martedì 26 luglio 2016
you are here: Home arrow Notizie arrow Recensioni arrow 19/11/10 - FIAT: FIOM, ORARI LAVORO PESANO SU SALUTE OPERAI
19/11/10 - FIAT: FIOM, ORARI LAVORO PESANO SU SALUTE OPERAI Stampa E-mail
Inserito da Editor   
venerdì 19 novembre 2010
19/11/10 - FIAT: FIOM, ORARI LAVORO PESANO SU SALUTE OPERAI


Salute degli operai a rischio a Melfi e Mirafiori, ma anche in altri stabilimenti Fiat in Italia. A denunciarlo è Fiom. Per le tute blu della Cgil, a Mirafiori su circa 5.500 lavoratori circa 1.500 si sono visti riconosciute "ridotte capacità lavorative".
Lo stesso sta accadendo nel sito di Melfi dove la stessa 'prognosi' è stata emessa per circa 2.200 addetti su 5.500."Ridurre i tempi delle pause o mettere la mensa a fine turno è contro la salute dei lavoratori e Fiat deve elaborare nuove forme di lavoro rispettose dei loro diritti", spiega il leader della Fiom, Maurizio Landini.

E sempre in tema di difesa dei diritti alla salute è sempre la Fiom a denunciare "come inaccettabile", il tentativo della direzione dello stabilimento Fiat di Termoli di "impedire alle lavoratrici che usufruiscono dei permessi di riposo 'per allattamento' di poter godere del diritto alla mezz'ora di mensa retribuita"
< Prec.   Pros. >
Eu Cookies
Informativa Generale sull'applicazione della norma  " Individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie" (Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014) per saperne di più >>> clicca qui 


Notizie Salute Sicurezza Lavoro Ambiente Luglio 2016
Newsletter


Vuoi ricevere la newsletter

di diario prevenzione 

gratuita nella tua email ?



Per iscriverti alla lista

clicca >> qui

La newsletter è gratuita: riceverai al tuo indirizzo e-mail una rassegna stampa quindicinale contenente le principali novità pubblicate su riviste e siti italiani e internazionali che si occupano di prevenzione negli ambienti di vita e di lavoro. La newsletter di diario prevenzione è il mezzo migliore per aggiornarsi.









Rassegna SSL


Rassegna.it - Salute e sicurezza
  • Filt: nel porto di Livorno l'ennesima tragedia

    “Bisogna fare molto di più sia sul piano della prevenzione e sia sul piano della cultura della sicurezza dei luoghi di lavoro, per garantire l’incolumità dei lavoratori”. È quanto dichiarano congiuntamente le segreterie nazionali di Filt, Fit e Uiltrasporti, a seguito dell’incidente mortale sul lavoro avvenuto nel porto di Livorno, esprimendo “cordoglio e vicinanza alla famiglia del lavoratore deceduto e la solidarietà al lavoratore coinvolto nell’incidente”, e sottolineando che “la dinamica evidenzia ancora una volta la rischiosità del lavoro portuale esposto a una forte interferenza operativa, nella quale interagiscono contemporaneamente soggetti di molteplici imprese”.

    Secondo le federazioni di categoria di Cgil, Cisl e Uil, “questa ennesima tragedia, proprio in un porto, come quello di Livorno, sensibile alla sicurezza sul lavoro, conferma come la sicurezza debba essere messa al primo posto nell’agenda politica del governo. È necessario e urgente che la riforma della portualità in discussione, in linea con il piano nazionale strategico porti e logistica, metta la sicurezza sul lavoro del settore dei trasporti al primo posto, adeguando, per quanto riguarda i porti, la legge 272/99, e considerando la specialità di cui sono portatori e gli stretti legami che essi hanno con la filiera terrestre del trasporto merci”.

Podcast






***

E' online il Podcast
Notizie di Diario Prevenzione
 puntata n° 37  
28 giugno 2016

Il Notiziario


***

Intervista ad Andrea Marchetti sullo stato
dell'arte della salute e sicurezza nel lavoro a Ravenna 


***
Per ascoltare le puntate precedenti
clicca qui





Emeroteca Rss

EMEROTECA RSS
di diario prevenzione



i titoli degli articoli e/o degli abstract appena pubblicati dalle Riviste scientifiche più importanti in materia di ambiente lavoro e salute.

EMEROTECA RSS


OH&S Global News
OH&S GLOBAL NEWS

Health and Safety NewsWire from Hazards

Act Now !


I contenuti di diario prevenzione sono distribuiti con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Unported
Privacy Policy

visite dal 23 settembre 2013