Prévention dans le domaine de la robotique collaborative Synthèse de travaux réalisés à l’international

EUROGIP – Paris

Prévention dans le domaine de la robotique collaborative
Synthèse de travaux réalisés à l’international

Note thématique
Novembre 2017 Réf. EUROGIP – 129/F

Réf. Eurogip-129/F novembre 2017
21 x 29,7 cm
20 pages
ISBN: 979-10-91290-8

LA BROCHURE (20 PAGINE .PDF)

HESAMAG. OÙ VA LE TRAVAIL HUMAIN À L’ÈRE DU NUMÉRIQUE ?

HESAMAG

Numéro actuel

HesaMag 16

 

fonte etui

C’est un fait difficilement contestable : les technologies numériques sont en train de révolutionner non seulement nos conditions de travail mais aussi notre rapport au travail. La rencontre entre des équipements toujours plus performants et de puissants algorithmes fait éclore les start-up un peu partout. Ces fameuses plateformes font preuve d’impressionnantes capacités d’adaptation et de contournement des contraintes qui se dressent sur leur route. Elles parviennent à instaurer avec leurs “partenaires” un rapport de force totalement déséquilibré.
Dans l’industrie, débarquent petit à petit des équipements high-tech imaginés pour l’industrie des loisirs (lunettes intelligentes, applications de réalité augmentée, etc.) et une nouvelle génération de robots dits “collaboratifs”, “apprenants” ou même “intelligents”.
Les professions intellectuelles n’échappent pas à la vague. Des plateformes, encore elles, proposent les services de programmeurs, traducteurs, rédacteurs, conseillers juridiques, etc. à des clients répartis à travers le monde.

N° 16

Date: 08/01/2018

Editorial
Actualité européenne
Actualité syndicale
Actualité internationale
Livres
Dossier spécial – Où va le travail humain à l’ère numérique ?

Stati Uniti: la corte d’appello respinge una richiesta dell’industria per ridurre il livello di protezione dei lavoratori contro la silice cristallina

FONTE ETUI 
[traduzione assistita google]

Il 22 dicembre 2017, la Corte d'appello del distretto di Columbia ha respinto le sfide alla norma statunitense sull'esposizione dei lavoratori alla silice cristallina.

Nella sua sentenza, la Corte d'appello ha respinto tutti gli argomenti presentati dalle organizzazioni dei datori di lavoro e ha confermato la validità dello standard sulla silice cristallina. Il limite di esposizione consentito rimane quindi a 0,05 mg / m3. Nell'Unione Europea la recente Direttiva (UE) 2017/2398 ha adottato un valore limite di 0,1 mg / m3, che aumenta considerevolmente il rischio di morte tra i lavoratori europei esposti rispetto alle loro controparti sull'altra sponda dell'Atlantico.

Lo standard sulla silice cristallina è stato adottato dall'OSHA nel settembre 2016. Numerose associazioni del settore hanno voluto sfidare l'applicazione di queste nuove regole sulla protezione, che, secondo le stime OSHA, dovrebbero salvare 600 vite ogni anno. Il contesto politico, con Donald Trump che prendeva il suo posto nella Casa Bianca, sembrava rappresentare una minaccia per le norme sulla salute nei luoghi di lavoro, e il caso di silice cristallina era quindi visto come un test importante per il futuro della legislazione sulla salute sul lavoro .

Si stima che oltre 2 milioni di lavoratori negli Stati Uniti siano esposti a questo cancerogeno. Oltre al cancro del polmone e alla silicosi, la silice cristallina provoca altre malattie ai reni e ai polmoni.

United States: court of appeals rejects an industry request to reduce the level of protection of workers against crystalline silica

On 22 December 2017 the District of Columbia Court of Appeals rejected the challenges to the US Standard on the exposure of workers to crystalline silica.

Leggi tutto “Stati Uniti: la corte d’appello respinge una richiesta dell’industria per ridurre il livello di protezione dei lavoratori contro la silice cristallina”

Migrazione, Salute, Diritti: un approccio multidisciplinare alle relazioni interculturali. Firenze 20.01.2018

FONTE SALUTEINTERNAZIONALE.INFO

Inserito da on 8 gennaio 2018 – 09:35Lascia un commento

Corso di Perfezionamento Migrazione, Salute, Diritti: un approccio multidisciplinare alle relazioni interculturali

Migrazione, salute, diritti: le sfide al sistema italiano di accoglienza

Presentazione del Corso di Perfezionamento “Migrazione, Salute, Diritti: Un Approccio Multidisciplinare Alle Relazioni Interculturali” (2° Edizione)
Sabato 20 gennaio 2018
Ore 9.30 – 13.00
Aula Magna Via Laura , 48

