venerdì 06 maggio 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Articoli e Saggi arrow 50 RIGHE arrow LA SETTIMANA - RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO: LA PRIORITA' E' CREARE LAVORO E NON "REGOLAMENTARLO"
LA SETTIMANA - RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO: LA PRIORITA' E' CREARE LAVORO E NON "REGOLAMENTARLO" Stampa E-mail
Inserito da Editor   
venerdì 16 marzo 2012

LA SETTIMANA - RIFORMA DEL MERCATO DEL LAVORO: LA PRIORITA' E' CREARE LAVORO E NON "REGOLAMENTARLO"


La prossima settimana, martedì,  ci sarà l' incontro del tavolo per la riforma del mercato del lavoro. Se sono rose, con molte , troppe spine per i lavoratori  si vedrà.

Il lavoro che continua a non esserci sarà regolato da nuove regole che renderanno più deboli i lavoratori che un lavoro ancora ce l'hanno,  senza per questo creare nuovo lavoro per coloro che sono fuori dal lavoro.

Questa riforma è fatta su misura non per favorire lo sviluppo e la ripresa della crescita economica ma  per mettere il governo Monti in condizione di  relazionare alla tecnocrazia neoliberista  di Bruxelles  sullo stato di avanzamento del piano di parziale destrutturazione del sistema dei diritti dei lavoratori e dei cittadini per quanto riguarda il welfare.

L'art.18 sarebbe molto probabilmente privo di interesse nel quadro della recessione che attraversa l’Italia, se il governo Monti non dovesse rendere conto alla tecnocrazia di Bruxelles. Non a caso, quando nel mese di gennaio fu condotta un’inchiesta fra le imprese italiane sui problemi che bloccano la crescita, il 99 per cento indicò diverse cause, e nessuna l’articolo 18. (*)

Il disegno di sottrarre ai lavoratori i diritti non porterà di per sè occupazione e migliori condizioni di vita e di lavoro ai giovani, ma aumenterà il disagio sociale in ragione della falcidia dei lavoratori anziani ancora lontani dalla pensione che saranno messi alla porta con licenziamenti   per "ragioni economiche".

Le condizioni di vita nel lavoro, all'uscita del tunnel della crisi la cui lunghezza ci è ignota, verosimilmente saranno peggiori.

La stessa gestione dei rischi in materia di salute e sicurezza sul lavoro subirà un drastico peggioramento qualitativo. I sintomi sono già presenti :  abbiamo visto oggi stesso una bozza di capitolato  di un appalto  pubblico che metteva i costi della sicurezza ( dalla formazione ai DPI)  nel computo del costo orario del lavoratore da esporre alla gara al massimo ribasso... 

Non è difficile rilevare la regressione culturale di chi affronta i problemi con questo approccio. 

Se questo è l'orizzonte che ci attende occorre reagire e rompere lo schema mentale  neoliberista che ha ormai coinvolto anche chi dovrebbe rappresentare gli interessi dei lavoratori e non dei manager pagati 500 volte lo stipendio di un lavoratore.


 E' sempre più necessario un indirizzo di politiche di governo  diverso che assumano come priorità le vere grandi opere che sono necessarie per il futuro ( non la TAV della ValSusa, un buco in una montagna che rimarrà vuoto per molti anni):

1) straordinari investimenti per riqualificare in tempi ragionevoli il sistema scolastico e universitario e il sistema di ricerca pubblico - privato  in tutti i suoi aspetti al fine di renderlo competitivo e in grado di produrre innovazione in tutti i campi;

2) interventi sul territorio ai fini di combattere l'entropia accelerata dai processi out of control di sfruttamento delle risorse naturali non rinnovabili. Politiche che favoriscano per davvero le forme autentiche di green economy; rafforzamento delle infrastrutture di trasporto pubblico territoriali;

3) Ricerca di nuove modalità di organizzazione sociale  tese allo sviluppo delle capacità di autogoverno e di autoregolazione delle comunità locali per quanto attiene il governo del territorio. ecc;

La necessità di uscire dall'emergenza, dalle decisioni prese dalle élites tramite le tecniche della  choc economy, il bisogno del ritorno della democrazia sostanziale regolata tramite il governo della complessità  delle relazioni tra rappresentanze sociali e politiche: queste  sono le cose di cui abbiamo bisogno come dell'aria che respiriamo. Queste cose non le possono dare il Presidente Monti e l'arcigna ministro Fornero, sono da conquistare con la partecipazione intelligente dei cittadini alla cosa pubblica.

