sabato 25 giugno 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Articoli e Saggi arrow 50 RIGHE arrow 19/04/12 - PER FARE FRONTE ALLA CRISI OCCORRE PORRE SOTTO GOVERNO LA PAURA ….
19/04/12 - PER FARE FRONTE ALLA CRISI OCCORRE PORRE SOTTO GOVERNO LA PAURA …. Stampa E-mail
Inserito da Editor   
giovedì 19 aprile 2012



19/04/12 - Per fare fronte alla crisi occorre porre sotto governo la paura ….

In quest’epoca di grandi incertezze sono le azioni  della vita quotidiana che radicano le persone al principio di realtà. Le azioni della vita quotidiana di chi ha un lavoro più o meno “garantito” ( anche questa è divenuta una parola obsoleta ) sono radicalmente diverse da quelle di chi non ha un lavoro, un  reddito, nei fatti non è in grado di realizzare  un  proprio progetto di vita.

La lotta che questo portale conduce da anni per la socializzazione delle conoscenze utili per incrementare le capacità di autotutela di chi lavora e vive del proprio lavoro in quest’ultima fase registra un pesante limite: abbiamo scoperto la nostra afasia rispetto al grande numero di persone che hanno perso o stanno perdendo il lavoro.
Come si articolano le azioni della vita quotidiana di un giovane senza lavoro o di un anziano o meno anziano  ex lavoratore che si trova nello spaesamento rispetto alla routine  dei tempi della fabbrica  o del luogo di lavoro cui era stato abituato per anni ?

Come evitare poi  che l’assenza di un compito, il lavoro, nel tempo, oltre a impoverire economicamente  la persona generi un  processo di decostruzione dell’identità e dell’autostima fino a divenire generatore di gravi patologie psicosociali, depressioni e suicidi ?  (1)
Sono abbastanza singolari e poco credibili in tal senso le recenti previsioni  per gli anni  ’50 di questo secolo della Banca mondiale rispetto all’incremento della durata della vita delle  persone. Il patrimonio di salute della popolazione in questi anni di crisi ha cominciato a subire dei colpi : dipendenti, piccoli imprenditori, piccoli commercianti stanno già pagando la crisi e un peggioramento delle proprie condizioni di vita.

L’austerity declinata con misure squilibrate  avrà dei danni rilevanti nel patrimonio di salute di un segmento ampio della popolazione che vive di salario diretto o differito (le pensioni ) che si potranno vedere nel tempo.

L’incremento del numero dei poveri, dei poor worker diviene un effetto collaterale delle politiche di radicale austerity imposte dalle èlites dell’eurocrazia … che pretendono pure che questo fenomeno sia accettato socialmente come inevitabile… e in silenzio.

Le politiche distruttive  dei diritti e del welfare  portate avanti dall’eurocrazia saranno pagate tra qualche anno dal degrado umano: i processi di plebeizzazione delle masse metteranno  molti paesi europei fuori gioco rispetto alla competizione globale. (2)

Quale via e quali strumenti per resistere a questo progetto insipiente e amorale derivante dall’ideologia neoliberista ? (3)

Sarebbe presuntuoso e inutile  per chi scrive inventarsi ricette che ancora non esistono, non le hanno i sindacati, non le hanno i partiti di “centrosinistra”.

Un punto di partenza però può essere individuato nella resistenza quotidiana a cominciare dalle azioni della vita quotidiana per costruire e ricostruire giorno dopo giorno, con tenacia, la propria identità e autostima senza  “mollare” sui principi della dignità personale  di essere un cittadino, una cittadina portatrice di diritti e di doveri.(4) (5)

La cultura della prevenzione deve e dovrà misurarsi nella quotidianità per dare indicazioni pratiche e  strumenti di sostegno perchè chi si trova nella condizione di aver perso il lavoro, la propria attività,  non si faccia attrarre dall’entropia, dalla disorganizzazione del governo del proprio tempo, dalla disperazione.
Ancora una volta è fondamentale evitare a questi uomini e donne   la solitudine e l’isolamento. Vi è una tendenza da parte di coloro che si ritengono per il momento “fortunati” perchè un lavoro ce l’hanno ancora  a rifuggire dal rapporto con coloro che il lavoro non ce l’hanno più.

Come dimostrano diverse ricerche la relazione solidale tra lavoratori ancora occupati e quelli che invece non lo sono più,  è parte di un percorso molto difficile che va costruito. Vi è una difficoltà  a sviluppare una relazione positiva e solidale tra lavoratori occupati e quelli ormai  senza lavoro che ha origini profonde: i lavoratori occupati vedono nei loro colleghi più sfortunati l’immagine di quello che potrebbe capitare tra breve a  loro stessi e questo fatto alimenta dinamiche di negazione della relazione con l’altro, il lavoratore che ha perso il suo status sociale…  E’ sempre la paura che va posta sotto governo perchè divide, frammenta e toglie l’energia necessaria per essere soggetti attivi  in grado di sviluppare strategie di autotutela  .

