E… tutto tornerà come prima?

 

Una riflessione sullo stato dell’arte nella lotta contro la pandemia Coronavirus.

– Un programma globale: il monitoraggio dei luoghi e delle traiettorie dei fenomeni di spillover per sconfiggere le future zoonosi allo stato sorgente..
– I poteri istituzionali a fronte dell’emergenza pandemia. Cosa non ha funzionato e come evitare che si ripeta. Il fallimento del modello sanitario ambrosiano ove la sanità privata ha nei fatti programmato e gestito molto male la sanità pubblica.
– Il mondo del lavoro. I lavoratori “essenziali”, in genere maltrattati e malpagati nei periodi di lockdown hanno mantenuto in vita le funzioni fondamentali ….

Autore: Gino Rubini, editor di Diario Prevenzione

L’ARTICOLO  (.pdf)

Italia. Gli eroi dimenticati dalla politica

 

 

Fonte : areaonline.ch  che ringraziamo

I lavoratori, quelli della sanità in particolare, sono i grandi assenti dal piano nazionale da 209 miliardi per la ripresa del paese

di  Loris Campetti

Centoventicinque. Tante sono le pagine della bozza stilata dal presidente Conte sull’utilizzo dei 209 miliardi di euro destinati all’Italia dall’Unione europea. Si chiama Piano nazionale di ripresa e resilienza, è un fiume di danaro da investire per disegnare l’Italia che verrà dopo la pandemia che ha fatto esplodere tutte le antiche contraddizioni del nostro sistema economico, sociale, culturale, segnato dalle sempre più intollerabili diseguaglianze. Siccome nessuno se la sente di ripetere la più improponibile delle parole d’ordine: “Tutto tornerà come prima”, ci si aspetta una nuova italian way of live, una nuova Weltanschauung, quasi una rivoluzione.

Domanda: si può fare una rivoluzione senza il mondo del lavoro, semplicemente ignorandolo, riducendolo a pura variabile dipendente dell’impresa?

Si direbbe di sì, a sbirciare la bozza lunga 125 pagine in cui il lavoro – è il commento di chi come il segretario della Cgil Maurizio Landini quella bozza l’ha letta e riletta – non esiste.

Continua a leggere “Italia. Gli eroi dimenticati dalla politica”

Calleri (Cgil): dopo il Covid dovranno cambiare davvero le cose

Fonte Collettiva.it 

Il 2020, anche sul tema della salute e sicurezza sul lavoro, è stato funestato dal virus, che ha ampliato le difformità in tema di tutela. Sale il numero degli infortuni mortali e solo il 30 per cento di questo aumento è dovuto al contagio

13 anni dopo la strage della ThyssenKrupp di Torino e la morte di 7 operai, come vanno le cose in Italia, in questo 2020 funestato dal covid? Lo abbiamo chiesto a Sebastiano Calleri, responsabile salute e sicurezza della Cgil. Che fa il punto, concentrandosi proprio sull’analisi di questi mesi di emergenza sanitaria. “Eravamo partiti confrontandoci con il governo, subito prima che scoppiasse la pandemia. Una discussione legata, certamente, anche ai temi sollevati da incidenti gravissimi quali quello della Thyssen. Avevamo parlato dell’applicabilità del sistema di prevenzione, incentrando il dialogo su quattro punti cardine: ispezioni, banche dati, patente a punti per la sicurezza negli appalti e qualificazione delle imprese. Ma la questione covid, subito dopo, ha di fatto interrotto il tavolo”. Continua a leggere “Calleri (Cgil): dopo il Covid dovranno cambiare davvero le cose”

E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “

 

Con 180 000 decessi legati al lavoro ogni anno nell’Unione europea e oltre 2,5 milioni in tutto il mondo, la salute sul lavoro è una questione cruciale per i lavoratori e i sindacati. Sapendo che, da qualche parte nel mondo, un lavoratore muore ogni 11 secondi a causa della mancanza di un’adeguata prevenzione, potresti chiederti se ha senso fare una campagna per più occupazione o salari migliori se questi lavori finiscono per togliere la vita ai lavoratori. E in più di nove casi su dieci, queste morti sono in gran parte invisibili, perché derivano da malattie professionali piuttosto che da incidenti.

Andare in tribunale per richiedere il rispetto della legislazione preventiva è un processo laborioso, costoso e poco utilizzato. Questo fatto consolida l’immagine del mondo del lavoro come enclave in cui non si applicano le regole del diritto ordinario. Ma i diritti di proprietà degli imprenditori dovrebbero davvero avere la precedenza sul diritto fondamentale alla vita? Continua a leggere “E’ disponibile online la Rivista HESAMAG n° 22 sul tema: “Salute sul lavoro nei tribunali “”

I lavoratori domestici di cura chiedono uno “scudo contro COVID-19”

E’ disponibile online il periodico Lavoro Salute n° 8 settembre 2020

FONTE LAVOROESALUTE.ORG

In questo numero

Perchè votare NO al referendum
4- editoriale. Non solo covid, c’è anche questa politica
6- Referendum: le ragioni del NO
SANITA’
8- Aziendalizzazione e privatizzazione, come invertire la rotta
19- “ Racconto il mio inferno covid di medico in Valsusa”
20- Prevennzione o morte dei sistemi sanitari pubblici
22- Pandemia in Emilia e Romagna. Raccontare marzo
22- Come aderire a Medicina Democratica Onlus
23- Sanità pubblica in ritirata? Operatori delusi e malati in attesa
24- Contratti sanità: quanto abbiamo perso in 20 anni

SICUREZZA E LAVORO
25- Eliminare le molestie e la violenza sul lavoro?
26- Vademecum sicurezza sul lavoro
25- I rischi sul lavoro garantiti da una clausola non scritta
26- In 253 giorni oltre 770 i crimini sul lavoro
27- Racconti nell’insicurezza sul lavoro
28- Vaccini e lavoratori. Intervista a Marco Caldiroli
30- Per abbattere i pregiudizi sui lavoratori con disabilità
32- Bonomi: un uomo con gli stivali
32- L’economia va male perché crollano i consumi, e i redditi!
34- Dicono che il lavoro c’è, se non lo trovi è solo colpa tua
37- Le puntate della tragedia italiana

Continua a leggere “E’ disponibile online il periodico Lavoro Salute n° 8 settembre 2020”

7/9/2020 – DPCM di proroga al 7/10/2020 delle misure urgenti per il contenimento del contagio da COVID-19

 

Il DPCM approvato il 7 settembre 2020 con validità dal 7 ottobre 2020 ripropone i vincoli e le limitazioni finalizzate al contenimento dell’epidemia da COVID-19

Il testo del Decreto è in fondo alla pagina. I 20 allegati, alcuni dei quali immutati rispetto ai precedenti, possono essere scaricati anche dal sito della Gazzetta Ufficiale.
.

UNI ad Amazon: “Non dovrebbe essere necessaria una causa legale per smettere di punire i lavoratori per essersi lavati le mani”

FONTE UNIGLOBALUNION

Questa settimana, i lavoratori di Amazon negli Stati Uniti hanno ottenuto un’importante vittoria dopo che la società ha apportato modifiche alla sua insufficiente politica di sicurezza COVID-19 a seguito della causa intentata a giugno da tre magazzinieri di New York e tre membri della famiglia. Il giorno prima di un’udienza in tribunale prevista per decidere se Amazon dovesse essere immediatamente costretto a cambiare le sue procedure di sicurezza, la società ha annunciato che il tempo libero dal lavoro per lavarsi le mani non sarebbe motivo di disciplina. 

“Non dovrebbe essere necessaria un’azione legale per spostare Amazon per annunciare che non punirà i lavoratori per essersi lavati le mani. Ciò dimostra quanto siano brutali le condizioni di lavoro per i lavoratori del magazzino e la costante pressione durante la pandemia per i lavoratori di mantenere un ritmo inesorabile “, ha affermato Christy Hoffman, segretario generale di UNI Global Union. 

“L’incredibile ricchezza e potere di Amazon sono cresciuti durante la pandemia, ma le condizioni sul lavoro sono migliorate solo quando la società è stata costretta ad agire nell’interesse dei lavoratori”. 

La UNI Global Union e la Retail, Wholesale and Department Store Union (RWDSU), hanno presentato una breve relazione sul caso, sostenendo che, come evidenziato in Italia, Francia, Spagna e altri paesi europei, i sindacati possono e hanno svolto un ruolo cruciale per ritenere responsabile Amazon e altre società e mettere al primo posto il benessere del pubblico.

La causa, intentata il 3 giugno 2020, presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti a Brooklyn, afferma che il magazzino Amazon JFK8, che impiega circa 5.000 lavoratori, era un “luogo di pericolo” mettendo a rischio sia i lavoratori che la comunità.

Ha affermato che Amazon costringe i dipendenti a lavorare a “velocità vertiginose, anche se così facendo impedisce loro di socialmente prendere le distanze, lavarsi le mani e disinfettare i loro spazi di lavoro”. Sosteneva inoltre che gli sforzi della compagnia erano pieni di “intenzionale comunicazione errata con i lavoratori”, “tracciabilità dei contatti sciatta” e distanza sociale poco applicata. I lavoratori che hanno presentato la causa dichiarano inoltre che gli obiettivi di produzione non erano realistici se fossero stati seguiti protocolli di sicurezza adeguati.

Dall’inizio della pandemia, le condizioni in molti magazzini di Amazon non hanno soddisfatto gli standard di base di salute e sicurezza prescritti dall’OMS o dalle autorità nazionali. Mentre la società si sforzava di soddisfare la crescente domanda di consegne, aumentava la velocità e il ritmo del lavoro piuttosto che rallentarlo per consentire il tempo per il lavaggio delle mani e l’allontanamento sociale. Ora, alla luce delle pressioni legali e dell’attività dei lavoratori, Amazon ha detto ai lavoratori di New York che non saranno puniti per aver dedicato del tempo extra per lavarsi le mani.

Covid in Puglia, oltre 1200 denunce di infortunio sul lavoro

 

Fonte Covid-19 

La Cgil regionale dà i primi dati sulle denunce di infortunio da virus. Tre quarti sono medici e operatori sanitari. Per ogni informazione e aiuto ci si può rivolgere all’Inca

In Puglia è tempo di bilancio sulla diffusione del contagio tra i lavoratori. Un bilancio pesante, visto che sono già 1.246 le denunce di infortunio sul lavoro da Covid pervenute all’Inail in regione. 10 con esito mortale. “Ad essere colpiti – si legge nel comunicato della Cgil regionale – soprattutto i lavoratori over 50 con il 41 per cento dei casi, ma il dato eclatante riguarda tecnici della salute, professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali, medici e personale non qualificato nei servizi di istruzione e sanitari, da cui proviene il 73 per cento dei casi”. Continua a leggere “Covid in Puglia, oltre 1200 denunce di infortunio sul lavoro”

Un nuovo rapporto scopre la rete di subappalti, sotto la copertura della pandemia si intensificano le forme di sfruttamento nel trasporto stradale europeo

 

Le condizioni di lavoro di numerosi camionisti che circolano sulle nostre strade sono quelle descritte nel Rapporto FNV-VNB . ”  Sotto la copertura della pandemia, le aziende si stanno muovendo verso prezzi di trasporto aggressivamente più bassi, portando a ulteriori attacchi alla retribuzione, alle condizioni e alla sicurezza dei lavoratori. ”  Queste condizioni di sfruttamento del lavoro mettono a rischio la incolumità degli utenti della strada…..

FONTE IUF.ORG

Un nuovo rapporto [1] preparato dalla fondazione sindacale olandese FNV-VNB, dall’International Transport Workers ‘Federation (ITF) e dalla IUF scopre le molteplici catene di lavoro in subappalto che hanno consentito l’espansione di uno squallido sfruttamento nel trasporto stradale europeo. Le compagnie di trasporto che forniscono servizi ad alcune delle più grandi multinazionali europee subappaltano il lavoro a società con sede nell’Europa orientale a basso salario che a loro volta reclutano e, in alcuni casi, trafficano, conducenti per il trasporto. Sotto la copertura della pandemia, le aziende si stanno muovendo verso prezzi di trasporto aggressivamente più bassi, portando a ulteriori attacchi alla retribuzione, alle condizioni e alla sicurezza dei lavoratori.

Il rapporto rivela come conducenti provenienti da Ucraina, Bielorussia, Uzbekistan, Turchia, Filippine e altri paesi extra-UE siano assunti con contratti dall’Europa dell’Est mentre lavorano quasi esclusivamente in Europa occidentale, spesso dopo aver pagato elevate tasse di assunzione. Presenta prove di lavoratori costretti a firmare contratti in lingue che non possono leggere; i conducenti pagavano solo 110 euro al mese, dovevano vivere nei loro veicoli per mesi senza accesso all’acqua e ai servizi igienico-sanitari e minacciati di violenza se avvertivano le autorità delle enormi violazioni di sicurezza, orario di lavoro o retribuzione. La frode è comune; ai lavoratori vengono forniti documenti falsi sul loro stato di occupazione e documenti che documentano l’orario di lavoro sono falsificati.

Negli ultimi 18 mesi, l’IUF ha collaborato con ITF e FNV-VNB per identificare le principali società transnazionali di prodotti alimentari e bevande i cui sistemi logistici di trasporto su strada rischiano di contribuire a questi abusi. Le discussioni con le singole società, basate su relazioni IUF di lunga data con esse, hanno portato a un accordo su un modello in tre parti che inizialmente stabilisce standard e meccanismi concordati per valutare la conformità. La terza parte del modello che identifica le misure appropriate per le azioni correttive per far fronte agli abusi sarà sviluppata durante i progetti pilota che sono stati concordati inizialmente con due grandi aziende. Questi progetti pilota dovrebbero iniziare quando la situazione COVID-19 in Europa lo permetterà.

 

L’ITUC Global Rights Index espone i fallimenti del modello economico mondiale: un nuovo contratto sociale può aiutarci a costruirne uno nuovo

Fonte : Equaltimes.org

BLOG

Sharan Burrow è stata eletta segretaria generale dell’ITUC al suo secondo congresso mondiale a Vancouver, giugno 2010. In precedenza, ha ricoperto la carica di presidente dell’ITUC dal suo congresso di fondazione a Vienna (novembre 2006) e la carica di presidente dell’ICFTU dal suo 18 ° Congresso mondiale a Miyazaki (novembre 2004). È la prima donna ad aver ricoperto una di queste posizioni. Info su Sharan Burrows

Alcuni paesi useranno la crisi COVID-19 per accelerare i loro attacchi ai lavoratori, ma possiamo usare l’ indice ITUC Global Rights 2020 per fermare questo, e poi invertirlo.

Dobbiamo farlo perché il 2020 Rights Index espone la rottura del contratto sociale tra governi, datori di lavoro e lavoratori, con violazioni dei diritti dei lavoratori al massimo di sette anni. Democrazia e libertà sono sottoposte a continui attacchi.

Governi e datori di lavoro hanno limitato i diritti dei lavoratori limitando la contrattazione collettiva, interrompendo il diritto di sciopero ed escludendo i lavoratori dai sindacati. Ciò è stato aggravato da un aumento del numero di paesi che impediscono la registrazione dei sindacati.

L’incredibile 85 per cento dei paesi ha violato il diritto di sciopero. Scioperi e manifestazioni furono banditi in Bielorussia, Guinea, Senegal e Togo e incontrarono estrema brutalità in Bolivia, Cile ed Ecuador. In Iran e Iraq, sono stati fatti arresti di massa durante le proteste. Continua a leggere “L’ITUC Global Rights Index espone i fallimenti del modello economico mondiale: un nuovo contratto sociale può aiutarci a costruirne uno nuovo”

Gli ingranaggi della politica di salute e sicurezza nell’Unione europea Storia, istituzioni e soggetti

 

Autore: Laurent Vogel

Edizione italiana a cura di SindNova. Traduzione di Diego Alhaique. Roma 2016
Traduzione di Diego Alhaique

Rendiamo disponibile questo saggio di Laurent Vogel ricercatore ETUI pubblicato nel 2016. Questo saggio è utile in particolare ai cultori delle politiche sociali in materia di salute e sicurezza nel lavoro.Questa ricerca fa chiarezza sulla complessità del percorso per attuare gli obiettivi previsti dalla Direttiva Quadro 391/89

LA BROCHURE ( 70 PAGINE PDF )

GB.Gran Bretagna. Oltre l’80% dei genitori non rimanda i bambini a scuola – Sondaggio del Sindacato GMB

FONTE  GMB UNION 

Oltre l’80% dei genitori non intende rimandare i propri figli a scuola oggi, secondo un sondaggio GMB.

