Dissesto idrogeologico, nel Pnrr riservati solo 3,61 miliardi

“I temi del dissesto idrogeologico e del monitoraggio del territorio necessitano di investimenti che consentano una pianificazione di ampio respiro. Nell’ultima versione del Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (Pnrr) vengono invece previsti soltanto interventi orientati all’immediato e alle situazioni di emergenza. Non sono infatti previste adeguate risorse finanziarie per gli interventi cosiddetti non strutturali orientati ad aggiornare e mettere a sistema le conoscenze, presidiare, monitorare e manutenere in modo efficace il territorio”. A lanciare il monito è, tramite una nota, il Consiglio nazionale dei geologi.

L’articolo prosegue alla fonte su La NuovaEcologia

Italia. Gli eroi dimenticati dalla politica

 

 

Fonte : areaonline.ch  che ringraziamo

I lavoratori, quelli della sanità in particolare, sono i grandi assenti dal piano nazionale da 209 miliardi per la ripresa del paese

di  Loris Campetti

Centoventicinque. Tante sono le pagine della bozza stilata dal presidente Conte sull’utilizzo dei 209 miliardi di euro destinati all’Italia dall’Unione europea. Si chiama Piano nazionale di ripresa e resilienza, è un fiume di danaro da investire per disegnare l’Italia che verrà dopo la pandemia che ha fatto esplodere tutte le antiche contraddizioni del nostro sistema economico, sociale, culturale, segnato dalle sempre più intollerabili diseguaglianze. Siccome nessuno se la sente di ripetere la più improponibile delle parole d’ordine: “Tutto tornerà come prima”, ci si aspetta una nuova italian way of live, una nuova Weltanschauung, quasi una rivoluzione.

Domanda: si può fare una rivoluzione senza il mondo del lavoro, semplicemente ignorandolo, riducendolo a pura variabile dipendente dell’impresa?

Si direbbe di sì, a sbirciare la bozza lunga 125 pagine in cui il lavoro – è il commento di chi come il segretario della Cgil Maurizio Landini quella bozza l’ha letta e riletta – non esiste.

Continua a leggere “Italia. Gli eroi dimenticati dalla politica”

….. tutto tornerà come prima ?? …… Podcast di Diario Prevenzione 15 dicembre 2020 puntata n° 74

 

-…… tornerà tutto  come prima ?………..
– Come ci sta cambiando il Coronavirus ?
– Le istituzioni mondiali riusciranno a predisporre una mappazione delle zone a rischio spillover e zoonosi per interventi di contenimento delle zoonosi ?
– L’assalto alla diligenza. I draghi: soluzione o parte del problema ?
– frittura mista e Auguri di Buone Feste!

Mettere in prospettiva il problema del burnout

FONTE ETUI

Sesto seminario sindacale europeo sui rischi psicosociali

Il 24 e 25 settembre 2019, l’ETUI ha organizzato a Lovanio (Belgio) la sesta riunione della rete sindacale europea sui rischi psicosociali sul lavoro. Ventidue rappresentanti sindacali attivi nel campo della salute sul lavoro di quattordici paesi hanno preso parte a questo incontro annuale, che mira a promuovere la condivisione di conoscenze ed esperienze su questioni relative ai rischi psicosociali.

  • Newsletter  : se desideri ricevere un riepilogo mensile delle attuali notizie su salute e sicurezza,  iscriviti  alla newsletter bilingue HesaMail (francese e inglese) gratuitamente.

La sesta edizione di questo seminario è stata un’opportunità per concentrarsi sul danno causato dall’esposizione a fattori di rischio psicosociale e sugli approcci incentrati sulla resilienza che stanno attualmente prosperando. poco ovunque. Per Hilmersson , vice segretario generale della Confederazione europea dei sindacati (CES) ha aperto il seminario con una panoramica delle priorità della CES per la salute e la sicurezza sul lavoro per i prossimi quattro anni. Come introduzione al tema del seminario, Fabienne Scandella, ricercatrice presso l’ETUI e coordinatrice della rete, ha messo in prospettiva la questione del burnout con approcci che celebrano l’adattamento individuale e ha fornito un quadro delle molteplici sfide poste al movimento sindacale europeo . Sarah Lyons , Head of Health and Safety presso la UK Education Union (NEU), ha illustrato queste sfide mostrando come la promozione del benessere e della resilienza tende a sostituire la cultura della cultura della prevenzione della salute e della sicurezza sul lavoro nel settore dell’istruzione nel Regno Unito. Senza ridurre l’esaurimento di un numero crescente di insegnanti, questo approccio sposta la responsabilità dal datore di lavoro all’insegnante. A seguito di questa presentazione, Christina Aumayr-Pintar , direttore della ricerca presso la Fondazione europea per il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro, ha presentato il rapporto di Eurofound sul burnout in Europa (2018). Questa presentazione ha reso disponibili i dati disponibili sulla prevalenza di ciò che l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ora riconosce come un “fenomeno legato al lavoro” e per fare il punto delle politiche delineate a livello europeo per contenerlo. Continua a leggere “Mettere in prospettiva il problema del burnout”

Guida ai rischi psicosociali elaborata dall’Ispettorato del Lavoro Spagnolo

FONTE  SNOP.IT 
La guida comprende le nozioni di base ed i criteri  per l’azione ITSS relative ai rischi psicosociali, sia nelle loro azioni proattive che reattive, ed è accompagnato da allegati che precisano il contenuto più tecnico. Guida in Spagnolo e Inglese.

Attachments:
File File size
Download this file (English.pdf)English.pdf 92 Kb
Download this file (Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf)Guia ITSS sobre Riesgos Psicosociales.pdf

Elogio della resilienza

fiore 2

FONTE : FIOM NOTIZIE BOLOGNA

 

Anni fa, poco dopo lo scoppio della crisi economica, ho compreso che la mia vita così com’era doveva cambiare direzione. Come spesso capita quando si è in difficoltà, mi si è presentata un’opportunità inaspettata. Interessati al mio particolare approccio alle energie rinnovabili, alcuni concittadini di San Lazzaro mi hanno invitato a conoscere una associazione chiamata Movimento di Transizione. Nel condividere le mie esperienze con altre persone ho quindi potuto incanalare meglio i miei desideri di cambiamento, nonchè ampliare il mio grado di consapevolezza. Da qui è nata la mia avventura, che è diventata l’avventura di tanti altri cittadini.

Col tempo mi stavo accorgendo che sempre più persone, (lavoratori, ma anche aziende, associazioni e comunità) cercavano di cambiare direzione alla propria esistenza, provando a passare (o per meglio dire, transitare) da un modello di società basato su globalizzazione e crescita economica infinita (ad elevato consumo di fonti fossili), a un modello di società locale e sostenibile, che quindi sostiene la vita sulla terra.

Continua a leggere “Elogio della resilienza”