La rielaborazione di antichi strumenti e pratiche di solidarietà sono il campo di ricerca e azione per quanti si occupano di prevenzione, di salute e di sicurezza sociale: anche questo lavoro di manutenzione delle relazioni sociali per governare le paure di questi tempi è alla base dell’agire per costruire un futuro libero dal ricatto della miseria materiale e sociale.

Gino Rubini, editor di www.diario-prevenzione.it

LETTURE UTILI 

(1) Come aiutare chi ha perso il lavoro.Intervista audio al Prof. Francesco Campione 

http://www.diario-prevenzione.net/diarioprevenzione/html/modules.php?name=News&file=article&sid=1437


(2) Michela Marzano  Estensione della manipolazione dall’azienda alla vita privata . (vedi recensione libro)

http://www.diario-prevenzione.it/index.php?option=com_content&task=view&id=3245&Itemid=1

(3) Un autore interessante è Yves Clot psicologo della CNAM, la mutua francese  che corrisponde ad Inail
Le travail à cœur.Pour en finir avec les risques psychosociaux
Yves Clot, Editions La Découverte, coll. “Cahiers libres”, mai 2010

http://www.sociologie-professionnels.com/offres/gestion/actus_331_7131-192/haro-sur-les-risques-psychosociaux-le-travail-a-coeur-yves-clot-2010.html

(4) Serge Volkoff offre invece un importante punto di vista >>> vedi

Les conditions de travail, une question de politique  octobre 2002, par Serge Volkoff

“Citius, altius, fortius ” (“Plus vite, plus haut, plus fort”), telle pourrait être, selon Serge Volkoff, la devise du travailleur moderne. Directeur du CREAPT (Centre de recherches et d’études sur l’âge et les populations au travail), analyste statisticien, il a tout particulièrement analysé les questions relevant des conditions de travail et de santé dans l’activité professionnelle, mettant en évidence la persistance des pénibilités et les difficultés ressenties par les salarié-e-s en raison de l’intensification du travail, et donc la nécessité d’inventer une véritable politique des conditions de travail.

segue su

http://ecorev.org/spip.php?article100

(5) Purtroppo in quest’epoca non abbiamo uomini di governo della statura del Presidente Roosevelt che durante il suo discorso inaugurale il 4 marzo 1933 proclamò: «L’unica cosa di cui dobbiamo avere paura è la paura stessa».

http://www.formazionepolitica.org/vedit/15/immagini/File/discorso_inaugurale_di_franklin_delano_roosevelt.pdf





Ultimo aggiornamento ( giovedì 19 aprile 2012 )
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Giugno 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Sicurezza sul lavoro, allarme in Friuli Venezia Giulia

    L’ultima vittima si chiama Ilnica Xetan, l’operaio di origine albanese morto nel porto di Monfalcone, schiacciato da un carico di 4 tonnellate nei piazzali della Cimolai. È l’ennesimo nome di una lista troppo lunga, e che solo nei primi 4 mesi di quest’anno – quelli coperti dal più recente aggiornamento Inail – contava ben 6 lavoratori deceduti in regione, 2 in più rispetto allo scorso anno. Una recrudescenza che allarma i sindacati, anche alla luce dell’incremento del numero complessivo di infortuni registrati tra gennaio e aprile, in tutto 5.300, in crescita del 7% rispetto al 2016, con una preoccupante inversione di rotta rispetto a un andamento virtuoso che durava da anni.

    Di queste cifre e di sicurezza sul lavoro in generale si parlerà martedì 29 giugno a Palmanova, sede dell’assemblea unitaria convocata da Cgil, Cisl e Uil regionali, a partire dalle 9 all’auditorium San Marco, in via Scamozzi 5. Obiettivo dell’incontro, che vedrà una massiccia partecipazione di delegati e rappresentanti per la sicurezza (Rls), fare il punto sulle ultime novità normative in materia di sicurezza. Al dibattito, che sarà aperto da Mauro Franzolini, della segreteria regionale Uil, parteciperanno tra gli altri Flavio Frigé, dell’Anmil Udine, il direttore regionale dell’Inail Fabio Lo Faro, Cinzia Frascheri e Sebastiano Calleri, responsabili nazionali salute e sicurezza della Cisl e della Cgil.

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 36 
11 maggio 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013