venerdì 02 dicembre 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Ultime arrow CGIL EMILIA ROMAGNA: TERREMOTO, LAVORARE IN SICUREZZA NON E' "ARTIFICIOSO"
CGIL EMILIA ROMAGNA: TERREMOTO, LAVORARE IN SICUREZZA NON E' "ARTIFICIOSO" Stampa E-mail
Inserito da Editor   
mercoledì 30 maggio 2012
CGIL EMILIA ROMAGNA

COMUNICATO STAMPA
TERREMOTO: LAVORARE IN SICUREZZA NON È “ARTIFICIOSO”

A distanza di 24 ore dal sisma che ieri ha colpito le stesse zone dell'Emilia Romagna già “sfregiate dal terremoto del 20 Maggio la conta dei danni ci consegna un'immagine devastante della nostra regione.

13.000 sfollati, 20.000 lavoratori temporaneamente e/o definitivamente senza lavoro, 3500 aziende crollate, inagibili, in sospensione lavorativa, 24 morti dei quali 18 sotto le macerie delle fabbriche, 54 scuole chiuse, 5 ospedali evacuati, 12 municipi chiusi, 37 comuni (senza considerare le frazioni) colpiti, intere filiere al tracollo (biomedicale, parmigiano-reggiano, acetaie, componentistica meccanica, tessile carpigiano, conserve animali), sono i numeri che rappresentano drammaticamente la situazione che sta attraversando l'Emilia -Romagna.

Se come organizzazioni sindacali, con l'accordo raggiunto in Regione lo scorso 25 maggio, abbiamo tutelato il reddito dei lavoratori coinvolti dal terremoto, si pone il problema di affrontare immediatamente l'emergenza sociale ed economica.

In tal senso ci stiamo organizzando con le nostre Camere del Lavoro di Modena, Ferrara, Bologna, Reggio Emilia, per assicurare, per quanto ci compete, tutto il supporto possibile ai lavoratori ed ai cittadini, in collaborazione con le istituzioni locali e regionali.


Così come il 21 maggio eravamo pronti a reagire, anche oggi stiamo operando “pancia a terra” per non lasciare nulla di intentato.

In questo contesto, con l'amarezza e la rabbia che ci pervade per quello che ci sta accadendo, è francamente insopportabile sentirci accusare di artificiosità quando denunciamo che morire in fabbrica, perchè le mura si sfogliano come carta, non è degno di un paese che si definisce civile.
Siamo i primi a sostenere che se si perdono le nostre peculiarità economiche e produttive si rischia di non avere futuro, ma il lavoro, le produzioni, non possono essere scambiate con la vita.

 Qui si tratta di non chiudere gli occhi e di rendersi conto che esistono anche responsabilità specifiche e che da subito bisogna riprogettare le infrastrutture produttive di questa regione per lavorare in sicurezza e per rilanciare le filiere in difficoltà impedendone la delocalizzazione.


Per essere chiari: deve essere garantita la sicurezza degli stabilimenti attraverso un monitoraggio rigoroso delle strutture da parte degli organi preposti, la certificazione della compatibilità sismica delle stesse strutture in una area che sino a ieri era classificata a bassissimo rischio, per una ripresa dell’attività produttiva.


E' inderogabile avviare un piano regionale per la ricostruzione in grado di sostenere un modello di sviluppo che faccia leva anche sulla qualità delle strutture, del prodotto e del lavoro, impermeabile alla illegalità.
 
SEGRETERIA CGIL EMILIA ROMAGNA

Bologna, 30 Maggio 2012



Ultimo aggiornamento ( mercoledì 30 maggio 2012 )
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Dicembre 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Podcast






***
Podcast di Diario Prevenzione - 21 novembre 2016 - Puntata n° 40 
a cura di Gino Rubini, editor di diario prevenzione

In questa puntata parliamo di :

- Diario Prevenzione on line da vent'anni - Riflessioni su di un'esperienza 
- Suicidi da superlavoro in Giappone 
- Violenze sul lavoro contro il personale sanitario, in particolare nei Pronto Soccorso. Un'esperienza canadese
- Il ruolo dei Rls nella valutazione dei rischi
- Riconoscimenti dei tumori professionali: lotta per la giustizia di famiglie belghe
- Congresso SIMLII: i rischi per la salute nei corpi di polizia
- Protocollo d'intesa sperimentale contro il caporalato e lo sfruttamento dei lavoratori in agricoltura in Toscana
- Emergenza Aflatossine : dal controllo alla prevenzione
- Les perturbateurs endocriniens coûtent aux États-Unis 310 milliards d'euros par an
- Come gestire nelle aziende l’invecchiamento del lavoratore
- Altre notizie in breve

Buon Ascolto !! 

IL NOTIZIARIO

***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui

***





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013