domenica 26 ottobre 2014
you are here: Home arrow Notizie arrow Manuali e Strumenti di Lavoro arrow 06/03/12 - «LABORATORIO AUSL: A RISCHIO LA SALUTE DEI LAVORATORI, IL SINDACO INTERVENGA»
06/03/12 - «LABORATORIO AUSL: A RISCHIO LA SALUTE DEI LAVORATORI, IL SINDACO INTERVENGA» Stampa E-mail
Inserito da Editor   
martedì 06 marzo 2012
06/03/12 - «LABORATORIO AUSL: A RISCHIO LA SALUTE DEI LAVORATORI, IL SINDACO INTERVENGA»
Il consigliere della Fds Diego Rubboli in un'interpellanza a Matteucci


Il laboratorio analisi dell’Ospedale di Ravenna è un posto di lavoro pericoloso per la salute? Non è un paradosso ma la domanda che pone il consigliere comunale Diego Rubboli, della Federazione della sinistra, al Sindaco in un’interrogazione. Secondo Rubboli, infatti l’Ausl, pur essendo a conoscenza dei potenziali rischi per gli operatori sanitari, non avrebbe mai provveduto ad assicurare condizioni ideali di lavoro. Tanto che, dice il consigliere: «Una delle prime denunce documentate risale al 2003 ed è stata la segnalazione di un ambiente malsano per inquinamento ambientale correlato a vari malesseri accusati da molti operatori. Sotto accusa sono state principalmente le emissioni di sostanze chimiche esalate nell’ambiente dagli strumenti nel corso delle procedure analitiche, in assenza di un sistema di idonea aspirazione e di un ricambio dei volumi d’aria adeguato».

Non solo, sempre secondo il consigliere comunista, a fronte del mancato intervento dell’azienda, «successivamente si sono verificati casi molto seri di patologie correlate alla postazione di lavoro ed ufficialmente riconosciute come provocate da contaminazione ambientale ed intossicazione da sostanze chimiche. In tempi più recenti, dal 2009 fino al mese scorso, è stato ancor più frequente il verificarsi di malesseri vari fra gli operatori (irritazione e gonfiore delle mucose naso–gola, afonia, epistassi, reazioni allergiche, arrossamento e secchezza degli occhi, prurito ed irritazione della pelle) costringendo più volte alcuni operatori al ricovero in Pronto Soccorso (infortunio sul lavoro) anche con prognosi di alcuni giorni. In alcuni casi è stata anche la presenza negli ambienti di intenso odore a volte insopportabile a segnalare la fuoriuscita di sostanze chimiche e di solventi organici».

Ecco allora che Rubboli chiede cosa intenda fare il Sindaco affinché l’Ausl affronti e sani questa situazione «per evitare conseguenze sempre più gravi alla salute dei lavoratori interessati».
E questo in virtù di due considerazioni, la prima, scrive, è «che un’attenta e sensibile amministrazione dovrebbe imporre il divieto di usare prodotti irritanti, attualmente utilizzati sia per la disinfezione sia per la pulizia, che potenzialmente sono in grado di scatenare ed aggravare intossicazioni sempre più importanti», la seconda è «e che evidentemente l’esperienza passata non ha insegnato nulla e la tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori è considerata secondaria e sacrificata a scelte miopi che di volta in volta premiano il risparmio economico immediato e non considerano che la prevenzione è il mezzo più idoneo sia per preservare la salute sia per un vero risparmio sociale e collettivo». 

E Rubboli rammenta come negli anni ’80, problemi analoghi abbiano portato a conseguenze anche più  tragiche e afflitto alcuni lavoratori sia del Laboratorio Analisi sia del Servizio di Anatomia Patologica con gravi patologie riconosciute per causa di servizio e correlate all’esposizione prolungata a sostanze chimiche e solventi organici nell’ambiente di lavoro. «Questa memoria storica – chiede Rubboli –  è stata cancellata come un fardello troppo ingombrante?»



< Prec.   Pros. >
Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente 2014
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?


Iscriviti


La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate sui maggiori siti che di prevenzione dei rischi sul lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.
L'iscrizione alla newsletter consente ai lettori e alle lettrici di proporre tematiche sulle quali saranno svolti approfondimenti e pubblicati dossier 







eventi


REGIONE PUGLIA, ASL BARI,  SOCIETA' ITALIANA DI ALCOLOGIA,

CON LA COLLABORAZIONE DI SNOP


CONGRESSO MONOTEMATICO

Alcol: tra diritto al lavoro e diritto alla salute

Bari 7 novembre 2014

PROGRAMMA LAVORI


Podcast Ipad






Per ascoltare le precedenti  puntate del Notiziario Podcast
di Diario Prevenzione
clicca qui


Se usi ipad o iphone clicca qui

E' online il




Podcast Notizie Salute Sicurezza Lavoro - puntata n° 20 - 15 ottobre 2014


- Alluvioni ed esondazioni: siamo tutti responsabili. La cultura della manutenzione che  manca è un problema di tutti....

- Progetto S&CANTE - Un progetto sui costi delle mancate tutele nel lavoro in edilizia

- Non è vero che la Taser non è letale, in alcuni casi lo può essere.

- I nostri bambini, come li proteggiamo , come li soccorriamo. Video




LE NOTIZIE
(audio 30 minuti, formato wav )

**************

.
Podcast Audio.  Una Regione senza  Amianto, la Piattaforma della Cgil E.R. Intervista ad Andrea Caselli Cgil ER. ( 02/07/2014)

Una regione senza amianto.La piattaforma della Cgil Emilia Romagna per gestire il rischio amianto, dalla tutela dei lavoratori ex esposti ed esposti ai problemi della bonifica ambientale.
Intervista ad Andrea Caselli responsabile dell'Area Salute e Sicurezza nel lavoro  della Cgil Emilia Romagna a cura di Gino Rubini, editor di diario prevenzione. .

L'intervista audio ( durata 32 minuti )
 


Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


TUC

Health and Safety NewsWire from Hazards and LabourStart
OH&S GLOBAL NEWS
OH&S GLOBAL NEWS

I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli
I nostri bambini. Come proteggerli, come soccorrerli



I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported