venerdì 01 luglio 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Agenda arrow 9a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica
9a Conferenza Nazionale GIMBE Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica Stampa E-mail
Inserito da Editor   
giovedì 20 febbraio 2014

9a Conferenza Nazionale GIMBE
Evidenze e Innovazioni per la Sostenibilità della Sanità Pubblica
Bologna, 14 marzo 2014

 

Lo scorso 23 dicembre il Servizio Sanitario Nazionale ha compiuto 35 anni circondato dall’assordante silenzio della politica che negli ultimi anni ha subordinato il diritto costituzionale alla salute alla crisi finanziaria del Paese, spianando inevitabilmente la strada all’intermediazione finanziaria e assicurativa dei privati.

In attesa di conoscere le idee e i programmi del nuovo esecutivo sulla Sanità pubblica, la Conferenza Nazionale GIMBE mantiene i riflettori puntati sulla più grande conquista sociale dei cittadini italiani: un servizio sanitario pubblico, equo e universalistico da difendere e garantire alle future generazioni.

A un anno dal lancio del progetto Salviamo il Nostro Servizio Sanitario Nazionale, con il Rapporto GIMBE sul SSN la Fondazione ribadisce con fermezza che, nonostante i tagli, la Sanità pubblica rimane sostenibile perché una percentuale consistente della spesa può essere recuperata riducendo inefficienze e sprechi che si annidano a tutti i livelli. E’ indispensabile però che tutti gli stakeholders della Sanità, mettendo da parte interessi di categoria e sterili competizioni, intraprendano una nuova stagione di collaborazione, per indirizzare le risorse verso servizi e prestazioni sanitarie efficaci e appropriati.In altre parole, il denaro pubblico oggi può finanziare solo quello che funziona a chi ne ha realmente bisogno.

Criticità e possibili soluzioni per contribuire alla sostenibilità della Sanità pubblica saranno discusse nel forum “Perché vogliono smantellare il Servizio Sanitario Nazionale?”, al quale parteciperanno illustri rappresentanti  del mondo politico, istituzionale, scientifico e  della società civile: Nerina Dirindin, Silvio Garattini, Fulvio Moirano, Gavino Maciocco, Fausto Nicolini e Tonino Aceti. 

A seguire la presentazione di 13 progetti di eccellenza del Laboratorio Italia, realizzati nelle Aziende sanitarie sotto il segno della collaborazione multiprofessionale, per documentare con i fatti che evidenze e innovazioni contribuiscono in maniera determinante alla sostenibilità della Sanità pubblica.

Nel corso della Conferenza sono previste le cerimonie di consegna di importanti riconoscimenti: il Premio “Salviamo il Nostro SSN”, il Premio Evidence e i GIMBE Awards.

Vi aspettiamo a Bologna perché… se la Salute è di tutti, la Sanità non può che essere per tutti.

Nino Cartabellotta

fonte  GIMBE
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Giugno 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Edilizia, quattro morti in tre giorni

    Si torna a morire sul luogo di lavoro: quattro decessi in tre giorni si sono verificati nel settore delle costruzioni. Non ce l'ha fatta l'operaio edile di 62 anni, caduto da un'impalcatura, mentre stava lavorando in un cantiere a Gricignano d'Aversa, in provincia di Caserta. Si chiamava Agostino Bortone, lascia quattro figli. Nonostante il tempestivo trasporto in ospedale, presso il pronto soccorso del San Giuseppe Moscati di Aversa, è deceduto poco dopo, a causa del grave trauma riportato dopo l'impatto. Troppo gravi le ferite per farcela. Così il lavoratore è morto dopo poche ore. Sul caso, è stata aperta un'indagine per ricostruire i fatti. S'indaga soprattutto per accertare se ogni normativa sia stata rispettata. Questo incidente mortale è l'ultimo dei quattro avvenuti in ediliziai nell'arco di tre giorni. 

    In precedenza, il 29 giugno, era morto in un incidente sul lavoro un tecnico bergamasco di 47 anni, Fabio Donati, a Santa Giustina in Colle nel padovano. L'uomo stava eseguendo dei lavori per conto dell'azienda per cui operava, la General service di Sarnico, ed è precipitato dal tetto di un capannone. Ad allertare i soccorsi è stato un collega che ha sentito il tonfo. Sul posto, sono intervenuti il personale medico di Camposampiero e l'elisoccorso di Padova. I sanitari del 118 hanno provato, invano, a rianimare l'operaio. Per capire l'esatta dinamica della tragedia, il magistrato intervenuto ha disposto l'esame autoptico della salma del lavoratore.

