lunedì 22 settembre 2014
you are here: Home arrow Notizie arrow Manuali e Strumenti di Lavoro arrow 14/03/12 Come evitare altre Eternit
14/03/12 Come evitare altre Eternit Stampa E-mail
Inserito da Editor   
mercoledì 14 marzo 2012

Come evitare altre Eternit

Le morti per amianto sono state "inutili", nel senso che si sarebbero potute scongiurare. Il processo di Torino sta lì a dimostrarlo. Prima lezione da imparare: la prevenzione deve essere il criterio guida DI DIEGO ALHAIQUE

di Diego Alhaique

Come evitare altre Eternit (immagini di RadioArticolo1)
Vogliamo altre Eternit negli anni futuri? Dopo l’esito giudiziario di una lunga lotta che ha visto pene severe comminate ai responsabili di migliaia di morti per un’esposizione nociva che poteva essere evitata; dopo una sentenza che, come osservato da tutti, farà storia e sarà un grande contributo alla lotta per bandire l’amianto a livello mondiale, occorre porsi una domanda cruciale: quali lezioni si devono apprendere da questa vicenda per non ritrovarsi fra venti o trent’anni a celebrare processi per dare giustizia ad altre vittime, dell’amianto o di altri fattori nocivi? Una prima risposta viene da un semplice dato di realtà: la lotta contro l’amianto è stata lunga e difficile, ha prodotto risultati importantissimi – la chiusura della fabbrica di Casale Monferrato, la legge con cui nel 1992 è stato bandito l’amianto e ora la condanna dei colpevoli –, ma non si può dire che sia stata una storia in cui la prevenzione abbia avuto successo. Anzi, la vicenda dell’amianto è proprio l’esempio di come la prevenzione sia stata sconfitta: le migliaia di vittime e quelle che purtroppo ancora verranno, stanno lì a dimostrarlo. Sono state morti “inutili” (unnecessaries), come dicono gli epidemiologi, perché si sarebbero potute evitare, e il processo Eternit l’ha dimostrato (si sapeva già da tempo che l’amianto avrebbe ucciso…).

Allora, la prima risposta, la prima lezione da imparare è che la prevenzione deve essere il criterio guida per eliminare questi rischi, tutti i rischi. Di quale prevenzione abbiamo ancora bisogno per evitare altre Eternit negli anni a venire? Per non ritrovarsi altre vittime cui dare giustizia e a constatare che “eppure si sapeva”? La prima indicazione riguarda i materiali contenenti amianto, di svariato genere, ancora presenti in innumerevoli siti, da cui l’esigenza di controllare e se necessario bonificare decine di aree industriali, ora dismesse, dove si producevano manufatti contenenti l’asbesto, migliaia di edifici pubblici, comprese circa 2.400 scuole, oltre 50 milioni di metri quadrati di coperture in cemento amianto e 100.000 chilometri di condotte.

La legge 257 del 1992, che ha bandito il minerale killer, e le successive disposizioni applicative, affidano alle Regioni il compito di censire queste situazioni, di sottoporle a controllo e di verificare le attività di bonifica a carico dei proprietari. Solo alcune adempiono a questi compiti, sicché non esistono dati esaurienti, così come manca una responsabilità nazionale identificabile che svolga funzioni di indirizzo, di coordinamento e di verifica. Eppure, la legge citata prevede una commissione nazionale che, dopo aver lavorato alcuni anni, è però stata soppressa, e la convocazione periodica da parte del governo di una conferenza nazionale. C’è qualcuno che in questi giorni stia rivendicando l’adempimento a tali disposizioni?

 
La seconda indicazione riguarda un altro minerale, noto per aver fatto strage di minatori ed edili fino a venti anni fa: la silice. La battaglia per eliminare la silicosi è stata vinta, anche questa dopo centinaia di migliaia di vittime, ma adesso lo stesso minerale impone una nuova battaglia, quella contro il suo potere cancerogeno, acclarato ufficialmente dalla Iarc (l’Agenzia internazionale di ricerca sul cancro) fin dal 1997. A livello europeo, nel 2006, le organizzazioni sindacali e imprenditoriali del settore chimico hanno raggiunto un accordo con l’obiettivo di prevenire i rischi cancerogeni da silice, garantendo un livello elevato di protezione con la partecipazione e il coinvolgimento del sindacato e in particolare dei rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza. Se da una parte questa intesa ha dato la giustificazione, secondo le regole del “dialogo sociale”, perché la Commissione Ue non legiferasse in materia, ma neanche adeguasse la classificazione e l’etichettatura dei prodotti di silice inalabile alla cancerogenità dichiarata dalla Iarc, in Italia non si è mossa foglia. Nemmeno le parti sociali del settore interessato dall’accordo europeo si sono date da fare per una sua trasposizione nazionale, come d’uso e opportuno. Da registrare solo un’importante iniziativa di alcune Regioni, che hanno istituito il Nis, Network italiano silice. Questo ha prodotto un notevole documento di linee guida per la prevenzione, che però non è stato adottato ufficialmente a livello nazionale e non è all’ordine del giorno della Commissione consultiva permanente, che invece se ne dovrebbe occupare. Le prospettive di protezione dei lavoratori dal potere cancerogeno della silice sono quindi il silenzio e il buio più completo.

Una terza problematica di prevenzione che la vicenda Eternit dovrebbe insegnare ad affrontare riguarda le nuove tecnologie produttive che utilizzano i cosiddetti “nanomateriali”, dalle dimensioni piccolissime (un milionesimo di millimetro), in grado di penetrare nell’organismo in modo massivo, non solo per inalazione, ma anche attraverso la pelle. Si sa sperimentalmente degli effetti altamente nocivi delle nanoparticelle, utilizzate ormai sempre di più in numerosissimi settori industriali, da quello automobilistico all’energia, dal tessile alla chimica e all’elettronica, dalla metallurgia alla gomma ecc. Si stima che tra pochi anni in Italia i lavoratori esposti saranno circa 900.000. Per iniziativa dell’Ispesl (ora ex perché assorbito in Inail) è stato recentemente presentato un libro bianco che fa il punto sulla situazione delle nanotecnologie nel nostro paese e propone un’agenda per approfondire le conoscenze e avviare iniziative di prevenzione. Nessuna reazione a livello politico e sindacale è stata finora registrata.

Un’ultima lezione, ma non per importanza, dovrebbe insegnare la storia della lunga lotta di Casale Monferrato contro l’amianto. I risultati ottenuti non cadono dal cielo. Sono frutto di un lavoro iniziato tre decenni fa da un piccolo gruppo di persone, per lo più interne alla Cgil, che strada facendo ha raccolto attorno a sé i lavoratori dell’Eternit e tutta la cittadinanza, diventando il riferimento del movimento di lotta per il bando dell’amianto a livello nazionale. Questo piccolo gruppo ha dovuto affrontare e sormontare scogli che altri, in altre situazioni, non sono riusciti a superare, come il ricatto occupazionale fino alla chiusura della fabbrica, pur di difendere la salute (eppure i lavoratori dell’Eternit erano con loro anche quando furono licenziati), sostenendo duri conflitti con la loro stessa organizzazione sindacale, per convincerla che quella era la strada da percorrere. Questo insegna che vertenze così complesse richiedono l’impegno preciso di uomini e di mezzi, che siano messi in condizione di poter essere concretamente responsabili di guidare una lotta di lungo periodo, come quasi sempre sono quelle che riguardano la salute dei lavoratori. Esattamente ciò che non sta avvenendo ora per le problematiche che abbiamo sopra descritto. È per questo che a oggi si può dire alta la probabilità di altre Eternit negli anni futuri.

< Prec.   Pros. >
Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente 2014
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?


Iscriviti


La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti che di prevenzione dei rischi sul lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.
L'iscrizione alla newsletter consente ai lettori e alle lettrici di proporre tematiche sulle quali saranno svolti approfondimenti e pubblicati dossier 









Podcast Ipad






Per ascoltare le precedenti  puntate del Notiziario Podcast
di Diario Prevenzione
clicca qui


Se usi ipad o iphone clicca qui

E' online il



Podcast  Notizie Salute Sicurezza Lavoro Diario Prevenzione puntata

N° 19  - 24/07/14

In questa 19a puntata


- Poletti non parla più di Agenzia delle Ispezioni, l'hanno silenziato perchè non faccia danni ?

- Firmato dal ministro del lavoro il Decreto che rinnova la Commissione consultiva nazionale ex art.6 dl dlgs 81/08

- Le condizioni di lavoro dei netturbini nella Rivista 2087 giugno 2014

- Riflessioni sul Paper di Mariantonietta Martinelli "L’individuazione e le responsabilità del lavoratore in materia di sicurezza sul lavoro"


- Frittura mista 


IL NOTIZIARIO 


**************

.
Podcast Audio.  Una Regione senza  Amianto, la Piattaforma della Cgil E.R. Intervista ad Andrea Caselli Cgil ER. ( 02/07/2014)

Una regione senza amianto.La piattaforma della Cgil Emilia Romagna per gestire il rischio amianto, dalla tutela dei lavoratori ex esposti ed esposti ai problemi della bonifica ambientale.
Intervista ad Andrea Caselli responsabile dell'Area Salute e Sicurezza nel lavoro  della Cgil Emilia Romagna a cura di Gino Rubini, editor di diario prevenzione. .

L'intervista audio ( durata 32 minuti )
 


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


Napo

  Le avventure di Napo
news rassegna.it



I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported