venerdì 01 luglio 2016
you are here: Home arrow Privacy
Privacy & Cookie
Inserito da Administrator   
lunedì 28 febbraio 2005
Aggiornamento del 16 giugno 2015

Privacy Policy di Diario per la Prevenzione anche in riferimento alla gestione dei cookies


Diario per la Prevenzione
e diarioprevenzione magazine sono piccoli portali senza scopi di lucro di ogni fattispecie. .

diarioprevenzione magazine non viene più aggiornato e dal 15 di luglio non sarà più attivo.

Diario per la Prevenzione e diarioprevenzione magazine rispettano le norme della privacy, L.675/96 e successive modificazioni. I dati essenziali raccolti nel modulo per la registrazione al portale servono esclusivamente per la corretta gestione dello stesso.

 L''unico dato "sensibile" obbligatorio è la email dell''utente che serve a identificare l''utente quando accede ai servizi del portale per evitare un uso improprio degli stessi.

Privacy Policy di www.diario-prevenzione.it
http://www.iubenda.com/privacy-policy/999203

Privacy Policy completa di www.diario-prevenzione.it
http://www.iubenda.com/privacy-policy/999203/legal

Diario Prevenzione e i siti e applicazioni ad esso collegati utilizzano cookies tecnici necessari alla navigazione. Diario Prevenzione e i siti e applicazioni ad esso collegate utilizzano come counter ShinyStat™ Free di cui diamo il link per la policy dei cookies all'indirizzohttp://www.shinystat.com/it/informativa_privacy_generale_free.html

Il sito Diario Prevenzione e i  siti e applicazioni ad esso collegati non svolgono attività di profilazione dei visitatori  in  quanto non interessati ad attività commerciali in generale o di vendita dei dati .

I link embedded ai social network o altri servizi come  Twitter, Facebook, Youtube possono portare alla installazione di cookies da queste  parti terze che sono responsabili delle proprie policy in materia di cookies. L'utente può configurare il proprio browser al fine di bloccare l'installazione di cookies nel proprio computer 



-------

INFORMATIVA AI SENSI DELL'ART.13 DEL D.LGS. N.196/2003 "Codice in materia di protezione dei dati personali".


 Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. n. 196/2003, i dati personali forniti verranno trattati come segue: 

FINALITA' DEL TRATTAMENTO 

La raccolta ed il trattamento dei dati personali sono effettuati per l'iscrizione al sito e la gestione dell'account (recupero password dimenticate, invio di comunicazioni, ecc.).


 MODALITA' DEL TRATTAMENTO

 Il trattamento dei dati per le suddette finalita': a) e' realizzato attraverso operazioni o complessi di operazioni indicate dall'art. 4 del D.Lgs. n. 196/2003; b) e' effettuato con l'ausilio di mezzi elettronici idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza; c) e' svolto dall'amministratore di questo sito o da personale da questo direttamente incaricato. 

CONFERIMENTO DEI DATI

 Il conferimento dei dati richiesti e' assolutamente facoltativo, salvo quanto previsto nel punto successivo. 

RIFIUTO DI CONFERIRE I DATI

 L'eventuale rifiuto di conferire i dati personali da parte dell'interessato comporta l'impossibilita' di completare l'iscrizione al sito ed ai servizi ad esso collegati.


 COMUNICAZIONE E DIFFUSIONE DEI DATI

 I dati raccolti potranno essere oggetto di comunicazione e diffusione al personale preposto all'amministrazione del sito ed alla sua manutenzione, responsabile di tale procedimento o, comunque, in esso coinvolto per ragioni di servizio, senza che sia necessario il consenso del soggetto interessato; 

DIRITTI DELL'INTERESSATO 

L'art. 13 del D.lgs. 196/2003, riconosce all'interessato i seguenti diritti: 

- diritto di essere informato circa l'esistenza o meno presso l'amministrazi'one di dati che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile (art. 7, comma 1), la loro origine (art. 7, comma 2, lettera a), le finalita' e le modalita' del trattamento (art. 7, comma 2, lettera b), la logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici (art. 7, comma 2, lettera c);

 - diritto di essere informato circa i dati identificativi del titolare, del responsabile (art. 7, comma 2, lettera d) e del rappresentante (art. 5, comma 2); 

- diritto di essere informato dei soggetti e delle categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o che possono venire a conoscenza in  qualità' di titolari, di responsabili o di incaricati (art. 7, comma 2, lettera e); - diritto di ottenere l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi abbia interesse, l'integrazione dei dati (art. 7, comma 3, lettera a);

 - diritto ad ottenerne la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compreso quelli di cui non e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati (art. 7, comma 3, lettera b);

 - diritto ad ottenerne l'attestazione che le operazioni di cui all'articolo 7, comma 3, lettere a) e b) della legge sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato (art. 7, comma 3, lettera c);

 - diritto di opporsi, in tutto o in parte, al trattamento dei dati per motivi di legittimità' e ai fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o ricerche di mercato o di comunicazione commerciale (art. 7, comma 4, lettere a) e b);

 - diritto al risarcimento del danno cagionato per l'effetto del trattamento di dati personali (art. 15); 

- diritto di ricorrere all'autorita' giudiziaria o al Garante per far valere i diritti sopra elencati (art. 141 e 145). 


TITOLARE E RESPONSABILE DEL TRATTAMENTO

 Titolare e responsabile del trattamento dei dati e' l'amministratore di questo sito, raggiungibile all'indirizzo:

ginorubini@gmail.com

 
Ultimo aggiornamento ( martedì 11 agosto 2015 )
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Giugno 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Edilizia, quattro morti in tre giorni

    Si torna a morire sul luogo di lavoro: quattro decessi in tre giorni si sono verificati nel settore delle costruzioni. Non ce l'ha fatta l'operaio edile di 62 anni, caduto da un'impalcatura, mentre stava lavorando in un cantiere a Gricignano d'Aversa, in provincia di Caserta. Si chiamava Agostino Bortone, lascia quattro figli. Nonostante il tempestivo trasporto in ospedale, presso il pronto soccorso del San Giuseppe Moscati di Aversa, è deceduto poco dopo, a causa del grave trauma riportato dopo l'impatto. Troppo gravi le ferite per farcela. Così il lavoratore è morto dopo poche ore. Sul caso, è stata aperta un'indagine per ricostruire i fatti. S'indaga soprattutto per accertare se ogni normativa sia stata rispettata. Questo incidente mortale è l'ultimo dei quattro avvenuti in ediliziai nell'arco di tre giorni. 

    In precedenza, il 29 giugno, era morto in un incidente sul lavoro un tecnico bergamasco di 47 anni, Fabio Donati, a Santa Giustina in Colle nel padovano. L'uomo stava eseguendo dei lavori per conto dell'azienda per cui operava, la General service di Sarnico, ed è precipitato dal tetto di un capannone. Ad allertare i soccorsi è stato un collega che ha sentito il tonfo. Sul posto, sono intervenuti il personale medico di Camposampiero e l'elisoccorso di Padova. I sanitari del 118 hanno provato, invano, a rianimare l'operaio. Per capire l'esatta dinamica della tragedia, il magistrato intervenuto ha disposto l'esame autoptico della salma del lavoratore.

    Altro infortunio mortale sul lavoro, lo stesso giorno, a Cirò Marina, nel Catanzarese, dove un giovane operaio è deceduto cadendo da una struttura in costruzione, alla periferia del paese. Antonio Leto Russo, di 43 anni, era intento a passare dei pesanti tondini di ferro a un collega da un piano all'altro del manufatto, quando, per cause ancora da accertare, ha perso l'equlibrio ed è precipitato da un'altezza di cinque metri, battendo con violenza la testa al suolo. L'uomo lascia la moglie e due figlie. Il sindacato sollecita più controlli e un rafforzamento del personale ispettivo in tutta la provincia. "Il problema della sicurezza nei cantieri – denunciano i segretari della Cgil e della Fillea di Crotone, Raffaele Falbo e Antonino Cosco – continua a costituire un'emergenza, rispetto alla quale azioni d'informazione e di sensibilizzazione risultano spesso insufficienti. Ma la questione potrebbe essere estesa a tutti i settori lavorativi, come confermano i dati Inail 2015".

    Ennesimo decesso sul lavoro, quello di Simome Carissimi, 42 anni, di Carvico, in provincia di Bergamo, morto sepolto vivo, mentre stava lavorando alla ristrutturazione di un vecchio edificio e alla contestuale realizzazione di una palazzina a Merate, nel Lecchese. Il titolare della ditta per cui lavorava, l'Edilizia Ravasio, ha tentato invano di soccorrerlo, ma non c'è stato nulla da fare. L'uomo stava installando una pompa a immersione per estrarre l'acqua dal fondo del cantiere. All'improvviso una frana, dovuta anche alle forti piogge dei giorni scorsi, ha travolto la parete dello scavo, sommergendo completamente il lavoratore, che non ha avuto scampo. Salvo, invece, il giovane collega che, nel frattempo, si era allontanato per recuperare alcuni attrezzi. L'operaio lascia la moglie e due figli, 'my angels', la scritta che si era fatto tatuare accanto ai loro nomi e a un paio d'ali d'angelo.            

    Fillea: subito il reato di omicidio sul lavoro

    "Non abbiamo più parole per esprimere la rabbia e il dolore per la strage infinita che si consuma quotidianamente nei cantieri italiani. Negli ultimi tre giorni dobbiamo registrare quattro vittime e numerosi feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni – affermano Ermira Behri e Dario Boni, segretari nazionali della Fillea Cgil –. Pochi giorni fa, l'Inail ha confermato quanto denunciamo da anni, e cioè lË™incremento degli infortuni mortali. Si tratta di una tendenza che per il settore dellË™edilizia è in atto dal 2009, anno in cui la crisi ha cominciato a generare: da una parte, una forte riduzione degli addetti; dallË™altra, un generale abbassamento delle condizioni di lavoro e un depotenziamento del sistema dei controlli. E mentre con euforia si affermava che il numero di morti sul lavoro andava scendendo, i nostri numeri dimostravano che, al contrario, la frequenza oraria di infortuni mortali in edilizia cresceva vertiginosamente".

    "Nessuno ci ha dato ascolto, nessuno ha agito per arginare le cause di questa strage, che risiedono nella palude prodotta dalla crisi nel settore, una palude fatta di appalti con ribassi del 60%, di irregolarità, di risparmi dei costi sulla sicurezza, di utilizzo di lavoro nero e grigio, di voucher, di false partita Iva, di turni di lavoro massacranti. Condizioni che, alla già gravosa e pericolosa condizione di lavoro degli edili, hanno aggiunto ulteriori elementi di rischio. Il governo agisca velocemente e con più determinazione; proclami e parole di cordoglio non servono a eludere le responsabilità. Ora basta, si metta mano alle risorse per rafforzare il sistema ispettivo e le sanzioni, s'introduca il reato di omicidio sul lavoro, si realizzi un sistema premiale - a partire dalla patente a punti - che estrometta dal mercato e da ogni vantaggio le imprese che non rispettano le regole e il lavoro", concludono i due dirigenti sindacali.

    LEGGI ANCHE: Approvata la piattaforma unitaria
    A 67 anni non si può stare su un'implacatura
    Lapidei, 32 morti dal 2010

     

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 37  
28 giugno 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013