sabato 02 luglio 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Letti & Riletti arrow LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH )
LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH ) Stampa E-mail
Inserito da Editor   
venerdì 04 maggio 2012

LADRI DI SOLDI E DI SOGNI. ( NEOLIBERISMO IN SVIZZERA. DA AREA7.CH )


di Gianfranco Helbling

Il 26 per cento delle famiglie con figli non è in grado di pagare il dentista. O per farlo deve indebitarsi. Non in Grecia, in Spagna, o in Italia: in Svizzera. E non è un caso. No, è il frutto di un piano ben preciso, un piano di sfrenato liberismo. Lanciato vent'anni fa in Svizzera dopo essere stato sperimentato dalle dittature latinoamericane prima e negli Usa di Ronald Reagan e nell'Inghilterra di Margareth Thatcher poi.

In Svizzera furono le università di Basilea e San Gallo i focolai da cui si diffuse l'incendio. Dalla prima uscirono una serie di studi teorici e quell'Aimo Brunetti che, da capo del Seco, lavò il cervello all'intera amministrazione federale. Alla seconda dobbiamo invece il "Libro bianco" che, firmato fra gli altri da David De Pury, servì ad evangelizzare le masse. Compresa la sacerdotessa ticinese del neoliberismo, Marina Masoni.

Il lavoro degli adepti del neoliberismo è stato lungo e paziente. E non è finito. Hanno abbassato le imposte dei ricchi e alzato quelle dei poveri. Il loro capolavoro è la riforma fiscale delle imprese, spinta dall'ultrà del neoliberismo Hans Rudolf Merz: essa ci costerà 80 miliardi, che rimangono nelle tasche di banche, finanziarie, multinazionali e azionisti.

 Ma un gran lavoro è stato anche la liberalizzazione dei servizi pubblici, diventati più cari e meno efficienti. E mentre toglievano limiti a banche e finanza e rendevano ancor più selvaggio il mercato del lavoro, procedevano all'abbattimento sistematico dello Stato sociale.
Risultato: dal 1997 al 2010 la ricchezza detenuta dall'1 per cento più ricco della popolazione è passata dal 35 al 59 per cento del totale. Quella posseduta dal 90 per cento più povero, cioè da tutti noi, è scesa dal 29 al 17 per cento. 

Negli ultimi 16 anni i salari dei top manager sono cresciuti del 33 per cento, i salari medi e bassi del 5 per cento. Nello stesso periodo la ricchezza prodotta con il lavoro è cresciuta del 18 per cento. La differenza è andata ad azionisti, banche e finanziarie: un furto del capitale ai danni del lavoro.
I neoliberisti promettevano più benessere per tutti. In realtà se lo sono tenuto per sé. Grazie a loro oggi sta crescendo la prima generazione di giovani che con certezza sanno che il loro futuro non sarà migliore di quello dei loro genitori. Per la prima volta dal dopoguerra diminuiscono in Svizzera gli studenti dei licei provenienti da classi sociali modeste. Non solo i soldi: quelli rubano anche i sogni.

fonte area7.ch


< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Giugno 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Milano, ancora un incidente grave in cantiere

    I sindacati milanesi delle costruzioni Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil denunciano quanto accaduto ieri pomeriggio nel cantiere di via Tommei a Milano e chiedono alla magistratura e alle istituzioni "di fare tutto il possibile per accertare ogni tipo di  responsabilità. Sarebbe stato un gancio caduto dall'alto – prosegue la nota – a provocare l'incidente che ha colpito un operaio di 41 anni, ricoverato ora a Niguarda in prognosi riservata". Nell’esprimere piena vicinanza e solidarietà all’operaio coinvolto, ai suoi familiari e colleghi, le tre sigle sindacali "ribadiscono la necessità di non abbassare la guardia sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro, anche attraverso il potenziamento dei controlli ispettivi da parte degli enti dedicati, che oggi mostrano in modo drammatico tutta la loro carenza e inefficacia".

    "È inaccettabile – si legge ancora nel comunicato sindacato – che nel 2016, in uno dei più importanti settori industriali del paese, si possa ancora tollerare una situazione come quella descritta dagli ultimi dati Inail sugli infortuni. È di pochi giorni fa la notizia di un altro incidente in un cantiere di Merate, purtroppo mortale. È quantomai necessario rimettere al centro dell’agenda il tema della prevenzione, formazione e sicurezza, chiedendo a tutti gli attori istituzionali e imprenditoriali di investire su percorsi e iniziative concrete per garantire il diritto alla salute dei lavoratori".

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 37  
28 giugno 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013