Pubblicato il Rapporto Prevenzione 2017 – Nuovi strumenti per una prevenzione efficace

FONTE OSSERVATORIOPREVENZIONE

L’importanza strategica della prevenzione e la necessità di adeguati investimenti in questo settore continuano a essere, in Italia forse più che in altri Paesi, ancora sottostimate.

Sebbene gli interventi realizzati dal Governo negli ultimi anni, inclusi i Piani Nazionali della Prevenzione, sembrino indicare un’importante inversione di tendenza, la convinzione, tra gli studiosi di sanità pubblica e gli operatori del settore, è che il cammino da fare per il raggiungimento di una prevenzione realmente al passo dei tempi sia ancora lungo.

Leggi tutto “Pubblicato il Rapporto Prevenzione 2017 – Nuovi strumenti per una prevenzione efficace”

Prevenzione delle malattie correlate al lavoro: EU-OSHA lancia una nuova sezione del suo sito

FONTE OSHA.EU

 

Stime recenti hanno evidenziato che le malattie correlate al lavoro causano circa 200.000 decessi l’anno in Europa. Le malattie e gli infortuni legati al lavoro rappresentano un costo per l’Unione europea pari a circa 476 miliardi di EUR, che potrebbero essere risparmiati attraverso le giuste strategie, politiche e pratiche in materia di sicurezza e salute sul lavoro (SSL). La sensibilizzazione nei confronti di queste malattie, compresi i tumori professionali, è una priorità per l’EU-OSHA.

La ricerca condotta dall’EU-OSHA mira a fornire una base comprovata di conoscenze per l’elaborazione delle politiche e contribuire a condividere buone pratiche in materia di prevenzione e riabilitazione. Nella sua attività di ricerca recente, l’EU-OSHA si è concentrata sui sistemi di allarme e sentinella in materia di sicurezza e salute sul lavoro, sulle malattie sul lavoro causate da agenti biologici, nonché sulla riabilitazione e sul rientro al lavoro dei lavoratori dopo una terapia oncologica.

Maggiori informazioni sui progetti dell’EU-OSHA sulle malattie correlate al lavoro nella nuova sezione del sito

Neve e gelo, i consigli della SUVA per chi lavora all’aperto

Freddo, gelo, neve e giornate corte possono essere una minaccia per chi lavora all’aperto. Adrian Bloch, capo del Settore costruzioni alla Suva, spiega come affrontare al meglio le insidie dell’inverno.

Adrian Bloch, quali sono le insidie per chi lavora all’esterno nei mesi invernali?
Uno dei pericoli è sicuramente il ghiaccio che rende le strade scivolose. Per evitare rovinose cadute in piano e dall’alto è quindi necessario tenere sempre sgombre le vie di circolazione e i posti di lavoro. Poi, a complicare le cose ci si mette anche la scarsa luminosità al mattino e alla sera e quindi è importante garantire una corretta illuminazione. Infine, a chi lavora all’aperto consigliamo di indossare indumenti ad alta visibilità e con bande riflettenti per essere sempre ben visibili.

Anche il freddo è un fattore di rischio?
Sicuramente. Il freddo indebolisce il fisico in quanto riduce la flessibilità, la sensibilità e l’agilità del corpo. Fortunatamente però ci si può difendere scegliendo indumenti di lavoro, calzature, guanti, berretti adatti alla stagione invernale e tenendo riscaldati le baracche e i container per gli operai. Consumare bevande calde, senza alcol, e fare le giuste pause serve anche a sopportare meglio le dure condizioni di lavoro dettate dall’inverno.

Quale consiglio dà ai superiori?
Sensibilizzare i dipendenti sui pericoli legati all’inverno è fondamentale se si vogliono evitare gli infortuni. La cosa importante è stabilire un responsabile che spazzi la neve, sparga la sabbia e il sale sulle strade ecc. Poi, bisogna anche verificare che le misure siano effettivamente applicate. Se ci si trova a operare in un contesto pieno di insidie, bisogna sospendere i lavori e adottare le necessarie misure di sicurezza prima di riprendere i lavori. Anche in inverno non bisogna mai dimenticare che la sicurezza sul lavoro deve essere imposta dall’alto.

Con la lista di controllo Suva “Pericoli invernali” è possibile gestire al meglio le insidie dell’inverno.

Fonte: SUVA

Approccio proattivo alla gestione del sistema integrato Ambiente e Sicurezza

Approccio proattivo alla gestione del sistema integrato Ambiente e Sicurezza
11/01/2018: Se l’obiettivo è quello dell’integrazione dei sistemi di gestione Ambiente e Sicurezza nella normale prassi di gestione d’impresa, allora l’intera organizzazione aziendale deve essere coinvolta.

Negli ultimi anni si è diffuso nel nostro paese un approccio verso la gestione delle problematiche ambientali e della sicurezza sul lavoro diretto ad una integrazione delle stesse in un più ampio sistema di gestione aziendale che comprende anche il sistema Qualità.

E’ ormai noto a tutti gli addetti ai lavori che i sistemi o, meglio, i sottosistemi Ambiente e Sicurezza influenzano sia la competitività che l’ottimizzazione della gestione dell’azienda nel proprio mercato di riferimento in quanto potenzialmente in grado di condizionarne fortemente l’intera attività.

Basti pensare, come nel caso delle grandi aziende multinazionali, che il rischio, per loro complessivamente non accettabile, è quello del danno all’immagine ed alla reputazione. Infatti, grazie alla globalizzazione ed all’accesso, relativamente facile, a fonti d’informazione sul web realmente indipendenti, un qualunque evento che coinvolga la tutela dell’ambiente o la sicurezza e la salute dei dipendenti, in un qualunque paese in cui l’azienda è presente, si riflette immediatamente in tutto il mondo con la conseguente mobilitazione della pubblica opinione e, non ultimo, l’avvio di campagne di boicottaggio mirate.

Pertanto, l’aver prima implementato e poi il mantenere efficaci i sistemi di gestione Ambiente e Sicurezza, aiuta le aziende a tenere costantemente sotto controllo queste potenziali sorgenti di rischio ed:

• aumenta l’affidabilità del sistema aziendale diminuendo le probabilità del verificarsi degli eventi citati;

• garantisce l’integrità del business aziendale mantenendo, così, intatta, per le aziende quotate in borsa, la capacità di attrazione verso gli investitori.

L’ARTICOLO PROSEGUE ALLA FONTE:   PUNTOSICURO.IT

Prévention dans le domaine de la robotique collaborative Synthèse de travaux réalisés à l’international

EUROGIP – Paris

Prévention dans le domaine de la robotique collaborative
Synthèse de travaux réalisés à l’international

Note thématique
Novembre 2017 Réf. EUROGIP – 129/F

Réf. Eurogip-129/F novembre 2017
21 x 29,7 cm
20 pages
ISBN: 979-10-91290-8

LA BROCHURE (20 PAGINE .PDF)

Osha: Risk assessment tools under peer review

OSH News
09/01/2018

The Commission organised a peer review meeting for web-based risk assessment tools, to facilitate mutual learning and discuss advantages and challenges of the different approaches. Participants from Belgium, Bulgaria, Estonia, Finland, Norway, Slovenia, Portugal and Sweden gathered to discuss national approaches, many of them based on OiRA (Online interactive risk assessment ) in the use of web-based tools for compliance with EU regulation for risk assessment.

The event was hosted by the Irish Health and Safety Authority. Ireland has already developed its own tool, the Business Electronic Safety Management and Risk Assessment Tool (BeSMART) , to help businesses reduce unnecessary administrative burden of legislative compliance. BeSMART is part of the IRAT  (interactive risk assessment tools) network, set up by EU-OSHA to improve communication and sharing of good practice between partners.

Learn more about the initiative and find the related documents 

Further information about OSH e-tools

 

Nocca (Nordic Occupational Cancer), l’outil nordique pour mieux prévenir les cancers

“Riceviamo da Laurent Vogel questo interessante articolo che illustra i risultati di un progetto che incrociando i dati di patologie tumorali con quelli relativi alla professione ha permesso di evidenziare una maggior incidenza in alcuni settori lavorativi, con associazioni in parte inedite.

Il progetto ha coinvolto 5 paesi del nord Europa e ha analizzato 2,8 milioni di casi di cancro.

Il progetto ha molte similitudini con il nostro OCCAM utilizzato da diversi Servizi territoriali ma non esteso, tanto meno a livello nazionale, e che comunque è legge all’articolo 244 del DLGs81/2008″

Allegati:
Scarica questo file (Vogel-International101.pdf)Articolo di Laurent Vogel [ETUI]

Istat. Annuario statistico italiano 2017

Segnalazioni Strumenti di Lavoro

L’Annuario statistico italiano offre di anno in anno un articolato ritratto dell’Italia e della sua evoluzione, favorendo una lettura integrata dei fenomeni in atto. Con il suo apparato di informazioni e metadati, l’Annuario costituisce per esperti, policy maker e cittadini un importante strumento per orientarsi all’interno dell’offerta di dati e fonti.

L’Annuario in capitoli

Il volume può essere consultato per singoli capitoli, di cui è possibile scaricare:

il testo in formato pdf con approfondimenti, glossario, tavole e metodi (ove disponibili)
lo zip contenente tavole, prospetti e grafici in formato xls con accesso diretto ai dati di interesse
la documentazione relativa alle fonti da cui originano i dati (note metodologiche).

PER SCARICARE I DATI VAI ALLA PAGINA DEL SITO ISTAT

Intervenir dans l’entreprise pour soutenir la discussion sur le travail comme moyen de transformation

Action et conditions de l’action
Activity Clinic Interventions for Fostering Discussions About Work. Action and Requirements for Action
Intervenir en la empresa para apoyar la discusión sobre el trabajo como un medio de transformación. Acción y condiciones de la acción
Christophe Massot et Pascal Simonet
 
Per leggere l’articolo completo vai alla fonte Perspectives interdisciplinaires sur le travail et la santé (PISTES)
 
Nota di Editor  E’ palese che l’articolo che segnaliamo è il risultato di ricerca  in un contesto normativo e gestionale della sicurezza differente da quello italiano. E’ interessante conoscere le modalità di approccio ai problemi con lo strumento della partecipazione dei soggetti che si intende tutelare.

MATline: uno strumento per individuare, conoscere e prevenire il rischio da agenti cancerogeni in ambiente di lavoro

FONTE PREVENZIONEINCORSO

MATline: uno strumento per individuare, conoscere e prevenire il rischio da agenti cancerogeni in ambiente di lavoro

Luisella Gilardi

 

Abstract

Una matrice di previsione delle esposizioni lavorative a sostanze cancerogene

 

Full Text

PDF

DOI: http://dx.doi.org/10.13135/2532-392X/2485