Aggiornamento su PFAS , articoli, report apparsi su diverse fonti di stampa al giorno 18 giugno 2024

 

Abbiamo trovato PFAS in oltre l’80% dei prodotti di 27 marchi di abbigliamento outdoor da Greenme

*****

È ALLARME: SOSTANZE CHIMICHE ETERNE SONO STATE TROVATE DOVE NON DOVREBBERO ESSERE >>> fonte everyeye

*****

LFDE: PFAS E BIODIVERSITA’, LE AZIENDE PIONIERE – PAROLA AL MERCATO

Fonte Borsa Italiana

*****

Sile inquinato, Legambiente: «Anche piccole tracce di Pfas»

Fonte: Il Gazzettino

*****

Il Ministero della “Difesa” olandese ha avvelenato il suolo, il mare, i pesci e l’aria

Fonte : WorldBeyondwar

*****

Mozione per mettere al bando i Pfas

Fonte Veronanews

*****

Utilizzare le lucciole per trovare i contaminanti nelle acque. L’esperimento dell’Università di Bologna

Fonte Teleambiente

*****

La provincia di Alessandria agisce contro i PFAS imponendo lo stop a Solvay

Fonte L’Indipendente

*****

Inquinamento: fermata la produzione di Pfas alla Solvay. Greenpeace Italia: “Finalmente” Fonte : DiAlessandria

*****

L’America stringe sui Pfas e impone nuovi limiti. Anche l’Europa ci prova

Fonte : Abouthpharma

*****

Pfas, ecco come ci sono entrati nel sangue

Fonte: Vita.it

Notizie Internazionali sulla messa al bando dell’amianto tratte dal sito del Segretariato Internazionale per la messa al bando dell’amianto fino al giorno 18 giugno 2024

 

FONTE:  IBAS che ringraziamo 

 

Italia .La Corte Suprema ribalta la sentenza errata

18 giugno 2024

Il 12 giugno 2024, la Corte Suprema italiana (Corte di Cassazione) ha annullato l’assoluzione da parte della Corte d’Appello di Palermo delle persone accusate della morte per amianto di 39 lavoratori del cantiere navale Fincantieri di Palermo, in Sicilia. La Corte d’Appello aveva stabilito che le esposizioni all’amianto sul posto di lavoro nel cantiere navale erano cessate negli anni ’80, sebbene molti testimoni avessero testimoniato il contrario. È stato ordinato un nuovo processo. Vedi: Palermo. Morti per amianto al cantiere navale: cassazione annulla assoluzioni [Palermo. Morti per amianto in cantiere: la Corte di Cassazione annulla le assoluzioni.

Corea del Sud . Scuole libere dall’amianto entro il 2026

18 giugno 2024

Il 13 giugno 2024, il Dipartimento provinciale dell’Istruzione di Gyeonggi in Corea del Sud ha annunciato di essere sulla buona strada per sradicare il pericolo dell’amianto da tutte le sue scuole entro il 2026. Nel 2024, l’Ufficio del Dipartimento dell’Istruzione ha investito 136,5 miliardi di won (99,3 milioni di dollari). per il progetto di bonifica dell’amianto in 199 scuole. In risposta alle critiche secondo cui la competenza degli osservatori dell’amianto nelle scuole era inadeguata, sarà fornita ulteriore formazione professionale per rafforzare la competenza del personale addetto all’amianto presso l’Agenzia per il sostegno all’istruzione. Vedi: 경기도교육청, 학교 석면 제거 2026년까지 완료 목표 [L’Ufficio provinciale per l’istruzione di Gyeonggi mira a completare la rimozione dell’amianto nelle scuole entro il 2026].

Cipro. Programma di sostituzione dell’amianto

18 giugno 2024

Più di 30 anni dopo la loro installazione, i tubi di cemento-amianto a Nicosia, a Cipro, sono in “condizioni critiche… con parti della rete che crollano”. Oltre quattromila metri di questi tubi vecchi e tossici devono essere sostituiti. Tra il 15 giugno e il 15 settembre 2024 si svolgerà un programma di bonifica, finanziato dall’Unione Europea e implementato dal Programma di sviluppo delle Nazioni Unite, del costo di 1 milione di euro (1,1 milioni di dollari), per salvaguardare la salute di tutti i nicosiani. Vedi: Iniziano i lavori finanziati dall’UE per sostituire i vecchi tubi di amianto nella critica rete fognaria di Nicosia .

Giappone. L’eredità dell’amianto post-catastrofe

18 giugno 2024

Quasi trent’anni dopo che il grande terremoto di Hanshin devastò la regione di Hanshin in Giappone, i medici, parlando in una conferenza stampa il 12 giugno presso l’associazione medica di assicurazione sanitaria della prefettura di Hyogo, hanno espresso preoccupazione per la crescente incidenza di malattie legate all’amianto tra i sopravvissuti al terremoto nei decenni a venire. . Il quaranta per cento dei professionisti medici consultati per un sondaggio condotto dall’Associazione medica di Hyogo concorda sul fatto che il numero delle vittime aumenterà in futuro a causa dell’amianto sparso durante e dopo il disastro. Vedi:阪神大震災で石綿被害「今後増加」4割 発生30年で医師ら[il 40% dei medici ritiene che i danni da amianto causati dal Grande Terremoto di Hanshin “aumenteranno in futuro”, 30 anni dopo che si è verificato].

Francia. Amianto nelle scuole

18 giugno 2024

I genitori i cui figli frequentano una scuola nel comune di Amayé-sur-Orne, nel nord-ovest della Francia, hanno rotto il silenzio sulla contaminazione da amianto della scuola senza nome frequentata dai loro figli. Il municipio sta cercando di tenere nascosto questo scandalo, ma alla fine alcuni genitori hanno espresso apertamente preoccupazione per il pericolo. Sebbene le autorità municipali fossero a conoscenza della contaminazione, nessun avvertimento è stato dato ai genitori fino al 14 maggio 2024. Vedi: L’école d’Amayé-sur-Orne contaminée par de l’amiante, les parent d’élèves s’inquiètent [La scuola di Amayé-sur-Orne contaminata dall’amianto, preoccupati i genitori degli studenti].

USA. Insediamento di talco tossico

14 giugno 2024

L’11 giugno 2024, il colosso farmaceutico statunitense Johnson & Johnson (J&J) ha annunciato di aver raggiunto un accordo da 700 milioni di dollari con 42 stati degli Stati Uniti e Washington, DC. Il pagamento è destinato a risolvere le accuse secondo cui la società ha indotto in errore i consumatori a credere che l’uso dei prodotti a base di talco di J&J era sicuro. J&J non ha ammesso illecito. Attualmente ci sono oltre 60.000 denunce di cancro da parte di querelanti che sostengono che le loro malattie siano state causate dalle fibre di amianto contenute nel borotalco a base di talco dell’azienda. Vedi: Johnson & Johnson raggiunge un accordo per il talco di 700 milioni di dollari con gli stati degli Stati Uniti .

 

Leggi tutto

Prevenzione, le Regioni scrivono sulle mancate risposte

Dal sito della CIIP segnaliamo la documentazione dell’iniziativa delle Regioni che richiedono al Governo le ragioni delle mancate risposte  a richieste avanzate qualche tempo fa in merito alla programmazione della prevenzione e al contempo richiedono un incontro urgente al Ministero della della salute

per leggere i documenti inviati al Governo vai al sito CIIP