Un totale di 1.601 membri hanno risposto a un’indagine dell’Unione GMB lanciata venerdì 29 maggio – un massiccio 1.307 di genitori afferma che non avrebbero intenzione di rimandare i propri figli oggi.

Durante il fine settimana diversi membri dell’organo consultivo SAGE del governo hanno messo in guardia dall’allentamento delle restrizioni di blocco  per l’accoglienza dei bambini, anno 1 e anno 6.

Il personale scolastico, i genitori, i consigli e i migliori scienziati concordano tutti: aprire le scuole più ampiamente oggi è un rischio troppo grande.

Karen Leonard, ufficiale nazionale GMB

I migliori scienziati hanno anche affermato che l’ apertura delle scuole oggi comprometterebbe la strategia di blocco del coronavirus nel Regno Unito.

Si uniscono al personale scolastico, ai genitori e ai consigli per sollecitare i ministri a rinviare l’apertura della scuola più ampia fino a quando il tasso di infezione sarà inferiore.

Karen Leonard, funzionario nazionale GMB, ha dichiarato: 

“Il governo deve mostrarci le prove: il pubblico si è saggiato e ha chiesto trasparenza aperta e onesta.

“Il personale scolastico, i genitori, i consigli e i migliori scienziati concordano tutti: aprire le scuole più ampiamente oggi è un rischio troppo grande.

Visita l’hub di consulenza Make Work Safe

“Abbiamo ancora migliaia di nuove infezioni ogni giorno nel Regno Unito e il sistema di localizzazione non è quasi pronto.

“Vogliamo tutti che la vita torni alla normalità il più rapidamente possibile, ma non vale la pena mettere i bambini e il personale a maggior rischio per il governo che cerca di ottenere alcuni titoli facili

“I ministri devono pubblicare immediatamente i dati su quanti alunni e personale sono stati testati, su come i DPI sono resi disponibili, su chi li finanzia e sui tassi di R in cui le scuole hanno aperto più ampiamente. “

Lavoratrici delle pulizie: indispensabili ma umiliate

da Collettiva che ringraziamo 

Un lavoro speciale, specializzato, altamente professionale. Un lavoro svalutato e svalorizzato, poco considerato e poco pagato. Al tempo del Coronavirus, ma non solo, un lavoro indispensabile. Un lavoro in appalto

Guanti, mascherine, camici monouso e calzari da indossare prima di entrare nelle corsie Covid degli ospedali per pulire e sanificare gli spazi e così contribuire a non diffondere il contagio, a contenere e ridurre la pandemia.

 

Una responsabilità enorme sulle spalle soprattutto di donne che garantiscono salubrità e sicurezza a malati e operatori sanitari in orari in cui gli altri dormono ancora o fanno colazione. Un lavoro poco considerato, ritenuto umile e proprio per questo, in un mondo che dà valore solo a ciò che “costa”, assai poco pagato – solo 7,26 euro all’ora – ma che per esser svolto prevede una formazione professionale specifica, in “aula” ad insegnare anche virologi ed infettivologi perché distinguere come “funzione un batterio o un virus è indispensabile per eliminarlo da pavimenti e suppellettili”. Ce lo racconta Anna Santo Stefano che questi corsi li ha seguiti 14 anni fa prima di entrare a lavorare allo Spallazzani di Roma, Ospedale per la lotta e la cura delle malattie infettive, e che nuovi corsi li ha frequentati qualche settimana fa quando la pandemia si annunciava anche nel nostro Paese e a chi doveva e deve garantire pulizia e salubrità è stato chiesto di “imparare” un nuovo modo di procedere. Professionalità è la parola che Anna Santo Stefano ripete con più frequenza, insieme a impegno e responsabilità.

Continua a leggere “Lavoratrici delle pulizie: indispensabili ma umiliate”

Usa. I lavoratori di autobus pagano un prezzo pesante durante la pandemia

 

Un articolo del Washington Post descrive l’ecatombe di guidatori e guidatrici di autobus e metro della città di New York e di altre metropoli degli USA. Un autista di bus di New York Danny Cruz, iniziò a preoccuparsi che nessuno capisse il pedaggio che il virus stava facendo pagare ai suoi compagni di lavoro. Cominciò a tenere un diario ove segnava i nomi dei compagni di lavoro morti a causa del Covid-19. Solo per la città di New York secondo Danny Cruz sono stati 129 gli operatori di bus e metro morti a causa di Covid-19 su di un organico di 74.000 addetti.
L’articolo riporta poi dati su diverse città degli USA. Questa Antologia di Spoon River riporta storie terribili come quella di un ragazzo di 19 anni colpito dal Covid-19.
Un articolo d’inchiesta da leggere anche per vedere come si possa fare buon giornalismo d’inchiesta.

Transit workers are paying a heavy price during the pandemic

Canada: un appello sindacale per proteggere i lavoratori degli impianti di lavorazioni carni. 1400 casi di lavoratori infetti nel settore industria alimentare

FONTE TUAC (Sindacato alimentaristi Canada) 

I lavoratori negli impianti di lavorazione della carne in Canada lavorano duramente in prima linea per produrre carne per le famiglie in tutto il paese.

Ad oggi, oltre 1.400 casi di COVID – 19 sono stati confermati nei lavoratori dell’industria alimentare. Alcuni di questi ultimi che stanno combattendo COVID-19 sono in condizioni critiche e alcuni sono morti.

In risposta alla pandemia, il governo federale ha recentemente annunciato $ 77 milioni per i trasformatori di alimenti, ma i dettagli sulla distribuzione di questi fondi non sono ancora chiari.

Gli operatori del settore alimentare devono svolgere un ruolo centrale nel determinare le condizioni e i criteri per il “Fondo per il trattamento di emergenza”.

Informare il governo canadese che i soldi dei contribuenti pagati alle imprese devono innanzitutto garantire la salute e la sicurezza dei lavoratori e che i lavoratori del settore alimentare devono avere voce in capitolo determinare le condizioni della propria salute e sicurezza!

MOSTRA IL TUO SOSTEGNO AI LAVORATORI DEL SETTORE ALIMENTARE INVIANDO UNA LETTERA ADESSO!

Per diverse settimane, i lavoratori dell’industria alimentare canadese hanno chiesto le seguenti misure, raccomandate dai sostenitori per i lavoratori alimentari di tutto il mondo, ma non hanno ricevuto impegni da governo federale su queste disposizioni di base:

  • Garantire che i lavoratori possano lavorare a una distanza di due metri (6,5 piedi) l’uno dall’altro per tutta la giornata lavorativa. Per fare ciò, è possibile modificare l’organizzazione del lavoro, l’orario di lavoro e le pause. Potrebbe essere necessario modificare la progettazione delle stazioni di lavoro, ad esempio installando Perspex, Plexiglas o materiale simile per proteggere i lavoratori dal rischio di infezione reciproca.
  • Ridurre la velocità e la quantità di prodotti sulla linea di produzione per garantire un divario di due metri tra i lavoratori. Ciò deve essere fatto senza rimuovere alcuna posizione e le decisioni relative a turni, accordi di condivisione del lavoro e straordinari devono coinvolgere il sindacato.
  • Fornire adeguate stazioni di lavaggio e disinfezione delle mani e aumentare il numero di pause affinché il lavaggio delle mani diventi parte integrante del lavoro.
  • Garantire la pulizia e l’igiene regolari e complete del posto di lavoro, compresi i servizi igienici e le sale da pranzo. Tutte le superfici comuni, ad esempio banchi da lavoro, maniglie delle porte, corrimani e tastiere, devono essere pulite regolarmente.
  • Fornire adeguati dispositivi di protezione individuale (DPI), sebbene ciò non possa sostituire un adeguato spazio tra i lavoratori.
  • Adottare le misure necessarie per raggiungere il luogo di lavoro in sicurezza per ridurre al minimo il rischio di esposizione a COVID – 19.
  • Pubblica i protocolli sul posto di lavoro sui cartelloni pubblicitari in lingue che tutti i lavoratori possano comprendere e mantenere comunicazioni regolari.

Proteggere i lavoratori del settore alimentare e fermare la diffusione di COVID-19 negli impianti di produzione alimentare in Canada richiede un approccio coerente guidato da parti interessate, sindacati e datori di lavoro, e attuato dal governo.

I lavoratori del settore alimentare hanno bisogno di aiuto ADESSO!

I piloti “stupiti e furiosi” a fonte di 2 miliardi di sterline per camminare e andare in bicicletta, quando l’aviazione è nella spirale della morte

Pubblichiamo questo articolo dal sito BALPA, il sindacato dei piloti e assistenti di volo britannici per mettere in evidenza come stiano emergendo situazioni drammatiche  nell’aviazione civile prodotte dalla pandemia Covid-19. Il rischio di una debacle occupazionale nel settore del trasporto aereo  è enorme ma questo non vuol dire che non ci debbano essere investimenti per la mobilità alternativa “a terra”

 

La British Airline Pilots Association (BALPA) ha reagito furiosamente alla notizia che il governo ha annunciato 2 miliardi di sterline in finanziamenti per andare in bicicletta e camminare mentre l’industria aeronautica britannica è in una spirale mortale.

https://www.bbc.co.uk/news/uk-52600708

Brian Strutton, Segretario Generale BALPA, ha dichiarato: “Il settore dell’aviazione sta già affrontando 23.000 tagli di posti di lavoro, con il potenziale per molti altri nelle settimane e nei mesi a venire. La proposta di quarantena di 14 giorni proposta dal governo per i viaggiatori internazionali in arrivo metterà ancora più pressione sull’industria per il prossimo futuro, e contestando ripetute promesse, non abbiamo visto nemmeno un centesimo nel supporto dedicato e su misura per le compagnie aeree.
 
“Alla luce di tutto ciò, i piloti britannici saranno assolutamente stupiti e francamente furiosi con £ 2 miliardi di sterline trovati per” camminare e andare in bicicletta “quando l’industria aerea, che è così vitale per l’economia del Regno Unito, sta morendo sotto i nostri occhi.
 
“Quando il governo riconoscerà che il business delle compagnie aeree britanniche è in una spirale mortale e interverrà per sostenere questo settore vitale e fermare l’abbattimento del lavoro?”
 

Sindacato belga FGTB . COVID 19 e ritorno sicuro al lavoro – Guida per i delegati

Covid-19. Cosa succede negli altri paesi europei con la riapertura delle attività ? Dal sito del sindacato belga FGTB possiamo scaricare la guida generica delle parti sociali con le linee guida su cosa fare per avere un ambiente di lavoro sicuro. editor

 Sindacato belga.  COVID 19 e ritorno sicuro al lavoro – Guida per i delegati

Gli esperti dicono che dovremo convivere con il coronavirus per un po ‘. Questo è il motivo per cui, quando si avvia / riapre la propria attività, è necessario adottare diverse misure, in relazione alle quali i delegati dovrebbero essere strettamente coinvolti. Il datore di lavoro, il dialogo sociale e i servizi di prevenzione interna ed esterna svolgono un ruolo importante nell’attuazione di tali misure.

Questo elenco di accordi minimi (vedi parte 2) può essere utilizzato per valutare se è possibile un riapertura sicura in azienda. È essenziale organizzare una consultazione preventiva su tali accordi nell’ambito della CPPT o, in assenza di tale organo, con la DS. Entrambi svolgono un ruolo consultivo importante. Il coinvolgimento preventivo è essenziale per creare supporto per misure preventive e per alleviare le preoccupazioni dei lavoratori.

A questo proposito, si dovrebbe in ogni caso tenere conto degli accordi settoriali e della situazione specifica della propria azienda. Organizzare una consultazione preventiva sulle misure da adottare, seguire periodicamente e correggere la situazione ove necessario. Questo ti darà più supporto rispetto alle misure.

Per ulteriori informazioni, consultare la guida elaborata dalle parti sociali: Guida generica per la lotta contro la diffusione di COVID-19 al lavoro.

Danimarca.Tornare a pieno regime. Ora! Ora che la Danimarca si sta aprendo di più, è fondamentale che l’Ispettorato del lavoro ritorni a pieno ritmo.

Cosa succede negli altri paesi europei nella seconda fase ?  Questo articolo dal sito del Sindacato Danese ci rappresenta le difficoltà sui problemi della vigilanza sulla corretta gestione della sicurezza rispetto a Covid-19

 

L’Ispettorato del lavoro è essenziale per garantire che il rischio di contagio sia effettivamente prevenuto nei settori che sono sempre stati aperti o riaperti nella prima fase, come l’edilizia, l’assistenza domiciliare, i negozi di alimentari e gli istituti diurni. “Ora è urgente riportare AT completamente in carreggiata. AT è un attore chiave per garantire una riapertura corretta e sicura nei prossimi mesi “, afferma Morten Skov, vicepresidente dell’FH. 

Dal sito del Sindacato Danese FHO ( traduzione dal danese assistita da Google translator. )

Tornare a pieno regime. Ora!
Ora che la Danimarca si sta aprendo di più, è fondamentale che l’Ispettorato del lavoro ritorni a pieno ritmo. Il vice presidente della principale organizzazione del movimento sindacale, Morten Skov, sottolinea che molti dipendenti scoprono che i datori di lavoro non prendono sul serio l’ambiente di lavoro e l’infezione da coronavirus.
L’Ispettorato del lavoro sta ancora fermo a causa della chiusura del paese. La maggior parte dei supervisori è stata rimandata a casa da quando la Danimarca ha chiuso a metà marzo. In molti settori, la supervisione ( vigilanza)  non viene affatto effettuata se non si verificano incidenti o reclami gravi.

Ma il fermo a causa dell’epidemia  per l’Ispettorato del lavoro è durata abbastanza a lungo ora. La vigilanza  dovrebbe tornare a pieno titolo il più presto possibile. Questo è ciò che crede la principale organizzazione sindacale (FH).

L’Ispettorato del lavoro è essenziale per garantire che il rischio di infezione sia efficacemente prevenuto nelle industrie che sono sempre state aperte o riaperte nella prima fase, come l’edilizia, l’assistenza domiciliare, i negozi di alimentari e le istituzioni diurne. Lo afferma il vicepresidente di Morten Skov.

Indica problemi con, ad esempio, i requisiti di distanza e di igiene e che i dipendenti hanno accesso ai dispositivi di protezione necessari.

“I problemi e l’insicurezza dei dipendenti si accumulano sul posto di lavoro a causa di linee guida poco chiare o perché le regole non vengono rispettate”, afferma Morten Skov.

L’Ispettorato del lavoro è importante quanto la polizia

L’ispettorato del lavoro è importante tanto quanto la polizia quando si tratta di prevenire l’infezione coronarica: il virus infetta non meno sul posto di lavoro che al di fuori del pubblico, sottolinea Morten Skov.

“La polizia dà la priorità al monitoraggio quotidiano affinchè i normali cittadini dello spazio pubblico rispettino le linee guida del governo. Ci viene detto che è cruciale frenare l’infezione nella società. E fondamentale per una maggiore apertura. Allo stesso modo, deve essere compito dell’autorità danese per l’ambiente di lavoro garantire che le linee guida siano rispettate sul posto di lavoro, in modo da prevenire il rischio di infezione e che tutti i dipendenti possano andare a lavorare in sicurezza “, afferma Morten Skov.

L’Ispettorato del Lavoro riceve rapporti quotidiani dai sindacati e dai rappresentanti sindacali che sono frustrati dalla mancanza di dispositivi di protezione,  la pulizia e l’igiene generale sono carenti e  molti datori di lavoro non danno la priorità alle importanti linee guida coronariche.

Morten Skov avverte del rischio di una maggiore chiusura invece di riaprire se il rischio di infezione non è gestito sul posto di lavoro.

“Esiste un chiaro e inequivocabile desiderio da parte del movimento sindacale per il governo e tutti i partiti in parlamento di riportare l’Ispettorato del Lavoro a tutta velocità al più presto possibile. È urgente! ”, Afferma Morten Skov.

SEGNALAZIONE ARTICOLI DA STAMPA INTERNAZIONALE SU PANDEMIA COVID-19

 

Scientific American USA 

 

 

Il trauma psicologico è la prossima crisi per gli operatori sanitari del coronavirus
Il culto degli eroi da solo non protegge i clinici in prima linea dall’angoscia

https://www.scientificamerican.com/article/psychological-trauma-is-the-next-crisis-for-coronavirus-health-workers/?spMailingID=64672485&spUserID=OTIyNDczMDQ2NTkS1&spJobID=1880629434&spReportId=MTg4MDYyOTQzNAS2

———————————————

GB. I sindacati mettono in guardia contro la riapertura prematura delle scuole

I segretari generali di 10 sindacati degli insegnanti in tutto il Regno Unito e in Irlanda hanno scritto ai ministri dell’istruzione in tutte e 5 le giurisdizioni sollecitando “un’attenzione significativa in qualsiasi considerazione relativa alla riapertura delle scuole

https://neu.org.uk/press-releases/unions-warn-against-premature-reopening-schools

=========================
GERMANIA
SINDACATO DELLA FUNZIONE PUBBLICA VER.DI
Stress estremo per i dipendenti
In vista della diffusione del coronavirus, ver.di sottolinea l’elevato onere per gli operatori sanitari e chiede miglioramenti fondamentali

Comunicato stampa, Berlino, 12 marzo 2020.In vista della rapida diffusione del coronavirus (Covid-19) anche in Germania, il sindacato ver.di richiama l’attenzione sulle elevate esigenze del personale ospedaliero e chiede miglioramenti strutturali. “I dipendenti degli ospedali sono professionisti. In una situazione di crisi, fanno tutto il possibile per salvare vite umane e rallentare la diffusione del virus “, ha spiegato Sylvia Bühler, responsabile dell’assistenza sanitaria nel consiglio esecutivo federale ver.di. “Anche senza l’estremo onere dell’epidemia, troppo spesso i dipendenti vanno oltre i propri limiti perché si preoccupano del benessere e della sicurezza dei pazienti. Deve quindi finire che i proprietari della clinica e le persone politicamente responsabili traggano vantaggio da questo impegno. Tutti i responsabili devono ora impostare il segnale: Stiamo lavorando duramente per migliorare le condizioni di lavoro. Innanzitutto, ciò significa più personale “.
L’ARTICOLO SEGUE ALLA FONTE
https://gesundheit-soziales.verdi.de/++co++024a869a-6451-11ea-9b22-525400f67940

===========================

Continua a leggere “SEGNALAZIONE ARTICOLI DA STAMPA INTERNAZIONALE SU PANDEMIA COVID-19”

Un nuovo contratto sociale può ricostruire i nostri posti di lavoro e le nostre economie dopo COVID-19

FONTE MEDIUM 

SCRITTO DA

Sharan Burrow

Segretario Generale della Confederazione Internazionale dei Sindacati. Rappresentare i lavoratori del mondo.

 

Il nostro mondo è in crisi con molte facce di devastazione: la devastazione della disuguaglianza, la devastazione climatica con eventi meteorologici estremi e stagioni che cambiano, e ora la devastazione di una pandemia senza una data di fine nota.

La protezione immediata per i lavoratori, le famiglie, le comunità e le imprese dell’economia reale con garanzie di congedo per malattia retribuito, protezione dei salari e salute pubblica e altre aree di assistenza vitale per tutti sono essenziali come primo passo per stabilizzare le ricadute dalla pandemia.

Dopo il tumulto degli inizi del XX secolo delle due guerre mondiali e della Grande Depressione, i leader mondiali hanno capito che era importante costruire un piano sociale di diritti democratici, libertà e sistemi di protezione sociale. Questo era un contratto sociale con le persone del mondo.

L’ILO è stata fondata nel 1919 con una struttura di governo tripartita in cui i lavoratori, i datori di lavoro e la governance hanno negoziato diritti fondamentali come la libertà di associazione e i diritti di contrattazione collettiva e il diritto di essere liberi dalla discriminazione e liberi da lavoro forzato e lavoro minorile. A questi sono seguiti altri standard tra cui salute e sicurezza sul lavoro, salari minimi e nel corso degli anni un corpus di standard per garantire un lavoro dignitoso. E ‘stato sviluppato un sistema di supervisione per tenere conto dei governi.

Ogni lotta per una migliore vita lavorativa o protezione sociale o istruzione, sanità, assistenza all’infanzia o altri servizi pubblici a livello nazionale ha aggiunto al contratto sociale.

E queste garanzie insieme agli impegni salariali negoziati o statutari che derivavano da un’offerta di lavoro – in altre parole, un contratto di lavoro – sono diventati la base delle economie e delle società che proteggono i lavoratori dagli shock economici, politici e ambientali.

Il contratto sociale è stato compreso da tutte le parti come il fondamento di una società stabile, ma quando il mondo è diventato più ricco e l’ascesa delle società globali ha iniziato a dominare le nostre economie, gli attacchi al contratto sociale sono aumentati.

L’arbitrato del lavoro è diventato la base della crescita del profitto con la produzione offshore per massimizzare i bassi salari e ridurre le responsabilità occupazionali alla base sia del commercio globale che della concorrenza. La globalizzazione ha aumentato enormemente la ricchezza globale, ma non è stata equamente condivisa. La quota del reddito da lavoro è costantemente diminuita dagli anni ’80.

Fonte: OIL basato sulla Commissione europea (dati AMECO)

E la negazione dei diritti fondamentali del lavoro è stata permessa dai governi mettendo gli interessi corporativi al di sopra della dignità del lavoro dignitoso e dei mezzi di sussistenza della propria gente.

Questi stessi governi non sono riusciti a costruire sistemi di protezione sociale universale, senza lasciare alcuna rete di sicurezza in tempi di crisi per oltre il 70% della popolazione mondiale.

La promessa di sviluppo è stata ulteriormente limitata dai flussi illeciti di reddito e dall’evasione fiscale subiti dai paesi più poveri che hanno osservato le loro risorse naturali e i talenti del loro popolo appropriati dalle società occidentali benestanti.

Ma purtroppo, la crisi finanziaria del 2008-2009 ci ha insegnato poco come la spesa per stimoli progettata inizialmente per proteggere posti di lavoro, persone e economia reale si è trasformata in salvataggi per banche e istituzioni finanziarie mentre misure di austerità hanno attaccato salari minimi, contrattazione collettiva e protezione sociale.

Questi attacchi hanno strappato gli ultimi fili del contratto sociale, che è stato oggetto di un crescente attacco dagli anni ’80.

Oggi l’impatto sulla salute e sull’economia della pandemia COVID-19 ha messo in luce i rapporti di lavoro che sono carenti di ferie retribuite, ore di lavoro garantite o persino un contratto di lavoro.

Liberi professionisti, lavoratori dell’economia dei concerti ( gig economy)  e lavoratori nascosti nelle catene di approvvigionamento globali – tutti strangolati dai blocchi necessari per contenere la diffusione del coronavirus – sono le persone che sentono le prime onde d’urto di questa crisi.

Mentre molti governi si affrettano a pagare per un congedo per malattia, a fornire sostegno al reddito o ad altre misure, si sono trovati a mettere in piedi i mattoni di un contratto sociale. Teniamoli al loro posto.

Un nuovo contratto sociale è fondamentale per riportare il mondo su un percorso sostenibile e giusto. I termini del presente contratto devono includere un piano di protezione del lavoro per tutti i lavoratori con:

– diritti fondamentali;

– salario minimo adeguato;

– ore massime di lavoro; e

– salute e sicurezza.

Attraverso la garanzia legislativa o la contrattazione collettiva, dovrebbero essere garantiti il ​​congedo per malattia retribuito, il congedo familiare e altri diritti.

