domenica 19 novembre 2017
you are here: Home arrow Notizie arrow Ricerche arrow 23/04/12 - STRESS DA LAVORO: ETÀ, TURNOVER E ORARI TRA LE CAUSE PIÙ SCATENANTI
23/04/12 - STRESS DA LAVORO: ETÀ, TURNOVER E ORARI TRA LE CAUSE PIÙ SCATENANTI Stampa E-mail
Inserito da Editor   
domenica 22 aprile 2012


23/04/12 - STRESS DA LAVORO: ETÀ, TURNOVER E ORARI TRA LE CAUSE PIÙ SCATENANTI

Che fatica invecchiare sul lavoro! Il passare degli anni a scapito delle fasce più  giovani - fenomeno che, anche alla luce dei recenti interventi in campo pensionistico, aumenterà certo in termini sia quantitativi che di importanza - è risultato essere il fattore che genera maggiore stress nelle imprese pubbliche e private nella provincia di Bologna (ma il dato, molto probabilmente, ha una valenza "territoriale" assai più estesa rispetto alla sola realtà felsinea). A rilevarlo è stato una recente ricerca promossa dalla Provincia sulle modalità di valutazione del rischio da stress-lavoro nelle aziende del territorio, realizzata nell'ambito di un progetto promosso col coordinamento tecnico dell'ente di formazione professionale "Futura SpA".

Industria: coinvolto soprattutto il settore manifatturiero. Lo studio, presentato ieri a Palazzo Malvezzi, è basato sulla percezione che dello stress da lavoro hanno i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) e i responsabili del servizio prevenzione e protezione (Rspp). "Sono state coinvolte 13 aziende pubbliche (per un totale di 34.800 addetti) e 144 private (di cui 98 appartenenti al settore manifatturiero) - ha spiegato l'assessore provinciale al Lavoro, Giuseppe De Biase - con l'intento di monitorare le modalità e lo stato di avanzamento delle imprese del territorio nel compito di valutazione del rischio da stress lavoro-correlato, a fronte del disposto normativo che ne ha introdotto l'obbligo, individuando anche le principali difficoltà che incontrano nello svolgimento".

Altri fattori di "rischio": il turnover e l'organizzazione degli orari. Al problema dell'invecchiamento segue quello del turnover, "sia in caso di mancata applicazione che comporta un aumento dei carichi di lavoro, sia in caso di un processo troppo veloce e variabile - analizza una nota della Provincia - per cui non si riesce a inserire in modo efficace nell'organizzazione il nuovo entrato che, non di rado, dopo breve viene ulteriormente sostituito". In terzo luogo, la criticità segnalata dalla ricerca è quella dei turni, "specie notturni e festivi".

Operatori di call center e autisti dei bus i lavoratori più "stressati". Dalla ricerca emerge inoltre che i reparti a maggior rischio nel mondo della sanità sono l'emergenza, le chirurgie, le oncologie, le geriatrie e le ortopedie. Nelle altre aziende pubbliche sono le attività di call center, gli sportelli al pubblico, quelle della Polizia municipale, dei conducenti di autobus e verificatori dei titoli di viaggio, dei servizi sociali, degli asili nido, della protezione civile e della security.

Un obbligo di legge ancora essenzialmente disatteso. Attraverso l'indagine, poi, "si è spesso rilevato che gli Rls risultano formalmente coinvolti - continua la nota - ma in realtà senza partecipazione effettiva". Per quanto riguarda le imprese e la necessità di affrontare il problema dello stress dovuto al lavoro, "in molte il percorso è solo alle fasi iniziali, mentre altre hanno già  individuato e realizzato le misure correttive - continua la nota -  per controllare e migliorare la situazione".

Essenziale il contribuito diretto dei lavoratori. Elemento di "grande importanza" viene considerata la partecipazione dei lavoratori: "La lettura dell'organizzazione del lavoro e delle dinamiche interpersonali non può essere fatta da soli osservatori esterni - commenta De Biasi - né dalla sola visione del datore di lavoro". Il contributo dei lavoratori "aiuta a rappresentare la realtà delle condizioni lavorative, sia nel ricostruire gli aspetti organizzativi - continua l'assessore - sia nel fornire le percezioni che ognuno ha del proprio vissuto rispetto all'organizzazione stessa". Del resto, eliminare o contenere i fattori di stress "comporta benefici per la salute dei lavoratori, ma certamente anche vantaggi economici e sociali per tutti - conclude De Biasi - Agire a favore della sicurezza fa bene dunque sia alla produttività delle imprese che alla qualità dell'occupazione".

fonte INAIL.IT 
Ultimo aggiornamento ( domenica 22 aprile 2012 )
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente novembre 2017
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Podcast







E' disponibile online la puntata n°48 del 
9 novembre 2017 
del Podcast di Diario Prevenzione.




Per ascoltare le puntate precedenti

clicca 


***


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !

Act NOW!

I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013