martedì 24 maggio 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow I Dossier arrow 12/01/12 - Amianto, un'altro morto alle Ogr
12/01/12 - Amianto, un'altro morto alle Ogr Stampa E-mail
Inserito da Editor   
giovedì 12 gennaio 2012

Amianto, un'altro morto alle Ogr
La Cgil denuncia: "Niente indennizzi"

Due morti in due mesi tra gli ex addetti alle Officine grandi riparazioni. Ma il sindacato denuncia: a questi lavoratori non vengono riconosciuti i benefici previsti per chi è a contatto con l'amianto

Ennesimo decesso legato all'amianto di un lavoratore delle Officine grandi riparazioni (Ogr) di Bologna. A segnalarlo è la Filt-Cgil bolognese, con una nota: "L'amianto continua a chiedere il suo tributo di vite umane" e sono ormai "moltissime le morti causate da patologie riconducibili alle lavorazioni dell'amianto che venivano svolte presso l'Ogr".

La notte fra domenica e lunedì - fa sapere il sindacato - "è deceduto, a seguito di una lunga malattia riconducibile all'esposizione all'amianto, il capo tecnico in pensione Francesco Malossi", già in servizio al reparto manutenzione dell'Ogr. Tra l'altro, "quest'ultimo decesso segue di un mese soltanto quello di Luciano Bencivenni, tecnico della manutenzione che ha lavorato sempre presso l'Ogr".

La filt esprime il "profondo cordoglio ai familiari dell'ennesima vittima dell'amianto" e commenta: "Al di là delle vicende giudiziarie, delle condanne nei confronti dei dirigenti dell'Ogr, è incredibile il fatto che ancora oggi, nonostante l'evidenza dei fatti, non vengano neppure riconosciuti i benefici previsti per i lavoratori esposti all'amianto ai ferrovieri che hanno lavorato all'Ogr".

fonte repubblica.it

< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Maggio 2016
Amianto Convegno
 Convegno sul sistema di cure del Mesotelioma - Bologna 9 Giugno 2016

Promosso da AFeVA Emilia Romagna e CGIL Emilia Romagna       

Con il Patrocinio dell'Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna

La presa in carico globale del paziente - organizzazione sanitaria, cure e ricerca 

AMIANTO E MESOTELIOMA: combatterli assieme

Per una rete integrata del sistema delle cure del mesotelioma in Emilia-Romagna


Giovedì 9 giugno 2016

ORE 10.00 – 13.30

Bologna

Sala “C-D” Regione Emilia-Romagna

Viale della Fiera, 8

Programma Lavori


Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Tumori professionali, cambia la normativa Ue. Ma non basta

    In Europa (Ue28) i morti per cancro attribuibile al lavoro sono stimati attorno ai 100mila casi ogni anno, venti volte quelli dovuti agli incidenti sul lavoro. Ciononostante, la legislazione europea è molto tiepida in materia: stabilisce dei valori limite di esposizione (Vlep) che non devono essere superati nei luoghi di lavoro per solo tre sostanze cancerogene, a fronte delle oltre 100 sostanze o processi lavorativi che sono riconosciuti come sicuramente cancerogeni a livello internazionale.

    Ha perciò colpito che la politica ultradecennale di rinvii in materia da parte della Commissione europea si sia finalmente interrotta con la presentazione di una proposta di revisione della Direttiva sulla prevenzione dei tumori professionali. Il testo propone di adottare, in controtendenza rispetto a quanto previsto dalla vecchia Direttiva (in vigore), valori limite d’esposizione lavorativa vincolanti per 13 sostanze. L’Etui, l’istituto di ricerca della Ces, la Confederazione europea dei sindacati, si è felicitato che la Commissione europea si sia finalmente decisa a rafforzare la legislazione contro i cancerogeni nei luoghi di lavoro, ma ritiene che questa proposta non guardi lontano.

    Il punto positivo è che il processo legislativo si è aperto e che sarà possibile emendare questa posizione iniziale – sostiene Laurent Vogel, ricercatore dell’Etui –. Il suo contenuto, infatti, è minimo. Nessun articolo della Direttiva è stato migliorato. Sostanzialmente, è stato modificato solo l’allegato 3 sui Vlep, con riguardo tuttavia a soli 13 cancerogeni, una risposta troppo modesta in rapporto alle richieste della presidenza olandese”. Il governo dei Paesi Bassi, che è alla presidenza dell’Unione europea in questo primo semestre del 2016, reclama infatti l’introduzione di 50 Vlep, mentre, da parte sua, la Ces ha definito una lista di 71 sostanze o processi cancerogeni per i quali ritiene necessario stabilire dei valori limite. La Commissione ha annunciato che 12 altri Vlep saranno oggetto di una proposta legislativa prima della fine di quest’anno, ma non si è impegnata per iniziative ulteriori.

    Nel merito, i Vlep proposti per un certo numero di sostanze sono molto più elevati di quelli adottati in parecchi Stati membri. L’esempio più significativo riguarda la silice cristallina, una sostanza dispersa e respirata nelle polveri da un elevato numero di lavoratori (dall’edilizia alla metallurgia, alle produzioni ceramiche) e che provoca gravissime malattie del sistema respiratorio, quali la tristemente nota silicosi, ma anche il cancro ai polmoni. La Commissione propone un Vlep di 100 microgrammi per metro cubo, quando Danimarca, Finlandia, Spagna impongono un valore limite di 50, mentre l’Associazione degli igienisti industriali americani ne indica un Vlep di 25. Anche in Italia si ha lo stesso valore di riferimento, ma solo come soglia di obbligatorietà dell’assicurazione Inail per la silicosi. Il valore proposto dalla Commissione Ue non permetterà così di assicurare una protezione sufficiente dei cinque milioni di lavoratori che sono esposti a silice nell’Unione.

    La questione ora passa al Parlamento europeo e al Consiglio dei ministri. Questi possono modificare la proposta della Commissione, in modo da migliorare la protezione dei lavoratori contro il rischio cancerogeno, estendendo il campo di applicazione della Direttiva ai prodotti tossici per la riproduzione (cosiddetti “reprotossici”), che costituiscono un rischio importante nel mondo del lavoro. La revisione della Direttiva sull’esposizione dei lavoratori ad agenti cancerogeni e mutageni, annunciata nel 2002, è stata a lungo congelata dalla Commissione stessa, che – nel quadro della sua campagna “Better Regulation” (migliore regolamentazione) – ha rifiutato di migliorare la protezione dei lavoratori contro il cancro, invocando “l’onere” che avrebbe rappresentato per le imprese. Le critiche convergenti del Parlamento europeo, di diversi Stati membri, di autorità sanitarie pubbliche e delle organizzazioni sindacali hanno permesso di rimettere in discussione questa paralisi.

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 36 
11 maggio 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013