    Altro infortunio mortale sul lavoro, lo stesso giorno, a Cirò Marina, nel Catanzarese, dove un giovane operaio è deceduto cadendo da una struttura in costruzione, alla periferia del paese. Antonio Leto Russo, di 43 anni, era intento a passare dei pesanti tondini di ferro a un collega da un piano all'altro del manufatto, quando, per cause ancora da accertare, ha perso l'equlibrio ed è precipitato da un'altezza di cinque metri, battendo con violenza la testa al suolo. L'uomo lascia la moglie e due figlie. Il sindacato sollecita più controlli e un rafforzamento del personale ispettivo in tutta la provincia. "Il problema della sicurezza nei cantieri – denunciano i segretari della Cgil e della Fillea di Crotone, Raffaele Falbo e Antonino Cosco – continua a costituire un'emergenza, rispetto alla quale azioni d'informazione e di sensibilizzazione risultano spesso insufficienti. Ma la questione potrebbe essere estesa a tutti i settori lavorativi, come confermano i dati Inail 2015".

    Ennesimo decesso sul lavoro, quello di Simome Carissimi, 42 anni, di Carvico, in provincia di Bergamo, morto sepolto vivo, mentre stava lavorando alla ristrutturazione di un vecchio edificio e alla contestuale realizzazione di una palazzina a Merate, nel Lecchese. Il titolare della ditta per cui lavorava, l'Edilizia Ravasio, ha tentato invano di soccorrerlo, ma non c'è stato nulla da fare. L'uomo stava installando una pompa a immersione per estrarre l'acqua dal fondo del cantiere. All'improvviso una frana, dovuta anche alle forti piogge dei giorni scorsi, ha travolto la parete dello scavo, sommergendo completamente il lavoratore, che non ha avuto scampo. Salvo, invece, il giovane collega che, nel frattempo, si era allontanato per recuperare alcuni attrezzi. L'operaio lascia la moglie e due figli, 'my angels', la scritta che si era fatto tatuare accanto ai loro nomi e a un paio d'ali d'angelo.            

    Fillea: subito il reato di omicidio sul lavoro

    "Non abbiamo più parole per esprimere la rabbia e il dolore per la strage infinita che si consuma quotidianamente nei cantieri italiani. Negli ultimi tre giorni dobbiamo registrare quattro vittime e numerosi feriti, alcuni dei quali in gravi condizioni – affermano Ermira Behri e Dario Boni, segretari nazionali della Fillea Cgil –. Pochi giorni fa, l'Inail ha confermato quanto denunciamo da anni, e cioè lË™incremento degli infortuni mortali. Si tratta di una tendenza che per il settore dellË™edilizia è in atto dal 2009, anno in cui la crisi ha cominciato a generare: da una parte, una forte riduzione degli addetti; dallË™altra, un generale abbassamento delle condizioni di lavoro e un depotenziamento del sistema dei controlli. E mentre con euforia si affermava che il numero di morti sul lavoro andava scendendo, i nostri numeri dimostravano che, al contrario, la frequenza oraria di infortuni mortali in edilizia cresceva vertiginosamente".

    "Nessuno ci ha dato ascolto, nessuno ha agito per arginare le cause di questa strage, che risiedono nella palude prodotta dalla crisi nel settore, una palude fatta di appalti con ribassi del 60%, di irregolarità, di risparmi dei costi sulla sicurezza, di utilizzo di lavoro nero e grigio, di voucher, di false partita Iva, di turni di lavoro massacranti. Condizioni che, alla già gravosa e pericolosa condizione di lavoro degli edili, hanno aggiunto ulteriori elementi di rischio. Il governo agisca velocemente e con più determinazione; proclami e parole di cordoglio non servono a eludere le responsabilità. Ora basta, si metta mano alle risorse per rafforzare il sistema ispettivo e le sanzioni, s'introduca il reato di omicidio sul lavoro, si realizzi un sistema premiale - a partire dalla patente a punti - che estrometta dal mercato e da ogni vantaggio le imprese che non rispettano le regole e il lavoro", concludono i due dirigenti sindacali.

    LEGGI ANCHE: Approvata la piattaforma unitaria
    A 67 anni non si può stare su un'implacatura
    Lapidei, 32 morti dal 2010

     

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 37  
28 giugno 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013