E la protezione sociale universale, compresa la protezione del reddito per periodi di sottoccupazione, è una garanzia sociale per le famiglie che lavorano e le basi di una società più equa e di un’economia sicura.

Solo misure di transizione per l’azione per il clima e i cambiamenti tecnologici e un’agenda trasformativa per la partecipazione economica delle donne possono garantire che nessuno ci lasci indietro.

La tassazione deve essere equa e ridistribuita alle misure di giustizia sociale, compresi i servizi pubblici fondamentali in materia di sanità, istruzione e altri settori di assistenza e opportunità.

Il mondo post-pandemia potrebbe darci un nuovo modello per l’economia globale, un nuovo impegno per la condivisione della ricchezza del mondo e un rinnovato investimento nel rispetto e nello stato di diritto.

Dalla devastazione sanitaria ed economica di COVID-19, ricostruiamo con un contratto sociale nuovo o rinnovato.

Riferimenti :

PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID – 19 NEI CANTIERI

Il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti condivide con il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, ANCI, UPI, Anas S.p.A., RFI, ANCE, Alleanza delle Cooperative, Feneal Uil, Filca – CISL e Fillea CGIL il seguente:
PROTOCOLLO CONDIVISO DI REGOLAMENTAZIONE PER IL CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DEL COVID – 19 NEI CANTIERI

IL PROTOCOLLO 

 

Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro. ( Con le integrazioni del 24 aprile 2020 )

 

24 aprile 2020

Venerdi 24 aprile 2020, è stato integrato il “Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” sottoscritto il 14 marzo 2020 su invito del Presidente del Consiglio dei ministri, del Ministro dell’economia, del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro della salute, che avevano promosso l’incontro tra le parti sociali, in attuazione della misura, contenuta all’articolo 1, comma primo, numero 9), del decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 11 marzo 2020, che,  in relazione alle attività professionali e alle attività produttive, raccomanda intese tra organizzazioni datoriali e sindacali.
Il Governo favorisce, per quanto di sua competenza, la piena attuazione del
Protocollo.

IL PROTOCOLLO CONDIVISO INTEGRATO 24/04/2020

COMUNICATO STAMPA CGIL CISL UIL 22 aprile 2020

Nel corso della videoconferenza odierna, il Governo ha comunicato che non ha assunto ancora alcuna decisione sul tema della ripresa delle attività produttive. Il confronto continuerà domani con i Ministri Patuanelli, Catalfo e Speranza per discutere dei temi della sicurezza nella prospettiva della ripartenza. Il Premier Conte ha prospettato l’ipotesi di avviare, a partire dal prossimo 4 maggio, la ripresa delle attività in alcuni settori del manifatturiero, delle costruzioni e dei servizi. A tal proposito, Cgil, Cisl, Uil ribadiscono che il Protocollo dello scorso 14 marzo deve restare punto di riferimento imprescindibile per garantire la sicurezza dei lavoratori coinvolti, quale condizione necessaria a riprendere la produzione e a dare un futuro al Paese. I dispositivi di sicurezza, gli strumenti di screening, le attività negli appalti, ad esempio, ad oggi, non sono ancora sufficienti per garantire quella condizione. Così come si pone un problema di assicurare il distanziamento sociale sui mezzi di trasporto pubblico che saranno utilizzati dai lavoratori.
Cgil Cisl Uil hanno rinnovato la richiesta di un confronto sui temi del sostegno all’economia e al lavoro sulla base dei prossimi provvedimenti che il Governo intende varare e di attivare inoltre un tavolo di confronto a Palazzo Chigi sul problema della scuola e della pubblica amministrazione. Cosi come va affrontato il problema della cura dei figli per i genitori che riprenderanno il lavoro
Restano ancora molte questioni aperte su cui discutere, dunque, e l’ipotesi di riprendere immediatamente tutte le attività, come richiesto da qualcuno, già a partire dal 27 aprile, proprio alla vigilia della Giornata mondiale per la salute e sicurezza, è un’ipotesi impercorribile.  Peraltro, chi dimostra di averne diritto può già fare ricorso ai Prefetti. Bisogna, dunque, attivarsi, nei prossimi giorni, per ottenere le necessarie garanzie e per evitare che si rischino dolorosi passi indietro sul fronte dei contagi. Le stesse aziende utilizzino il tempo a disposizione per organizzare il lavoro sulla base delle indicazioni contenute nel Protocollo, che può essere migliorato e ampliato, ma certamente mai ridimensionato. Per noi, come convenuto anche dallo stesso Premier, quello resta una sorta di testo sacro per riprendere ovunque, gradualmente, la produzione e il lavoro in sicurezza. Cgil, Cisl, Uil sono pronte, come sempre, a confrontarsi e fare la propria parte per tornare alla normalità secondo criteri intelligenti e di buon senso, nel rispetto della salute di lavoratori, pensionati e cittadini.
Roma, 22 aprile 2020

Dichiarazione sulla risposta globale a CoVID 19

 

Dal sito di Trade Union (GB) abbiamo preso questo documento importante ove la Leadership ITUC  e 5 dei maggiori sindacati dei lavoratori affiliati delineano una vision e un progetto per il futuro, in particolare,  per il dopo pandemia Covid-19.

FONTE TUC : Statement on the Global Response to CoVID 19

Autori : Leadership ITUC e 5 dei maggiori affiliati ITUC *
(traduzione automatica con google translator)

Sono tempi straordinari. Più di quattro persone su cinque (81 per cento) nella forza lavoro globale di 3,3 miliardi sono attualmente colpite dalla chiusura totale o parziale dei luoghi di lavoro mentre i paesi combattono la pandemia di COVID-19.

Per rispondere all’impatto sanitario, economico e sociale della pandemia mondiale è necessaria una stretta cooperazione globale tra governi e parti sociali. Questo è l’unico modo per affrontare efficacemente questa crisi e superare la peggiore recessione della nostra vita.

Come leader sindacali e rappresentanti dei lavoratori:

Siamo in lutto per tutti coloro che stanno perdendo la vita e stiamo insieme a tutti coloro che hanno perso i loro cari;

Salutiamo tutti i lavoratori, in primo luogo per quanto riguarda la salute e l’assistenza, nonché tutti coloro che escono ogni giorno per lavorare per far funzionare le economie e le società sostenute, rischiando la vita e il benessere;

Restiamo in piedi con tutti i lavoratori le cui vite e mezzi di sostentamento vengono messi in pausa o peggio, poiché gli sforzi per mitigare il virus hanno la precedenza – lotteremo per loro come sempre;

E stiamo con quelli dei paesi più poveri, privati ​​di lavori formali, protezione sociale e assistenza sanitaria, che non saranno abbandonati.

Ovunque tu sia e qualunque lavoro tu faccia, la tua unione è lì per proteggerti in questi tempi incerti dai rischi e proteggere il tuo sostentamento. Siamo estremamente orgogliosi del lavoro svolto dai nostri membri e della loro solidarietà in questo momento molto difficile.

Oggi stiamo vivendo la più grande manifestazione di solidarietà nella storia umana.

Le chiusure delle aziende e il distanziamento sociale coprono ora la maggior parte della popolazione mondiale, al fine di proteggere in particolare gli anziani e i vulnerabili. La solidarietà dimostrata dai lavoratori deve essere ricambiata da quelli con ricchezza e potere.

In questo momento di crisi, le persone guardano giustamente ai loro governi per agire. In questa crisi ciò significa mettere al primo posto la salute pubblica e allo stesso tempo sostenere le famiglie che hanno bisogno di assistenza. Significa leader che lavorano insieme oltre i confini e in tutto il mondo. Molti governi stanno andando bene, alcuni stanno andando meno bene e ci sono anche alcuni che negano la vera realtà della pandemia.

Il virus che causa COVID-19 non discrimina, ma i suoi impatti discriminano per classe, razza e povertà. Ogni persona al mondo è colpita e solo dal mondo intero che lavora insieme possiamo prepararci alla vita ovunque con COVID-19 come malattia endemica.

I fallimenti della globalizzazione esposti – ora dobbiamo mettere le persone al primo posto.

La pandemia sta brutalmente esponendo i difetti del modello di globalizzazione che ha inutilmente lasciato indietro così tanti. I sistemi di sanità pubblica sono stati deliberatamente indeboliti dalla scelta politica, lasciando miliardi di persone senza accesso. Il lavoro precario ha lasciato i lavoratori senza sicurezza, al di fuori dei sistemi di protezione sociale e di conseguenza affrontando la miseria. Le catene di approvvigionamento globali, perfezionate per offrire profitti immediati, si sono spezzate o spezzate quando il mondo ne ha più bisogno per produrre prodotti essenziali come i dispositivi di protezione individuale. Le chiusure delle frontiere che limitano la stabilità delle forniture mediche e di altro tipo rischiano la stabilità e possono comportare la perdita di vite evitabile. È necessario un coordinamento globale per garantire l’accesso e prevenire la concorrenza tra i governi per le attrezzature salvavita. Questi guasti devono essere riparati. Le persone devono venire prima.

Mentre molte aziende stanno facendo la cosa giusta, ci sono imprese criminali che stanno cercando di trarre profitto dalla crisi. Devono essere fermati e i governi devono avere il coraggio di istituire controlli dei prezzi e altre misure.

Nessun governo può rispondere alla pandemia da solo.

Viviamo in un mondo e tutti i nostri futuri sono intrecciati. L’ascesa della destra nazionalista ha debilitato il sistema multilaterale, un sistema che deve essere urgentemente ripreso e rimodellato sul rispetto dei diritti e dell’inclusione per affrontare la sfida e gestire il futuro. L’alternativa è impensabile come esposto oggi in cui il comportamento vergognoso di alcuni leader, catturando rifornimenti vitali a spese di altri, diventerebbe la norma e condurrebbe il mondo in conflitti devastanti. La produzione di forniture vitali deve essere accelerata e i prodotti condivisi in base alle necessità, insieme alle conoscenze necessarie per affrontare la malattia. E i bisogni non sono solo a breve termine. Il virus metterà alla prova la salute pubblica e la sicurezza sul posto di lavoro, per gli anni a venire.

Denunciamo i tentativi dell’estrema destra di usare questa crisi in modo da seminare ulteriore discordia e aumentarne l’influenza. Riaffermiamo il nostro impegno assoluto nella lotta contro di esso.

Accogliamo con favore la decisione dei paesi del G20 di tenere una riunione dei ministri del lavoro, che dovrebbe essere ampliata per includere i ministri delle finanze e che deve includere l’impegno con il lavoro. Chiediamo all’OCSE di fare altrettanto. Il partenariato sociale, che riunisce sindacati, imprese e governi, nonché la società civile per definire un’agenda comune, la cui importanza è stata riconosciuta dal G7 nel suo ultimo vertice, deve essere al centro della risposta a tutti i livelli.

Nel mezzo di questa crisi, dobbiamo anche guardare al futuro.

Sono i lavoratori a sopportare il peso economico e sono loro a costruire il futuro. Laddove governi e imprese lavorano con i sindacati in questa crisi, i risultati positivi sono già chiari. Quella lezione storica deve gettare le basi per una futura economia globale che deve essere resistente e capace di offrire salute e prosperità condivisa a tutti. Una comunità internazionale ed economia globale in grado di superare le crisi convergenti della pandemia, i cambiamenti climatici, la povertà e altre sfide ancora sconosciute.

Un futuro in cui uomini e donne sono veramente uguali, in cui la discriminazione non è più tollerata, in cui il lavoro è sicuro e igienico e in cui le regole del lavoro sono basate sui diritti e solo sui salari. E dove la protezione sociale è universale e aiuta a creare e abilitare posti di lavoro di qualità, accesso equo e uguaglianza per tutti.

Queste sono le basi essenziali per la pace e la coesistenza.

La salute è un diritto umano fondamentale. Non coesiste solo con altri diritti, ma dipende da loro. Sono indispensabili ingenti investimenti nella sanità pubblica, nella forza lavoro e nella rigenerazione dell’attività economica e i benefici che ne deriveranno solo se i diritti sono rispettati.

A tal fine, chiediamo l’istituzione di un consiglio globale tripartito per il recupero, la ricostruzione e la resilienza.

La razza umana è capace di tutto se lavoriamo insieme.

* AFL-CIO (USA), DGB (Germania), FNPR (Federazione Russa), JTUC-Rengo (Giappone), TUC (Regno Unito)

Editoriale # 63: La sfida sarà vedere qui anche il post-Covid19 di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

 

 

Pubblichiamo l’articolo dell’Amministratore delegato di Etui sulle prospettive post-Covid19. Etui è il Centro studi della Confederazione dei Sindacati dei lavoratori europei.

di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI

È già stato detto e ripetuto: la pandemia di COVID-19 avrà conseguenze significative e durature. Questo editoriale offre un’analisi delle sfide europee e globali. Mira, come tutte le attività di ETUI al momento, a incoraggiare il dibattito e lo scambio di idee sulla crisi e post-crisi.

A livello europeo, i fondamenti dell’integrazione europea sono stati messi in discussione. I pilastri dell’Unione europea sono il mercato unico e la libera circolazione, l’euro e il patto di stabilità e crescita, il diritto della concorrenza e gli aiuti di Stato. Questi tre pilastri sono stati scossi dalla pandemia e saranno sicuramente al centro dei dibattiti futuri. Continua a leggere “Editoriale # 63: La sfida sarà vedere qui anche il post-Covid19 di Philippe Pochet , amministratore delegato di ETUI”

Coronavirus: Landini a Governo, obiettivo tutela salute non stop Paese

Fonte Cgil.it

“Dialogo, confronto e trasparenza delle decisioni aiutano a ogni livello a gestire una situazione difficile. Sicuramente i codici ATECO hanno la caratteristica di essere generici e di avere al loro interno una inevitabile confusione tra attività essenziali e non. Il DPCM dà al Ministro dello sviluppo economico, in accordo con il Ministro dell’economia, il compito di modificare l’allegato che stabilisce le attività essenziali e non. Per questo abbiamo richiesto l’incontro”. Lo afferma il segretario generale della Cgil Maurizio Landini al termine della prima fase del confronto tra i leader di Cgil, Cisl, Uil e i ministri Roberto Gualtieri e Stefano Patuanelli, e che proseguirà alle ore 17.

Continua a leggere “Coronavirus: Landini a Governo, obiettivo tutela salute non stop Paese”

I lavoratori sui social: «Non mandateci a morire»

di Martina Toti

 

Fonte Rassegna.it

In fondo chi lavora oggi sta chiedendo una cosa soltanto: un atto di responsabilità collettiva. Nei luoghi di lavoro, come nella rete, la rabbia e la paura degli invisibili diventati tutti, improvvisamente, essenziali

C’è chi si è fermato. Chi ha scioperato già, chi lo sta facendo ora. Aziende che hanno chiuso e sanificato, altre che lasciano che tutto passi persino il virus. L’Italia che lavora ha paura ma è anche arrabbiata. Oggi più di una settimana fa.

Il marito di Stefania è stato male, lo hanno lasciato a casa per sospetto Coronavirus, nessun tampone ma nella sua fabbrica in diciassette si sono ammalati. Sono trascorse tre settimane. Lui sta meglio ma non ancora benissimo. Gli dicono di rientrare. Adesso, proprio adesso, che il picco – forse – si avvicina. Stefania è preoccupata. Chiede aiuto.

Continua a leggere “I lavoratori sui social: «Non mandateci a morire»”

SNOP . Lettera a CGIL CISL e UIL sulla prevenzione e protezione dal rischio COVID-19 nei luoghi di lavoro

 

Le considerazioni e le sollecitazioni di SNOP (Società Nazionale Operatori Prevenzione) all’indomani del Protocollo del 14 marzo 2020, in una lettera inviata ai segretari generali delle tre Organizzazioni Sindacali prima del confronto tra Governo e Parti Sociali del 21 marzo.

IL TESTO 

IndustriAll Europe: Covid-19 si sta diffondendo in Europa – aggiornamenti delle informazioni e le risposte sindacali

Fonte:  Industriall European Trade Union update and responses 

COVID-19 si sta diffondendo in tutta Europa portando i governi, le istituzioni dell’UE e le parti sociali ad adottare misure di emergenza per proteggere la salute e la vita delle persone ed evitare una recessione economica senza precedenti. 

