sabato 23 maggio 2015
you are here: Home arrow Notizie arrow Ultime arrow CGIL EMILIA ROMAGNA: TERREMOTO, LAVORARE IN SICUREZZA NON E' "ARTIFICIOSO"
CGIL EMILIA ROMAGNA: TERREMOTO, LAVORARE IN SICUREZZA NON E' "ARTIFICIOSO" Stampa E-mail
Inserito da Editor   
mercoledì 30 maggio 2012
CGIL EMILIA ROMAGNA

COMUNICATO STAMPA
TERREMOTO: LAVORARE IN SICUREZZA NON È “ARTIFICIOSO”

A distanza di 24 ore dal sisma che ieri ha colpito le stesse zone dell'Emilia Romagna già “sfregiate dal terremoto del 20 Maggio la conta dei danni ci consegna un'immagine devastante della nostra regione.

13.000 sfollati, 20.000 lavoratori temporaneamente e/o definitivamente senza lavoro, 3500 aziende crollate, inagibili, in sospensione lavorativa, 24 morti dei quali 18 sotto le macerie delle fabbriche, 54 scuole chiuse, 5 ospedali evacuati, 12 municipi chiusi, 37 comuni (senza considerare le frazioni) colpiti, intere filiere al tracollo (biomedicale, parmigiano-reggiano, acetaie, componentistica meccanica, tessile carpigiano, conserve animali), sono i numeri che rappresentano drammaticamente la situazione che sta attraversando l'Emilia -Romagna.

Se come organizzazioni sindacali, con l'accordo raggiunto in Regione lo scorso 25 maggio, abbiamo tutelato il reddito dei lavoratori coinvolti dal terremoto, si pone il problema di affrontare immediatamente l'emergenza sociale ed economica.

In tal senso ci stiamo organizzando con le nostre Camere del Lavoro di Modena, Ferrara, Bologna, Reggio Emilia, per assicurare, per quanto ci compete, tutto il supporto possibile ai lavoratori ed ai cittadini, in collaborazione con le istituzioni locali e regionali.


Così come il 21 maggio eravamo pronti a reagire, anche oggi stiamo operando “pancia a terra” per non lasciare nulla di intentato.

In questo contesto, con l'amarezza e la rabbia che ci pervade per quello che ci sta accadendo, è francamente insopportabile sentirci accusare di artificiosità quando denunciamo che morire in fabbrica, perchè le mura si sfogliano come carta, non è degno di un paese che si definisce civile.
Siamo i primi a sostenere che se si perdono le nostre peculiarità economiche e produttive si rischia di non avere futuro, ma il lavoro, le produzioni, non possono essere scambiate con la vita.

 Qui si tratta di non chiudere gli occhi e di rendersi conto che esistono anche responsabilità specifiche e che da subito bisogna riprogettare le infrastrutture produttive di questa regione per lavorare in sicurezza e per rilanciare le filiere in difficoltà impedendone la delocalizzazione.


Per essere chiari: deve essere garantita la sicurezza degli stabilimenti attraverso un monitoraggio rigoroso delle strutture da parte degli organi preposti, la certificazione della compatibilità sismica delle stesse strutture in una area che sino a ieri era classificata a bassissimo rischio, per una ripresa dell’attività produttiva.


E' inderogabile avviare un piano regionale per la ricostruzione in grado di sostenere un modello di sviluppo che faccia leva anche sulla qualità delle strutture, del prodotto e del lavoro, impermeabile alla illegalità.
 
SEGRETERIA CGIL EMILIA ROMAGNA

Bologna, 30 Maggio 2012



Ultimo aggiornamento ( mercoledì 30 maggio 2012 )
< Prec.   Pros. >
Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente 2015
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?


Iscriviti


La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti che di prevenzione dei rischi sul lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.
L'iscrizione alla newsletter consente ai lettori e alle lettrici di proporre tematiche sulle quali saranno svolti approfondimenti e pubblicati dossier 







AiNTS

AiNTS - Associazione italiana Non Technical Skill 

Milano 05 giugno 2015 ore 14.00 - 17.00

Convegno - LA SICUREZZA NELL’INCLUSIONE DEI LAVORATORI STRANIERI

Dal rapporto con i lavoratori stranieri, una sfida ai modelli tradizionali di valutazione, prevenzione e gestione  dei rischi. 


 

Agenda





FONDAZIONE MARCO BIAGI

Università di Modena Reggio Emilia 



Vent’anni dopo il d.lgs n. 626/1994: le innovazioni e gli effetti empirici sulla prevenzione del rischio negli ambienti di lavoro

Modena, Auditorium Fondazione Marco Biagi
Largo Marco Biagi, 10
Venerdì 29 maggio 2015, ore 9.00

Programma Lavori 

Registrazione 



Europa
ATTI DEL CONVEGNO 

2014-2020

Salute e sicurezza sul lavoro 
Esiste ancora una strategia Europea?


Italia ed Europa a confronto:
tendenze delle strategie su Salute e sicurezza sul lavoro
 fra mercato e diritto alla salute

Bologna, 20 aprile 2015
Ore 9.30 -14.00
Salone Di Vittorio 3° piano
CDLM-CGIL Bologna
Via Marconi, 67/2








Interviste


E' online

L'intervista audio al Dott. Giorgio Di Leone, medico del lavoro e Presidente della SNOP - Società Nazionale degli Operatori della Prevenzione su questi temi 

- stato dell'arte e prospettive  della prevenzione in materia di salute e sicurezza sul lavoro in questa crisi prolungata che ha messo in difficoltà imprese e istituzioni;

- le linee del Governo in materia di lavoro quali effetti avranno sia sul sistema istituzionale di prevenzione sia nei luoghi di lavoro;

- quali iniziative e progetti ha in cantiere la Snop per la continuità  dei Servizi di prevenzione delle Asl .


L'INTERVISTA AUDIO ( 33 minuti  audio wav )




Podcast







Per ascoltare le   puntate del Notiziario Podcast
di
Diario
Prevenzione clicca qui
Se usi Ipad o Iphone clicca qui








Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


Rassegna
 
OH&S GLOBAL NEWS
OH&S GLOBAL NEWS

I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli
I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli



I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported