari ufficiali di İGA responsabili dei problemi saranno dimessi.

-I messaggi verranno letti davanti alla stampa.

-I omicidi occulti saranno risolti.

-Bonus sarà pagato in bairams.

-I lavoratori avranno abiti da lavoro.

-Salary di lavoratori che non sono stati pagati per 6 mesi sarà pagato.

(BK / SD)

6 Altri lavoratori dell'aeroporto arrestati

Il numero di lavoratori aeroportuali arrestati è aumentato a 33. Anche il presidente della Progressive Construction Workers Union Özgür Karabulut è stato preso in custodia.

fonti : i quotidiani turchi
AHVALNEWS
EVRENSEL
(sintesi delle notizie tratte dalla lettura ,assistita da google translator,  dei quotidiani sopra linkati)

La polizia turca e i gendarmi hanno sparato gas lacrimogeni contro la protesta dei lavoratori contro gli incidenti mortali sul lavoro e sulle cattive condizioni di lavoro durante la costruzione del terzo aeroporto di Istanbul.  Questo mega-progetto è una vetrina per il governo del presidente Recep Tayyip Erdogan.
L'Unione degli operai edili ha dichiarato su Twitter che i lavoratori erano in sciopero a causa del crescente numero di persone che hanno perso la vita o sono stati ferite a causa di incidenti sul lavoro, e a causa del peggioramento delle condizioni di lavoro, mentre le autorità si affrettano ad aprire l'aeroporto il 29 ottobre .
"Negli ultimi due giorni, due dei nostri amici sono caduti dal tetto, uno di loro è in questo momento in chirurgia. Le nostre condizioni di lavoro sono orribili", ha detto a Evrensel un lavoratore.
Due bus navetta che trasportavano lavoratori delle strutture aeroportuali si sono schiantati questa settimana ferendo 17 persone.
Altri problemi, come riferiscono i quotidiani sopra citati, riguardano i maltrattamenti dei lavoratori in subappalto cui non vengono pagati gli stipendi e viene impedito l'accesso alle mense.
I morti per incidenti sul lavoro, secondo il ministero del lavoro turco sarebbero stati 27 dall'inizio dei lavori mentre altre fonti riferiscono di un numero molto più grande. Alla costruzione dell'aeroporto più grande d'Europa lavorerebbero oltre 30 mila lavoratori.

FONTE YUCATECATANTIMES

I muratori di Yucatecan affermano che il cemento importato dall'Africa, in particolare dall'Egitto, utilizzato da alcune società di costruzioni per ridurre i costi, principalmente nel comune di Kanasín, sta generando un problema di salute tra i dipendenti che lo utilizzano.

Ci sono 20 lavoratori che apparentemente presentano un grave danno alla pelle causato da prodotti chimici contenuti in questo cemento.

Lo ha annunciato il leader del sindacato CTM in Yucatán, Bernabé Chan Herrera, che chiede alle compagnie di costruzioni di utilizzare marchi nazionali non dannosi

"Sono in uso due marchi di cemento egiziano, e la camera di costruzione e gli ingegneri locali hanno affermato che questi non saranno utilizzati perché, oltre al danno alla pelle, questi due marchi non soddisfano i requisiti di qualità standard", ha spiegato Bernabé Chan.

...continua a leggere "Messico, cemento a basso costo importato dall’Egitto crea problemi di salute ai muratori."

FONTE RAKA.COM

Il 24 aprile 2013, in Rana Plaza, nel distretto di Dhaka, in Bangladesh, si svolgeva come al solito. Centinaia di lavoratori dell' abbigliamento hanno riferito di lavorare come sempre. Ma il giorno prima avevano notato uno spettacolo inquietante: crepe nei muri dell'edificio a più piani. Tuttavia, ai lavoratori fu detto di tornare al lavoro la mattina seguente.

Quella decisione si rivelò catastrofica.

L'edificio - sede di fabbriche di abbigliamento, appartamenti, negozi e una banca - si sbriciolò con i lavoratori all'interno. Ora ha l'orribile distinzione di essere il luogo del più micidiale disastro della fabbrica di abbigliamento di sempre. Più di 1.100 persone sono morte durante il crollo del Rana Plaza e altre migliaia sono rimaste ferite.

Quindi, che cosa ha a che fare questa catastrofe con i consumatori negli Stati Uniti? Un certo numero di aziende occidentali, da Nike a Ivanka Trump a H & M, fonte di manodopera dal Bangladesh. Nello specifico, Zara, Walmart, Benetton e Mango avevano tutti prodotto abbigliamento nelle fabbriche di Rana Plaza. E più di 120.000 chili di vestiti da The Children's Place erano stati prodotti nella piazza durante gli otto mesi prima che l'edificio cadesse.

Dopo il disastro, sono state avviate accuse di omicidio contro 38 persone collegate e più di 200 aziende di abbigliamento di 20 paesi hanno firmato l'Accordo sulla sicurezza degli incendi e degli edifici in Bangladesh per impedire che avvengano simili tragedie. I firmatari includono American Eagle Outfitters, Abercrombie & Fitch, Zara e H & M.

L'ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE
SU RAKA.COM