Gino Rubini, editor www.diario-prevenzione.it

Riferimenti

(*) DALLA GRECIA ALL'ART.18 - A.Lettieri - europa & politica





Ultimo aggiornamento ( sabato 17 marzo 2012 )
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Maggio 2016
Amianto

Identificazione dei lavoratori con precedente esposizione ad amianto, diagnosi precoce dei tumori polmonari e sorveglianza sanitaria.

 
Epidemiologia&Prevenzione cover
  
 

ATTI DEL CONVEGNO NAZIONALE

PROMOSSO DALLA FONDAZIONE VITTIME DELL’AMIANTO “BEPI FERRO”

AULA MAGNA, PALAZZO BO, UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA
4 DICEMBRE 2014

Scarica l'intera monografia (pdf, 1.5M)

Scarica la versione italiana dell'articolo di H. Vainio, P. Oksa, T. Tuomi, T. Vehmas, H.Wolff "Aggiornamento dei Criteri di Helsinki 2014: l’amianto continua a essere una sfida per la prevenzione e l’attribuzione delle patologie", Epidemiol Prev 2016; 40(1 Suppl 1): 15-19 (pdf, 400K)

Scarica la bibliografia aggiuntiva del contributo di A. Granieri alla Tavola rotonda (pdf, 200K)


Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • La lezione di Seveso

    Sono passati quarant'anni dal disastro di Seveso. Oggi quel simbolo negativo del rapporto tra industria e ambiente – da cui il nome della legislazione continentale sui rischi di incidente rilevante – ha cambiato faccia. “Vogliamo promuovere una riflessione sull'attuale situazione e sui grandi passi avanti compiuti in tema di sicurezza e gestione dei rischi industriali”, spiega il segretario generale della Filctem Lombardia, Rosalba Cicero. Se ne parla oggi (6 maggio) in un convegno presso la Camera del Lavoro di Milano organizzato con il contributo dell’associazione Ambiente e Lavoro, insieme a esperti e testimoni dell'epoca, Federchimica, Arpa e Inail e esponenti politici. Concluderà i lavori il segretario generale della Filctem Emilio Miceli.

    RassegnaTorniamo un momento al 1976, quando la nube tossica del reattore raggiunse gli abitanti di Seveso, Desio, Cesano Maderno e Meda. Cosa sappiamo oggi delle conseguenze sulla popolazione?

    Cicero La quantità di diossina che fuoriuscì dall'impianto non è stata mai accertata con esattezza. Dove sono arrivati gli effetti a lungo termine è attualmente oggetto di studio. Le indagini sono complesse, ma una cosa è certa: negli ultimi vent'anni tra gli abitanti di Seveso è aumentata l'incidenza di alcuni tipi di tumore, in particolare del tratto digerente, dell'apparato respiratorio e del tessuto linfatico ed emopoietico. È molto probabile e biologicamente plausibile, come scrive Pieralberto Bertazzi, l'epidemiologo che ha condotto le indagini, un'associazione tra esposizione alla diossina e aumento di tumori. La mortalità generale, dice sempre Bertazzi, non ha invece subito incrementi. Insomma, la temuta strage paventata subito dopo la fuga tossica dall'Icmesa, fortunatamente non si è verificata.

    Rassegna Dal punto di vista economico, però, ci fu il blocco dello sviluppo urbano e della crescita economica, gli abitanti cambiarono radicalmente stile e comportamento di vita...

    Cicero Sì, l'ecosistema di una parte del territorio entrò in agonia. Chi lavorava la terra smise di coltivarla, chi aveva gli animali li vide morire. Nella vita di tutti si registrarono alterazioni nella vita di relazione. Le coppie smisero di fare figli. La paura indusse molte donne incinte a ricorrere all’aborto allora illegale. Non ingiustificatamente si ritiene che l’ondata emozionale suscitata dal disastro di Seveso abbia impresso un’accelerazione all’approvazione della legge sulla legittimazione dell’aborto.

    Rassegna Veniamo all'oggi. Iluoghi teatro del disastro si sono completamente trasformati…

    Cicero Al posto dell'Icmesa c'è un centro sportivo, mentre sulle ceneri della zona A è stato realizzato il Bosco delle querce, il nuovo parco cittadino dove flora e fauna d'importazione, anche queste sorvegliate speciali, sperimentano faticosamente il loro nuovo habitat. Il parco è anche uno dei due “cimiteri” della diossina. L'altro, più piccolo, è vicino alla superstrada per Meda, dove sono sepolti i fanghi tossici estratti dell'Icmesa. Nel Bosco delle querce, sotto a un'altra collina artificiale, sono invece sepolte le macerie della fabbrica e delle case abbattute, la terra contaminata e le stesse attrezzature usate per le bonifiche. È tutto sigillato, messo in sicurezza, dentro una enorme vasca di cemento, continuamente monitorata dal personale della forestale. Ma in quella vasca di cemento non deve essere annegata la dura lezione che il disastro ci ha impartito.

    RassegnaResta il tema di come conciliare la produzione con la tutela dell’ambiente e la salute dei lavoratori.

    Cicero Sicurezza e salute non riguardano solo i luoghi di lavoro, ma anche il territorio. Quell’evento ha spostato l’attenzione delle parti sociali verso la sostenibilità ambientale. Se fino ad allora le organizzazioni sindacali si erano concentrate soprattutto sulle condizioni dei lavoratori, su ciò che avveniva dentro la fabbrica, a partire da quegli anni, anche grazie alle Commissioni Ambiente, altra fondamentale conquista sindacale, si è cominciato a prestare attenzione all’ambiente circostante. Da un incidente così drammatico, ciò che è stato consegnato al sindacato e in particolare ai lavoratori che sono arrivati dopo, è l’attenzione su queste tematiche e la presa di coscienza dell’impatto dell’industria sulla salute. Un’altra riflessione riguarda l’evoluzione delle relazioni sindacali: sui temi dell’ambiente e della sicurezza si può considerare ormai superata la contrapposizione tra impresa e sindacato, non solo nelle intenzioni o nella condivisione di principi.

    RassegnaCi si incrocia anche con la politica? Quella della sostenibilità ambientale è una sfida di ampio respiro nella quale servono strategie precise...

    Cicero Da soli non possiamo farcela. Occorre che questa sfida sia raccolta da tutte le istituzioni, dalla politica, dalle associazioni imprenditoriali. Con Federchimica e anche con Asiep abbiamo fatto notevoli passi in avanti, ci piacerebbe che lo stesso accadesse per altri settori, con altre associazioni. Vorremmo che in qualche modo questo sistema di relazioni industriali servisse da apripista per altri temi. La salute, la sicurezza, l’ambiente, devono essere diritti universalmente riconosciuti e proprio per questo, come recita la proposta di Carta dei diritti della Cgil, non mercificabili.

    Rassegna Come si può fare nella pratica?

    Cicero Occorre anzitutto rafforzare la formazione, la partecipazione e la professionalità, traducendo tutto questo in opportunità per i lavoratori e per le imprese. Troppi sono ancora gli infortuni e le morti sul lavoro. Se da una parte è vero che non si può immaginare un futuro positivo per questo paese senza affrontare il tema del lavoro che non c’è, dall’altra occorre risolvere i nodi legati alle questioni del lavoro affinché la sicurezza sia una priorità per tutti: politica, associazioni, organizzazioni sindacali.

    (mm)

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 35 
7 marzo 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013