Dipartimento Scienze Politiche e Sociali, Università degli Studi di Firenze

Locandina [PDF: 777 KB ]

Milano, incidente alla Lamina Spa: tre operai morti e uno grave

Un gravissimo incidente sul lavoro alla Lamina Spa, azienda che produce laminati d’acciaio in uno stabilimento alla prima periferia di Milano. L’allarme è scattato alle 16.50 di ieri pomeriggio. Sei operai che stavano pulendo un forno sotterraneo sono stati investiti in pieno da una fuoriuscita di gas e sono rimasti intossicati. Le condizioni di quattro lavoratori sono apparse subito molto gravi, mentre altri due presentavano solo lievi segni di intossicazione. Un operaio era stato portato in codice rosso all’ospedale di Monza, dove è deceduto. Due in codice rosso al San Raffaele in arresto cardiaco (uno è morto in serata) e un quarto collega è arrivato in codice rosso al Sacco ed è deceduto dopo il ricovero in ospedale. Nello stabilimento dell’azienda Lamina Spa sono intervenuti molti mezzi del 118, i vigili del fuoco, i carabinieri e la polizia locale. È rimasto intossicato anche il capo squadra dei vigili del fuoco, tra i primi a prestare soccorso: è stato trasportato in codice giallo al Niguarda per accertamenti.

Per il premier Paolo Gentiloni si tratta di “un terribile incidente sul lavoro”. Il presidente del Consiglio ha quindi rivolto un “pensiero commosso” alle vittime, ai feriti e alle loro famiglie. La Cgil e la Fiom Nazionale chiedono di fare al più presto piena luce sulla vicenda. “Ci auguriamo – si legge in una nota – che gli organi competenti possano, nel più breve tempo possibile, ricostruire la dinamica di quanto accaduto e individuare eventuali responsabilità, ma è indubbio che la tragicità dell’evento non possa non porre grandi interrogativi sul rispetto delle misure di sicurezza previste per il tipo di lavorazione”. “Un altro gravissimo infortunio sul lavoro ripropone la drammaticità del fenomeno nel nostro Paese, che — sottolineano ancora Cgil e Fiom — in questo ultimo anno ha registrato una pericolosa inversione di tendenza”. Per Confederazione e categoria “il tema della sicurezza deve essere prioritario anche nella contrattazione, nel confronto con le associazioni datoriali e nell’attività istituzionale”. “Come sindacati — concludono — continueremo a sostenere l’impegno dei rappresentanti dei lavoratori alla sicurezza, per imporre il pieno rispetto di tutte le norme in materia sui luoghi di lavoro. Non può esistere crescita economica e sociale senza difendere e valorizzare il lavoro”.

AUMENTA LA POVERTA’

 

FONTE  BLOG-LAVOROESALUTE 

Aumento della povertà: in Italia i poveri sono 10,5 milioni. I dati italiani – Stando ai dati del 2016 i primi 7 miliardari italiani posseggono una ricchezza superiore a quella del 30% più povero dei nostri connazionali. L’1% più ricco del Belpaese può contare su oltre 30 volte le risorse del 30%più povero e 415 volte quella del 20% più povero della popolazione. Per quanto riguarda il reddito tra il 1988 e il 2011, il 10% più facoltoso ha accumulato un incremento di reddito superiore a quello della metà più povera degli italiani.

povertà1

Nel mese di dicembre 2017 l’Ufficio Statistico dell’Unione Europea (Eurostat) ha comunicato i dati sulla povertà in Europa, confermando un dato che vediamo spesso anche a Niguarda e nel IX Municipio del Comune di Milano. Basta percorrere nel  pomeriggio le strade in cui si tengono i mercati del nostro quartiere per vedere persone che passano prima degli addetti dell’Amsa, con un coltellino in mano, a raccogliere e mondare parti di frutta e verdura scartata dai commercianti. Ancor più evidente è la povertà se si passa da Viale Monza (MM Villa San Giovanni) dove c’è l’Associazione Pane Quotidiano che ogni giorno offre, gratuitamente, cibo alle fasce più povere della popolazione, distribuendo generi alimentari e beni di conforto a chiunque si presenti presso le proprie sedi e versi in stato di bisogno e vulnerabilità, senza alcun tipo di distinzione, alla sede della Caritas o di altri enti. Leggi tutto “AUMENTA LA POVERTA’”

Cancer Mortality in the U.S. Continues Decades-Long Drop

The report estimates that there will be 1,735,350 new cancer cases and 609,640 cancer deaths in the United States in 2018*. The cancer death rate dropped 26% from its peak of 215.1 per 100,000 population in 1991 to 158.6 per 100,000 in 2015. A significant proportion of the drop is due to steady reductions in smoking and advances in early detection and treatment. The overall decline is driven by decreasing death rates for the four major cancer sites: Lung (declined 45% from 1990 to 2015 among men and 19% from 2002 to 2015 among women); female breast (down 39% from 1989 to 2015), prostate (down 52% from 1993 to 2015), and colorectal (down 52% from 1970 to 2015).

Continue reading at American Cancer Society

Image: The cancer death rate dropped 1.7% from 2014 to 2015, continuing a drop that began in 1991 and has reached 26%, resulting in nearly 2.4 million fewer cancer deaths during that time.

Source: The data is reported in Cancer Statistics 2018, the American Cancer Society’s comprehensive annual report on cancer incidence, mortality, and survival. It is published in CA: A Cancer Journal for Clinicians and is accompanied by its consumer version: Cancer Facts and Figures 2018.

From: American Cancer Society
Published January 4, 2018 11:05 AM
 

Adesso l’amianto presenta il conto: in Lombardia previsti 11mila tumori in trent’anni

Al Policlinico il Registro lombardo: non possiamo perdere un solo caso

di GIULIA BONEZZI

Pubblicato il
Ultimo aggiornamento:
Amianto

Amianto

Milano, 11 gennaio 2017 – Il picco è atteso è atteso nel 2019, quando si prevede che oltre 450 lombardi s’ammaleranno di mesotelioma: il tumore da amianto ha un’incubazione di 40-50 anni, e gli anni ’70 del Novecento sono stati il periodo di maggior uso. Le stime parlano di 11.274 malati al 2029, contati però dal 2000, quando è partito il Registro dei mesoteliomi della Lombardia.

In 18 anni 6.343 casi trattati (ma occorre qualche anno per consolidare i dati), il 30% del totale italiano e, per un tumore raro, casistica rilevante a livello mondiale. Il Registro è al Policlinico di Milano, Padiglione Devoto, nella Clinica del lavoro più antica del mondo (1906). Previsto per legge e solo in teoria finanziato dallo Stato. Tre stanze a pianterreno, pile di fascicoli. «Il mio lavoro è tanta carta: va tenuta per i procedimenti penali, e perché sono dati preziosi, qui facciamo anche ricerca», dice l’epidemiologa Carolina Mensi, responsabile del Registro dal debutto, anche se è assunta dal 2013. Se ne occupa – del Registro che dal 2008 include quello dei tumori professionali delle cavità nasali e dei seni paranasali, e dal 2014 è diventato Cor, Centro operativo regionale che coordina per la Lombardia tutta la ricerca attiva sui tumori a possibile origine professionale – insieme a una segretaria e a una biologa a contratto, pagate coi fondi per la ricerca. Sotto Natale l’epidemiologa era lì ad aggiornare le statistiche e renderle disponibili non solo in ambito scientifico, ma per qualunque cittadino: «Non possiamo permetterci di perdere neppure un caso».

>>>>  L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE : IL GIORNO 

La Prevenzione Diseguale : Biella 11 aprile 2018

 

Fonte Snop.it

La Prevenzione Diseguale : Biella 11 aprile 2018
Un Convegno Innovativo e non solamente  nei temi  affrontati

Luoghi di lavoro sicuri: i requisiti di pavimenti, porte e aperture

Normalmente quando si pensa agli incidenti e alle malattie professionali si fa riferimento per lo più ai rischi relativi alle macchine, ai pericoli di caduta dall’alto, di caduta materiali o di folgorazione, all’esposizione agli agenti fisici o al sovraccarico biomeccanico, ma raramente agli infortuni o alle malattie dovuti alla mancanza di requisiti dei luoghi di lavoro. Ad esempio in relazione alle carenze nella viabilità, nell’illuminazione, nella pavimentazione, o nella presenza di porte, aperture e scale fisse o portatili non sicure.

Ci soffermiamo oggi proprio su alcuni di questi elementi con riferimento al contenuto di un documento correlato al progetto Impresa Sicura, un progetto multimediale – elaborato da EBER, EBAM, Regione Marche, Regione Emilia-Romagna e Inail – che è stato validato dalla Commissione Consultiva Permanente come buona prassi nella seduta del 27 novembre 2013 e che ha affrontato in questi anni il tema della sicurezza in vari comparti lavorativi.

Infatti il documento “ Settore agroalimentare_La lavorazione della carne”, che riporta diverse indicazione sui requisiti dei luoghi di lavoro, sulla normativa, sulla classificazione degli ambienti, dedica un intero paragrafo alla pavimentazione, ai muri e soffitti, alle finestre, alle scale e alle banchine e rampe di carico.
L’articolo segue alla fonte PUNTOSICURO.IT

Rapporto Settimanale n° 2 . Rapid Alert System è il sistema UE per tutti i prodotti di consumo pericolosi, ad eccezione di alimenti, prodotti farmaceutici e dispositivi medici.

Rapid Alert System è il sistema UE per tutti i prodotti di consumo pericolosi, ad eccezione di alimenti, prodotti farmaceutici e dispositivi medici. La relazione include informazioni dettagliate sui prodotti interessati, i rischi, lo Stato membro notificante e le misure adottate in risposta. Il sistema di allarme rapido consente uno scambio rapido di informazioni tra 31 paesi europei e la Commissione europea in merito a prodotti non alimentari pericolosi che presentano un rischio per la salute e la sicurezza dei consumatori. Ogni settimana, un aggiornamento delle ultime segnalazioni inviate dagli Stati membri è pubblicato sul sito web. Questo servizio di messaggi consente agli abbonati di essere informati su questi avvisi ogni settimana. Per leggere la scheda delle segnalazioni clicca

Osha: Risk assessment tools under peer review

OSH News
09/01/2018

The Commission organised a peer review meeting for web-based risk assessment tools, to facilitate mutual learning and discuss advantages and challenges of the different approaches. Participants from Belgium, Bulgaria, Estonia, Finland, Norway, Slovenia, Portugal and Sweden gathered to discuss national approaches, many of them based on OiRA (Online interactive risk assessment ) in the use of web-based tools for compliance with EU regulation for risk assessment.

The event was hosted by the Irish Health and Safety Authority. Ireland has already developed its own tool, the Business Electronic Safety Management and Risk Assessment Tool (BeSMART) , to help businesses reduce unnecessary administrative burden of legislative compliance. BeSMART is part of the IRAT  (interactive risk assessment tools) network, set up by EU-OSHA to improve communication and sharing of good practice between partners.

Learn more about the initiative and find the related documents 

Further information about OSH e-tools

 

STRAGE INFINITA: Servizio sul TG3 “Fuori TG” del 09/01/2018 di Valeria Collevecchio

Bologna, 10 gennaio 2018

Ottima prestazione del servizio pubblico televisivo RAI, che con il servizio appassionato e chiaro della giornalista Valeria Collevecchio, a dato la misura della strage di Amianto ancora in corso.

“STRAGE INFINITA”  è il titolo del servizio andato in onda sulla rubrica del TG3 “Fuori TG” del 09/01/2018

Il servizio, frutto di un lavoro di approfondimento certosino, ha dato conto dei drammi di Casale Monferrato e delle Officine Grandi Riparazioni di Bologna. Due realtà paradigmatiche, la prima sullo stabilimento ETERNIT e sul dramma che ha colpito oltre ai lavoratori e ai loro familiari, anche i cittadini di Casale Monferrato, la seconda sui lavoratori delle Officine Grandi Riparazioni delle FF.SS. di Bologna che lavoravano sugli elettrotreni, imbottiti di amianto.

Per l’OGR, le testimonianze sono di Salvatore Fais, Giovannino Albanese, Antonio Matteo ex-lavoratori OGR, Leda Cattani Zanantoni vedova del lavoratore OGR Fabio Gherla e Andrea Caselli presidente di AFeVA Emilia Romagna

Il servizio si apre con la domanda “CHI SONO I COLPEVOLI?….”

Per vedere o rivedere il servizio clicca qui

 

E’ disponibile on line. PdE. Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente

PdE. Rivista di psicologia applicata all’emergenza, alla sicurezza e all’ambiente
Anno 14, numero 47. Gennaio 2018

Per il download clicca QUI

In ricordo di Antonella Bruschi

In ricordo di Antonella Bruschi
Mercoledì 10 Gennaio 2018 12:15
 

Antonella ci ha lasciati, troppo presto, da pochi giorni. Ricordiamo qui la sua attività appassionata di medico del lavoro con uno scritto di chi ha lavorato al suo fianco e con un suo recente intervento, dal quale emergono la sua sensibilità ed il suo impegno sul tema dei cambiamenti del lavoro e delle loro conseguenze sulla salute. Andare avanti in questo impegno sarà il modo migliore per ricordarla.

Attachments:
File File size
Download this file (Antonella.pdf)Antonella.pdf 100 Kb
Download this file (Rischi emergenti Bruschi.pdf)Rischi emergenti Bruschi.pdf 619 Kb