Al momento, le preoccupazioni di IndustriAll Europe si concentrano su:

  • proteggere la salute dei lavoratori nei nostri settori, in particolare quelli che non possono lavorare in remoto,
  • garantire che i lavoratori collocati in quarantena o quelli obbligati a rimanere a casa per prendersi cura di altre persone beneficino della retribuzione per malattia senza alcuna perdita finanziaria ,
  • garantire che i lavoratori ricevano un indennizzo finanziario poiché le società vengono temporaneamente chiuse per motivi sanitari o per carenza di approvvigionamento.

Per supportare le nostre organizzazioni affiliate, stiamo raccogliendo informazioni sull’impatto economico e sociale nei diversi settori industriali in Europa, nonché sulle misure di emergenza adottate per supportare sia i lavoratori che le aziende interessate.

Riferimenti >>> segue nella pagina successiva

Continua a leggere “IndustriAll Europe: Covid-19 si sta diffondendo in Europa – aggiornamenti delle informazioni e le risposte sindacali”

Fermare le fabbriche, la sicurezza prima di tutto

 

Nota di Editor. Giustamente Fim Fiom Uilm chiedono di fermare le produzioni fino al 22 marzo. La messa in sicurezza dei luoghi di lavoro rispetto al contagio Coronavirus è una misura indispensabile, non eludibile. Vi sono filiere di produzione indispensabili come il comparto agroindustriale nel quale comunque si deve continuare a  lavorare in sicurezza rispetto al contagio, altri comparti che producono beni durevoli non di primaria necessità possono effettuare una pausa e predisporre misure di igienizzazione e di messa in sicurezza degli ambienti di lavoro. g.r.

 

Fonte Rassegna.it

La nuova stretta del governo non ne prevede la chiusura. I sindacati: “Inaccettabile”. Fim, Fiom e Uilm: fermare le produzioni fino al 22 marzo per permettere la messa in sicurezza dei luoghi di lavoro

Da Genova a Terni gli operai dicono no. L’effetto sciopero a catena arriva dopo la dura presa di posizione della Fiom che, all’indomani della comunicazione del presidente del Consiglio sulla firma del nuovo Dpcm per contrastare la diffusione del Coronavirus, ha giudicato “inaccettabile la mancanza di misure e iniziative volte alla protezione dei lavoratori che stanno garantendo la tenuta economica del Paese in una condizione di grave emergenza”.

E sono Fim, Fiom, Uilm a chiedere, con una presa di posizione molto netta, la momentanea fermata di tutte le imprese metalmeccaniche, a prescindere dal contratto utilizzato, fino a domenica 22 marzo, al fine di sanificare, mettere in sicurezza e riorganizzare tutti i luoghi di lavoro.

Da giorni, spiegano i sindacati in una nota, “stiamo provando a non bloccare le produzioni, cercando le soluzioni più adeguate, consapevoli dei costi umani ed economici, a partire dalla Lombardia e dalle altre aree più colpite, ma la gran parte delle aziende non sono ancora del tutto preparate a gestire questa emergenza. I lavoratori sono giustamente spaventati”.

Insomma, risulta molto difficile applicare in tutti i luoghi di lavoro le misure sanitarie prescritte dal governo (“a cui chiediamo norme chiare e cogenti per le imprese”, scrivono i sindacati in una nota) e si registra anche un’oggettiva penuria  di dispositivi di protezione individuale utili a prevenire i contagi.

Ovviamente dalla richiesta di stop sono escluse le aziende che svolgono servizi pubblici essenziali e quelle che producono materiali sanitari, nonché i lavoratori, adeguatamente protetti, che garantiscono la salvaguardia degli impianti e quelli già collocati in smart working.

Per Fim, Fiom e Uilm le fermate produttive dovrebbero essere coperte utilizzando strumenti contrattuali o eventuali ammortizzatori sociali ove previsti dalla normativa. “In mancanza di ciò dichiariamo sin d’ora l’astensione unilaterale nazionale nell’intero settore merceologico, a prescindere dal contratto utilizzato. A copertura di ciò proclamiamo lo sciopero per tutte le ore necessarie”, scrivono.

Continua a leggere “Fermare le fabbriche, la sicurezza prima di tutto”

IL COMUNICATO FIOM SU CORONAVIRUS COVID-19

Pubblichiamo il Comunicato Fiom Cgil con il quale il sindacato di categoria dei metalmeccanici indica le linee di condotta da tenere in merito “…alle problematiche legate alla diffusione del virus COVID-19 e alle ordinanze del Ministero della Salute e delle Regioni, anche al fine di evitare il diffondersi di un clima di allarmismo e di mantenere come Fiom un comportamento omogeneo a tutti i livelli dell’organizzazione…. “

IL COMUNICATO FIOM SU CORONAVIRUS COVID-19

In relazione alle problematiche legate alla diffusione del virus COVID-19 e alle ordinanze del Ministero della Salute e delle Regioni, anche al fine di evitare il diffondersi di un clima di allarmismo e di mantenere come Fiom un comportamento omogeneo a tutti i livelli dell’organizzazione, si ritiene utile specificare che restano confermate, sia a livello nazionale che territoriale: tutte le nostre attività di contrattazione e di tutela dei lavoratori e delle lavoratrici, le riunioni degli organismi dirigenti e le assemblee dei delegati e delle delegate; le assemblee nei luoghi di lavoro, già programmate o in via di programmazione, salvo che per ragioni che rivestano carattere di urgenza, motivate dalle limitazioni imposte dalle autorità competenti, tali assemblee vadano rinviate a data da destinarsi.

Tali criteri determinano anche l’iniziativa del centro nazionale, delle attività dei coordinamenti nazionali di settore e dell’insieme del gruppo dirigente della Fiom nazionale.

Si invitano le strutture territoriali, i delegati Fiom delle RSU e gli RLS, a richiedere appositi incontri in sede aziendale per concordare una corretta gestione delle disposizioni già emanate, un’adeguata informazione ai lavoratori, l’utilizzo degli strumenti e delle necessarie misure di prevenzione, evitando atti unilaterali delle imprese a partire dalla messa in libertà dei lavoratori e delle lavoratrici (diretti, degli appalti, in somministrazione, eccetera).

Tutte le strutture Fiom sono invitate a dare tempestiva comunicazione al centro nazionale circa l’evolversi della situazione a livello e territoriale e delle eventuali decisioni unilaterali delle aziende, dei gruppi, delle multinazionali. Ciò per un corretto monitoraggio e per concordare con le strutture interessate le adeguate risposte omogenee da dare come Fiom in tutto il territorio nazionale.

Fiom nazionale
Roma, 24 febbraio 2020

Fonte  Fiom-Cgil nazionale 

Focolaio di coronavirus: briefing di orientamento per l’azione del Sindacato globale dei lavoratori della Funzione Pubblica.

 

FONTE : SERVIZI PUBBLICI INTERNAZIONALI
La federazione sindacale globale dei lavoratori nei servizi pubblici

Articolo pubblicato sul sito di SPI il 17 febbraio 2020

L’epidemia di coronavirus (COVID-19) si è diffusa dalla Cina a due dozzine di paesi in meno di due mesi. Ci sono state decine di migliaia di casi confermati e oltre mille morti. Questa epidemia presenta un rischio professionale per i lavoratori del settore pubblico che possono essere esposti al virus nel corso del loro lavoro. Venuta dopo anni di tagli e finanziamenti inadeguati dei sistemi di sanità pubblica, rappresenta in particolare un rischio significativo per la sicurezza e la salute sul lavoro per gli operatori sanitari e le loro famiglie in tutto il mondo.

Precedenti focolai di malattie trasmissibili altamente infettive hanno dimostrato che i risultati di salute pubblica sono significativamente migliorati quando i diritti del lavoro sono rispettati e i sindacati sono in grado di rappresentare efficacemente i lavoratori esposti e potenzialmente esposti alla malattia. Continua a leggere “Focolaio di coronavirus: briefing di orientamento per l’azione del Sindacato globale dei lavoratori della Funzione Pubblica.”