martedì 21 novembre 2017
you are here: Home arrow Notizie arrow Articoli e Saggi arrow 50 RIGHE arrow STRESS LAVORO CORRELATO TRA NEGAZIONE DEL PROBLEMA E AUTOINGANNO...
STRESS LAVORO CORRELATO TRA NEGAZIONE DEL PROBLEMA E AUTOINGANNO... Stampa E-mail
Inserito da Editor   
martedì 18 febbraio 2014
STRESS LAVORO CORRELATO TRA NEGAZIONE DEL PROBLEMA E AUTOINGANNO...



Eu-Osha ha annunciato che sarà lanciata il prossimo 10 aprile 2014 la nuova campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2014-2015 che sarà dedicato alla gestione dello stress e dei rischi psicosociali sul lavoro.
 
Avremo , come Italia, un primato in questa campagna: quello di avere sconfitto lo stress lavoro correlato.
 
In Italia non c'è come nel resto dei paesi Europei un 27 , 30 % dei lavoratori stressati .
No, lo stress lavoro correlato non abita in Italia.
Il problema è stato risolto o non è mai esistito, noi siamo italiani.

Dei 54 milioni di lavoratori europei esposti a rischio di stress lavoro correlato, nemmeno uno si trova in Italia: lo certificano in modo inoppugnabile le migliaia di valutazioni del rischio da stress lavoro correlato effettuate dai datori di lavoro, coadiuvati dai loro consulenti (RSPP, Medici Competenti, Psicologi del Lavoro), seguendo rigorosamente il “percorso metodologico” suggerito dalle indicazioni fornite dalla Commissione Consultiva ex art. 6 del D.Lgs. 81/08 nel novembre 2010. (1)

La Commissione consultiva, dopo lunghe "consultazioni", nel 2010 decise di adottare "il percorso metodologico" basato su di una check list definita valutazione preliminare basata su alcuni dati oggettivi quali il numero degli infortuni, le assenze, il contenuto del lavoro, il contesto...

La compilazione della check list preliminare basata su indicatori di rischio "misurabili" ( i famosi eventi "sentinella"),   nelle grandi aziende è affidata di norma a RSPP e MC del Servizio PP aziendale, nelle piccole a consulenti esterni o al commercialista.

I cosidetti "eventi sentinella misurabili" sono una bufala: in quest'epoca, in ragione della crisi, si registra un presenzialismo diffuso: le persone vanno a lavorare anche quando stanno male. Gli incidenti sul lavoro hanno scarse correlazioni con lo stress: nel terziario come le banche uffici  gli incidenti su lavoro sono irrilevanti, le condizioni di lavoro sotto pressione e stressanti sono invece frequenti....

Dopo avere ottenuto, abbastanza facilmente, il "semaforo verde" dalla valutazione preliminare il "percorso metodologico" si interrompe per la quasi totalità delle imprese.

Solo un'infima minoranza di aziende procede per una valutazione "in profondità". Il rapporto della check list preliminare viene allegato al DVR, fine della storia, game over.

Con questa procedura furbesca lo stress lavoro correlato è stato cancellato dall'agenda dei problemi di salute negli ambienti di lavoro.

L'origine di questa situazione paradossale che ci rende ridicoli a livello europeo nasce dal ruolo anomalo della Commissione Consultiva ex art.6 d.lgs 81/08.

La Commissione Consultiva non è un organismo tecnico scientifico, è un luogo di mediazione tra le parti sociali ove avvengono scambi e si trovano accorgimenti per trasformare azioni preventive come la valutazione del rischio in adempimenti burocratici.

Mentre in altri paesi europei, nonostante la crisi, sono andati avanti a riprogettare modelli di organizzazione del lavoro, orari di lavoro, contesti lavorativi per fare stare meglio le persone e lavorare meglio, in Italia abbiamo nascosto le magagne sotto il tappeto.

Questo è il danno meno visibile ma tra i più gravi che ha prodotto questa procedura:  facilita la negazione del problema e il formarsi di una falsa coscienza di avere sconfitto lo stress.

Si tenga conto del danno,a futura memoria, che migliaia di DVR inautentici produrranno a quei lavoratori che volessero, in futuro,  presentare una denuncia di malattia professionale ... correlata allo stress.

Questa vicenda dello stress lavoro correlato è esemplare, un caso di scuola,  come modello di comportamento di una classe dirigente che sceglie la via della "rimozione" e dell'autoinganno per non affrontare il problema delle costrittività inutili e della cattiva progettazione della organizzazione del lavoro.

Il primo passo deve essere una presa d'atto del fallimento e della situazione grottesca in cui si trova l'Italia su questa tematica specifica e con le dovute maniere introdurre le correzioni all'obbrobrio pseudo scientifico che ha generato questa situazione.

Il secondo passo riguarda la riforma del regolamento e della composizione della Commissione Consultiva che, allo stato dell'arte, svolge funzioni improprie di elaborazione di metodologie di valutazione dei rischi, assumendo un ruolo tecnico scientifico che non le compete.

Siamo peraltro curiosi su come e con quale discorso il Ministero del Lavoro aderirà alla Campagna Ambienti di lavoro sani e sicuri 2014-2015 dedicata allo stress e dei rischi psicosociali del lavoro..  editor


1)  LA DEFINITIVA SCONFITTA DELLO STRESS LAVORO CORRELATO: UN SUCCESSO TUTTO ITALIANO!

di Graziano Frigeri

http://www.euronorma.it/blog/la-definitiva-sconfitta-dello-stress-lavoro-correlato-un-successo-tutto-italiano/

-----------------

Inail

MANAGING AND ASSESSING THE RISK FOR WORK-RELATED STRESS

Guide for companies, in compliance with Leg. Decree 81/2008  and subsequent integrations and modifications

http://www.inail.it/internet_web/wcm/idc/groups/internet/documents/document/ucm_105414.pdf

Il testo inglese non incrementa la qualità della procedura. (ndr)
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente novembre 2017
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Podcast







E' disponibile online la puntata n°48 del 
9 novembre 2017 
del Podcast di Diario Prevenzione.




Per ascoltare le puntate precedenti

clicca 


***


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !

Act NOW!

I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013