Un atteso declassamento alla regola del distanziamento sociale di due metri rischia di causare  "più focolai"  di coronavirus nel settore della lavorazione della carne, Uniti, Regno Unito e il più grande sindacato dell'Irlanda, ha dichiarato oggi (lunedì 22 giugno).

Unite ha chiesto un  "intervento significativo"  da parte sia del governo che dei datori di lavoro per impedire la diffusione di Covid-19 negli stabilimenti di trasformazione delle carni per accompagnare qualsiasi declassamento delle misure di allontanamento sociale, compresi regimi migliori in materia di salute e sicurezza e miglioramenti nei test e nella tracciabilità.

La prevalenza di focolai di coronavirus negli stabilimenti di trasformazione delle carni rende inoltre indispensabile ai ministri e ai datori di lavoro garantire che i lavoratori, che hanno bisogno di autoisolarsi, possano essere pagati nell'ambito del regime di retribuzione del lavoro (JRS) o che i loro tassi di indennità di malattia siano aumentati , Ha detto Unite.

Il sindacato ha affermato che era  "inevitabile"  che alcuni operai delle fabbriche di carne a basso reddito con  "contratti di sfruttamento" , che avrebbero dovuto essere autoisolanti, continuassero a lavorare perché hanno diritto a una indennità di malattia obbligatoria (SSP) di £ 95,85 a settimana.

Il responsabile  nazionale Unite Bev Clarkson ha dichiarato:  “Molti datori di lavoro notano a malapena la regola del distanziamento sociale di due metri così com'è. Qualsiasi declassamento per l'industria della carne nell'attuale ambiente fornirà semplicemente ai capi irresponsabili la scusa di cui hanno bisogno per eliminare completamente le distanze sociali. In parole povere, rischierà più focolai nelle fabbriche in tutto il paese.  

“Prima che vengano adottate nuove misure, i ministri e i datori di lavoro devono fare i conti con l'ondata di focolai verificatisi ai sensi della presente regola dei due metri. Oltre a regimi più rigorosi in materia di salute e sicurezza nelle fabbriche, è necessario migliorare i sistemi di prova e tracciabilità dei contatti all'interno del settore. 

“Altrettanto importante è il fatto che troppi addetti alla lavorazione della carne semplicemente non possono permettersi di ammalarsi e sono costretti a ignorare le regole per mettere il cibo in tavola. Siamo ora in una situazione in cui la retribuzione della povertà e i contratti di sfruttamento endemici del settore stanno avendo un impatto diretto sulla salute pubblica. 

"I ministri e i datori di lavoro devono fare un passo avanti e fornire una retribuzione per malattia che le persone possano sopravvivere o consentire a questi lavoratori di essere licenziati".

ENDS

Note per i redattori:

I datori di lavoro hanno il "dovere" di salvaguardare il personale e il pubblico in quanto "sospetti" più focolai di coronavirus nelle fabbriche di carne.

Durante la crisi del coronavirus, Unite sta lavorando per proteggere i lavoratori e il pubblico, per difendere il lavoro e proteggere i redditi.

Unite è il più grande sindacato della Gran Bretagna e dell'Irlanda con membri che lavorano in tutti i settori dell'economia. Il segretario generale è Len McCluskey.