martedì 21 ottobre 2014
you are here: Home arrow Notizie arrow Letti & Riletti arrow LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH )
LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH ) Stampa E-mail
Inserito da Editor   
venerdì 04 maggio 2012

LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH )


di Gianfranco Helbling

Il 26 per cento delle famiglie con figli non è in grado di pagare il dentista. O per farlo deve indebitarsi. Non in Grecia, in Spagna, o in Italia: in Svizzera. E non è un caso. No, è il frutto di un piano ben preciso, un piano di sfrenato liberismo. Lanciato vent'anni fa in Svizzera dopo essere stato sperimentato dalle dittature latinoamericane prima e negli Usa di Ronald Reagan e nell'Inghilterra di Margareth Thatcher poi.

In Svizzera furono le università di Basilea e San Gallo i focolai da cui si diffuse l'incendio. Dalla prima uscirono una serie di studi teorici e quell'Aimo Brunetti che, da capo del Seco, lavò il cervello all'intera amministrazione federale. Alla seconda dobbiamo invece il "Libro bianco" che, firmato fra gli altri da David De Pury, servì ad evangelizzare le masse. Compresa la sacerdotessa ticinese del neoliberismo, Marina Masoni.

Il lavoro degli adepti del neoliberismo è stato lungo e paziente. E non è finito. Hanno abbassato le imposte dei ricchi e alzato quelle dei poveri. Il loro capolavoro è la riforma fiscale delle imprese, spinta dall'ultrà del neoliberismo Hans Rudolf Merz: essa ci costerà 80 miliardi, che rimangono nelle tasche di banche, finanziarie, multinazionali e azionisti.

 Ma un gran lavoro è stato anche la liberalizzazione dei servizi pubblici, diventati più cari e meno efficienti. E mentre toglievano limiti a banche e finanza e rendevano ancor più selvaggio il mercato del lavoro, procedevano all'abbattimento sistematico dello Stato sociale.
Risultato: dal 1997 al 2010 la ricchezza detenuta dall'1 per cento più ricco della popolazione è passata dal 35 al 59 per cento del totale. Quella posseduta dal 90 per cento più povero, cioè da tutti noi, è scesa dal 29 al 17 per cento. 

Negli ultimi 16 anni i salari dei top manager sono cresciuti del 33 per cento, i salari medi e bassi del 5 per cento. Nello stesso periodo la ricchezza prodotta con il lavoro è cresciuta del 18 per cento. La differenza è andata ad azionisti, banche e finanziarie: un furto del capitale ai danni del lavoro.
I neoliberisti promettevano più benessere per tutti. In realtà se lo sono tenuto per sé. Grazie a loro oggi sta crescendo la prima generazione di giovani che con certezza sanno che il loro futuro non sarà migliore di quello dei loro genitori. Per la prima volta dal dopoguerra diminuiscono in Svizzera gli studenti dei licei provenienti da classi sociali modeste. Non solo i soldi: quelli rubano anche i sogni.

fonte area7.ch


< Prec.   Pros. >
Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente 2014
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?


Iscriviti


La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti che di prevenzione dei rischi sul lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.
L'iscrizione alla newsletter consente ai lettori e alle lettrici di proporre tematiche sulle quali saranno svolti approfondimenti e pubblicati dossier 









Podcast Ipad






Per ascoltare le precedenti  puntate del Notiziario Podcast
di Diario Prevenzione
clicca qui


Se usi ipad o iphone clicca qui

E' online il




Podcast Notizie Salute Sicurezza Lavoro - puntata n° 20 - 15 ottobre 2014


- Alluvioni ed esondazioni: siamo tutti responsabili. La cultura della manutenzione che  manca è un problema di tutti....

- Progetto S&CANTE - Un progetto sui costi delle mancate tutele nel lavoro in edilizia

- Non è vero che la Taser non è letale, in alcuni casi lo può essere.

- I nostri bambini, come li proteggiamo , come li soccorriamo. Video




LE NOTIZIE
(audio 30 minuti, formato wav )

**************

.
Podcast Audio.  Una Regione senza  Amianto, la Piattaforma della Cgil E.R. Intervista ad Andrea Caselli Cgil ER. ( 02/07/2014)

Una regione senza amianto.La piattaforma della Cgil Emilia Romagna per gestire il rischio amianto, dalla tutela dei lavoratori ex esposti ed esposti ai problemi della bonifica ambientale.
Intervista ad Andrea Caselli responsabile dell'Area Salute e Sicurezza nel lavoro  della Cgil Emilia Romagna a cura di Gino Rubini, editor di diario prevenzione. .

L'intervista audio ( durata 32 minuti )
 


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


TUC

Health and Safety NewsWire from Hazards and LabourStart
OH&S GLOBAL NEWS
OH&S GLOBAL NEWS

I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli
I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli



I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported